Al cinema, solo per tre giorni, un docu-film dedicato a Jeff Koons ne traccia un ritratto inedito


Arriva al cinema, nell’ambito de La Grande Arte al Cinema, il docu-film prodotto da Nexo Digital dedicato a Jeff Koons. Il regista Pappi Corsicato conduce lo spettatore alla scoperta del suo protagonista, in un ritratto totalmente inedito.

Nei giorni 23, 24 e 25 ottobre 2023 sarà proiettato nelle sale cinematografiche di tutta Italia il docu-film Jeff Koons. Un ritratto privato, con la regia di Pappi Corsicato e prodotto da Nexo Digital nell’ambito de La Grande Arte al cinema. Dopo il grande successo della mostra di Palazzo Strozzi a Firenze che ha raggiunto gli oltre 170mila visitatori, ora arriva al cinema il film che celebra uno degli artisti più influenti, popolari e controversi degli ultimi decenni.

Il film racconta le dinamiche nascoste dietro la persona, l’artista e il marchio Koons. Passando dall’America all’Europa e al Qatar attraverso varie decadi. Attraverso le parole di Koons, della sorella, della moglie e dei figli, ma anche di critici, galleristi, artisti e studiosi come Mary Boone, Jeffrey Deitch, Massimiliano Gioni, Antonio Homem, Dakis Joannou, Stella McCartney, Andy Moses, Norman Rosenthal, Scott Rothkopf, Julian Schnabel, Linda Yablonsky, il docu-film conduce in un viaggio intimo nella mente di Jeff Koons, con l’obiettivo di scoprire cosa lo motiva oggi e cosa ha plasmato nel corso della sua carriera la sua visione. Un mondo in cui gli oggetti quotidiani e la nostalgia per il pop del XX secolo trascendono le loro forme originali, si trasformano in opere d’arte, lasciando che lo spettatore guardi dentro le proprie riflessioni.

Pappi Corsicato conduce lo spettatore passo dopo passo alla scoperta del suo protagonista, in un ritratto totalmente inedito, ripercorrendone i quarant’anni di carriera ed esplorandone la produzione e il metodo comunicativo. Gli intervistati vengono mostrati come testimoni della vita e dell’opera di Koons, mentre la storia si snoda attraverso alcuni luoghi chiave, necessari per esplorare la sua vita dalla periferia degli anni Cimquanta, all’ascesa come superstar negli anni Ottanta fino a raggiungere lo status di icona: l’artista vivente con un prezzo d’asta record da Christie’s. A York, in Pennsylvania, verranno indagate le radici e la vita quotidiana di Koons, trascorsa con la moglie ed ex assistente Justine Wheeler e i loro sei figli. È qui che è nato e cresciuto Koons, figlio di un commerciante di mobili e arredatore d’interni. Ed è qui che trovano dimora i suoi ricordi più antichi, ricordi essenziali per la struttura del suo lavoro. Una giovinezza rivissuta attraverso cimeli quotidiani, spesso denigrati come kitsch, che l’artista è riuscito a trasformare nella base del suo trionfo: oggetti come giganteschi palloncini gonfiabili a forma di animale e statuine Hummel in porcellana.

A New York, mentre assiste al processo creativo e alle dinamiche tra i suoi assistenti, si vedrà come Jeff Koons ripensi agli anni della formazione in cui si è evoluto dal ruolo di broker a Wall Street ad assistente dell’artista Ed Paschke fino alla svolta alla fine degli anni Settanta. Con l’aiuto di filmati d’archivio e cinegiornali, sarà mostrata l’ascesa del suo fenomeno nei decenni successivi e le polemiche che hanno circondato alcuni dei suoi lavori più famosi, come Made in Heaven, dove posava nudo mentre faceva sesso con l’allora moglie pornostar Ilona Staller, o la serie The New che presentava una sequenza di aspirapolveri Hoover dichiarandola simbolo della società contemporanea. Si avrà modo di ascoltare quello che altri artisti e celebrità pensano di lui, delle sue opere e della differenza tra l’artista e il marchio Jeff Koons. Si seguirà poi Jeff Koons durante il suo tour di cinque mostre del 2021 attraverso l’Europa e nella sua retrospettiva di Palazzo Strozzi a Firenze: Shine.

Si assisterà tuttavia, questo è l’intento, a un Koons mai visto: lontano dagli allestimenti e dai riflettori, l’artista racconterà la bellezza nascosta e le qualità artistiche di oggetti che non avremmo mai nemmeno immaginato di portare a casa. Oggetti che, trasformati dalla sua mente, possono diventare beni da milioni di dollari.

Per le musiche originali del film, il regista Pappi Corsicato si è rivolto a Enrico Gabrielli. Musicista di formazione classica, polistrumentista, compositore, arrangiatore e produttore, nonché componente in pianta stabile dei Calibro 35 e fondatore della collana discografica 19’40”. Gabrielli si è avvalso, per la realizzazione delle musiche, della formazione con cui collabora stabilmente da alcuni anni: gli Esecutori di Metallo su Carta. Due dei brani originali presenti nella colonna sonora, inoltre, portano la firma del musicista elettronico e sound designer Ettore Bianconi (Baustelle, :absent.). La colonna sonora originale del film, la prima di Enrico Gabrielli per Nexo Soundtracks, verrà pubblicata nell’autunno 2023 su etichetta Nexo Digital e distribuzione Believe.

La Grande Arte al Cinema è un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital.

Per il 2023 la Grande Arte al Cinema è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner Radio Capital, Sky Arte, MYmovies.it e in collaborazione con Abbonamento Musei.

Per tutte le info è possibile visitare il sito www.nexodigital.it

Poster di Jeff Koons. Un ritratto privato
Poster di Jeff Koons. Un ritratto privato
Allestimenti mostra Shine di Jeff Koons. Foto di Ela Bialkowska - OKNO Studio
Allestimenti mostra Shine di Jeff Koons. Foto di Ela Bialkowska - OKNO Studio

La consultazione di questo articolo è e rimarrà sempre gratuita. Se ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020