Il film su Pina Bausch diretto da Wim Wenders si può vedere gratis online


Venerdì 8 maggio, per la Giornata Internazionale della Danza, il film ’Pina’ di Wim Wenders sarà trasmesso in streaming gratuitamente.

Venerdì 8 maggio sarà la Giornata Internazionale della Danza, e per l’occasione la casa di distribuzioni BiM, la Fondazione Romaeuropa e il portale specializzato MyMovies lanciano un evento speciale: alle 20:30, sulla piattaforma MyMovies Live, sarà infatti trasmetto il film Pina di Wim Wenders, documentario del 2011 diretto da Wim Wenders. Si tratta di un film girato in 3D e dedicato alla nota coreografa e ballerina tedesca Pina Bausch (Philippine Bausch; Solingen, 1940 - Wuppertal, 2009), presentato fuori concorso alla 61^ edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino, vincitore del premio come Miglior documentario al Deutscher Filmpreis del 2011, e uscito al cinema il 4 novembre 2011.

La trasmissione del film sarà preceduta da un dibattito che coinvolgerà esperti di danza e cinema e che sarà introdotto da Gaia Clotilde Chernetich, drammaturga, autrice e studiosa di danza e teatro. Parteciperanno, tra gli altri, Monique Veaute, presidente della Fondazione Romaeuropa, Francesca Pennini, coreografa della compagnia ColletivO CineticO e Marzia Gandolfi, critica cinematografica.

Per poter vedere Pina e il precedente dibattito in streaming occorrerà collegarsi all’indirizzo https://www.mymovies.it/film/2011/pina/live/ e prenotare uno dei posti disponibili nella sala virtuale.

Nell’immagine: un fotogramma di Pina di Wim Wenders.

Il film su Pina Bausch diretto da Wim Wenders si può vedere gratis online
Il film su Pina Bausch diretto da Wim Wenders si può vedere gratis online


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER