Vi siete persi la prima tv del film d'animazione su van Gogh? ╚ disponibile su RaiPlay


Se vi siete persi la prima visione televisiva di Loving Vincent, il primo lungometraggio d’animazione che racconta la vita e l’arte di van Gogh, è ora disponibile su RaiPlay.

Vi siete persi la prima visione in tv del film d’animazione Loving Vincent in onda il 26 dicembre alle ore 22 su Rai3? Non vi preoccupate, è disponibile su RaiPlay, per vederlo quando e quanto desiderate. 

Uscito nelle sale cinematografiche nel 2017 nell’ambito de La Grande Arte al Cinema e visibile solo nei giorni 16-17-18 ottobre dello stesso anno, ora per la prima volta è stato trasmesso in tv. Si tratta del primo lungometraggio (91 minuti) interamente dipinto su tela che racconta le opere e la vita di Vincent van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890). Il film d’animazione è stato infatti realizzato mediante l’elaborazione dei quadri più celebri del pittore: migliaia di immagini (65mila) compiute da 125 artisti che unite hanno dato vita a un lungometraggio di forte impatto. Nel corso del film, sono riconoscibili in una narrazione fluida i capolavori dell’artista: novantaquattro suoi dipinti sono stati riprodotti in forma simile a quella originale, mentre oltre trenta sono stati rappresentati in forma parziale. 

Il risultato è un poetico connubio tra arte, tecnologia e pittura: sono infatti i dipinti ad accompagnare lo spettatore nella biografia e nell’attività creativa del pittore olandese. Tra questi, Caffè di notte, Campo di grano con volo di corvi, Notte stellata, il Ritratto del dottor Gachet e gli immancabili Autoritratti dell’artista stesso. Attraverso i quadri animati si snoda la vita di van Gogh, nonché la trama del film. Scritto e diretto da Dorota Kobiela e Hugh Welchman, Loving Vincent prende il via nell’estate 1891, in Francia. Un giovane privo di aspirazioni, Armand Roulin, riceve da suo padre, il postino Joseph Roulin, una lettera da consegnare a mano, a Parigi, a Théo van Gogh, fratello di Vincent. Il pittore si era da poco tolto la vita. Armand non è per nulla felice della missione che gli è stata affidata: è imbarazzato dall’amicizia che legava suo padre e Vincent, un pittore straniero che si è tagliato l’orecchio ed è stato internato in un manicomio locale. A Parigi non c’è però alcuna traccia di Théo. La ricerca di quest’ultimo condurrà Armand da Père Tanguy, commerciante di colori, e successivamente nel tranquillo villaggio di Auvers-sur-Oise, dal medico che si occupò di Vincent nelle sue ultime settimane di vita, il dottor Paul Gachet. Andrà poi nella locanda dei Ravoux, dove Vincent soggiornò nelle ultime dieci settimane e dove il 29 luglio 1890 morì per un proiettile nell’addome. Qui Armand incontrerà anche la figlia del proprietario, Adeline Ravoux, la domestica e figlia del dottore e, presso il fiume, anche il barcaiolo che conobbe il pittore. Continue rivelazioni si susseguiranno per un viaggio appassionante e straziante allo stesso tempo. 

I personaggi del lungometraggio s’ispirano inoltre ad attori noti: Vincent van Gogh ha le sembianze di Robert Gulaczyk, Adeline Ravoux di Eleanor Tomlinson, Armand Roulin è “interpretato” da Douglas Booth; e ancora, il dottor Gachet è Jerome Flynn, la figlia Marguerite Gachet è Saoirse Ronan, il postino Joseph Roulin è Chris O’Dowd, il negoziante che forniva i colori a van Gogh Père Tanguy è John Sessions, Aidan Turner veste il ruolo del barcaiolo e infine Helen McCrory veste il ruolo della domestica del dottor Gachet Louise Chevalier. 

Loving Vincent è stato candidato al Premio Oscar nel 2018 come miglior film d’animazione. 

Per vedere Loving Vincent su RaiPlay clicca qui

 

Vi siete persi la prima tv del film d'animazione su van Gogh? ╚ disponibile su RaiPlay
Vi siete persi la prima tv del film d'animazione su van Gogh? ╚ disponibile su RaiPlay


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma