Topolino e la Minni Alata, l'omaggio Disney alla celebre statua restaurata di Brescia


Topolino omaggia il ritorno a Brescia e il restauro della Vittoria Alata con una storia a fumetti.

Da oggi è in edicola il nuovo numero di Topolino e una storia a fumetti al suo interno celebra la Vittoria Alata, tra le più straordinarie statue in bronzo di epoca romana, che dopo due anni di restauro è tornata a Brescia. In occasione del suo ritorno a casa, è stata inaugurata anche Incancellabile Vittoria, la nuova installazione monumentale di Emilio Isgrò collocata sulla parete nord della fermata Stazione FS della Metropolitana. 

La storia Topolino e l’avventura della Minni Alata omaggia quindi la famosa scultura e la sua storia: è stata scritta da Roberto Gagnor e disegnata da Valerio Held. Viene raccontato un furto mancato, quello di Trudy e Gambadilegno che entrano come ladri al museo di Santa Giulia di Brescia, ma restano ostaggio di un ologramma didattico che narra la vicenda e il mito della Minni Alata. I due ladri compieranno così un viaggio nel tempo, dall’antica Grecia ai giorni nostri. 

La storia disneyana s’ispira infatti alla Vittoria Alata che arrivò a Brescia durante l’Impero Romano e che venne scoperta nel 1826 durante scavi archelogici nel tempio romano della città.

La Fondazione Brescia Musei e il Comune di Brescia doneranno una copia di questo numero di Topolino a tutti gli studenti di scuola primaria e dell’infanzia di Brescia. 

Topolino e la Minni Alata, l'omaggio Disney alla celebre statua restaurata di Brescia
Topolino e la Minni Alata, l'omaggio Disney alla celebre statua restaurata di Brescia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma