Nasce un gioco di carte per far conoscere musei e opere d'arte a bambini e ragazzi


Si chiama MUSArty ed è un gioco di arte pensato per far conoscere i musei, i siti archeologici, le chiese e le opere d’arte ai bambini e ai ragazzi. Lo ha ideato un’azienda romana e la prima edizione è dedicata proprio al patrimonio di Roma.

Nasce un gioco di carte per far conoscere ai più piccoli i musei, i siti archeologici e le opere d’arte. Il gioco si chiama MUSArty, ed è ideato, realizzato e prodotto dalla COM.ING s.r.l di Roma. Il gioco è stato pensato per avvicinare i bambini al mondo dei musei e dell’arte, onde far nascere in loro la curiosità rispetto ai luoghi della cultura protagonisti del gioco e non solo.

Giocando con MUSArty, i bambini possono imparare a riconoscere un’opera (associandola al suo autore, o ad un’epoca), un sito archeologico o un monumento, possono ricordare i capolavori più importanti di un museo o di una galleria. La COM.ING ha voluto dedicare la prima edizione del gioco al “museo dei musei”, la città di Roma, riproducendo sulle carte e nelle categorie in base alle quali si gioca i suoi più importanti monumenti, luoghi archeologici, musei, basiliche. MUSArty vuole rappresentare una sorta di tour anche grazie ai due QR Code presenti su ogni carta che consentono di approfondire la conoscenza di ogni sito e di geolocalizzarlo.

Il gioco è disponibile in tre lingue (inglese, italiano e cinese), scelte tenendo conto delle diverse provenienze dei turisti che giungono nella capitale. Inoltre, in base all’età dei giocatori, può essere giocato in tre modi diversi. Perfezionato tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, ha trovato la sua prima diffusione grazie alla disponibilità di Zetema Progetto Cultura, che lo ha messo in vendita presso le due ludoteche di Casina Raffaello e Technotown e presso il circuito Musei in Comune (in particolare, Palazzo Braschi, Musei Capitolini e Museo dell’Ara Pacis). Successivi accordi hanno portato MUSArty presso i bookshop di EXPLORA Museo dei Bambini, del Colosseo (grazie alla disponibilità di Electa S.p.A.), del MAXXI-Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo (grazie ad Inedita Srl).

Il gioco si compone di due mazzi di 56 carte: in tutto, ci sono 90 carte “sito” suddivise in 12 categorie diverse, e 22 carte speciali. I destinatari sono bambini e ragazzi da 5 anni in su. Il gioco è pensato per un numero tra 2 e 6 giocatori, ogni partita dura 15-30 minuti a seconda del gioco. Per informazioni è possibile visitare il sito di COM.ING.

Nasce un gioco di carte per far conoscere musei e opere d'arte a bambini e ragazzi
Nasce un gioco di carte per far conoscere musei e opere d'arte a bambini e ragazzi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma