A Bergamo il primo festival dedicato all'illustrazione ad acquerello


Il 25 e il 26 settembre 2021, Bergamo ospita “Storie ad acquerello”, il primo festival dedicato all’illustrazione ad acquerello, un evento per tutti, bambini e adulti.

Il 25 e 26 settembre 2021 è in arrivo a Bergamo il primo festival dedicato all’illustrazione ad acquerello. Si tratta di Storie ad acquerello e vedrà la partecipazione di 20 artisti, che daranno vita a 5 mostre di acquerello e illustrazione, 15 workshop, 6 dimostrazioni, 5 conferenze. La manifestazione, ideata, curata e progettata dall’illustratrice bergamasca Laura Cortinovis, freelance e autrice di libri per bambini, è organizzata in collaborazione con SpazioCam (Associazione culturale di Bergamo dedicata all’arte e a corsi di vario genere) e Momarte, lo store online dedicato al mondo dell’arte, ed è dedicata a tutti coloro che desiderano immergersi nell’arte dell’acquerello applicata all’illustrazione: appassionati, dilettanti ed esperti, adulti e bambini, conoscitori o fruitori, artisti o semplici curiosi.

“L’acquerello”, dice Cortinovis, “è uno strumento di narrazione nelle mani dell’artista: si possono raccontare storie attraverso giochi di acqua e colore. Le Immagini catturano mondi di fantasia e reali, astratti e concreti. La leggerezza del gesto, le sfumature e le trasparenze si trasformano in emozione per chi osserva. Le illustrazioni diventano porte su mondi meravigliosi. Storie ad Acquerello è il festival che trasporterà la città di Bergamo nell’atmosfera onirica di questa tecnica pittorica, in un contesto storico e culturale di pregio. Artisti di rilievo del settore coloreranno con il loro stile i luoghi più belli della città”. Storie ad Acquerello rappresenta una doppia prima volta: una prima edizione di un festival che per primo in Italia è dedicato all’acquerello che si esprime nell’illustrazione. “Nasce tutto da un’idea prima e dalla volontà poi di avvicinare chiunque al mondo dell’acquerello e dell’illustrazione per l’infanzia, e non solo”, aggiunge Cortinovis. “Per questo è un progetto dal profondo valore simbolico e narrativo: siamo pronti a portare a una dimensione pop tutta la cultura che ruota intorno a questo mondo, ad offrire nuove suggestioni e punti di vista su una disciplina che fa parte del nostro immaginario visivo e delle nostre radici. E anche pronti a creare un ponte di connessione tra tutti i partner che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, consci che una prima edizione in un anno come questo può essere una grande sfida organizzativa”, dichiara Laura Cortinovis”.

Il programma di Storie ad Acquerello vede tra gli ospiti confermati alcuni tra i nomi di maggior rilievo nel mondo dell’illustrazione e dell’acquerello. Artisti e professionisti pronti a mettere a disposizione del pubblico le loro competenze e i loro lavori grazie ad un fitto programma di incontri, mostre, workshop e dimostrazioni. Tra i tanti che hanno aderito all’edizione 2021, anche gli illustratori Giovanni Manna e Alessandro Sanna e l’autrice Giusi Quarenghi, vincitori negli anni passati del premio Andersen, il più prestigioso riconoscimento italiano attribuito ai migliori libri per ragazzi dell’annata editoriale, ai loro autori, illustratori ed editori. E poi Cecilia Cavallini, Marina Cremonini, Lucia De Marco, Morena Forza, Gianluca Garofalo, Margherita Leoni, Laura Manaresi, Lorenzo Naia, Alessandra Nardotto, Anna Paolini, Lorenza Ravasio, Roberta Rossetti, Valentina Scagnolari, Daniel Torrent, Daniela Volpari, Lucio Schiavon, oltre naturalmente a Laura Cortinovis.

A corredo delle mostre e degli eventi, è previsto un luogo espositivo dedicato a tutti gli strumenti di lavoro dell’artista, reso possibile dalla presenza di importanti aziende del settore e uno spazio libreria, a cura di Libreria Fantasia di Bergamo, dove sarà possibile trovare i libri degli artisti presenti al festival. Ad ospitare il ricco cartellone di Storie ad Acquerello sono stati coinvolti spazi espositivi di Bergamo come l’Accademia Carrara, l’Ex Carcere di Sant’Agata, il Circolino Città Alta, l’Orto Botanico di Bergamo, il Teatro Sant’Andrea e il Seminarino oltre alla Sede dello SpazioCam, punto di partenza del Festival, spazio informativo noto in città agli appassionati di fotografia e luogo di allestimento di una delle mostre previste. Sul sito di Storie ad Acquerello è presente una mappa interattiva da poter consultare per conoscere tutti i punti di interesse dell’evento.

Immagine: Cecilia Cavallini, La fanfara delle fiabe, dettaglio

Associazione Spazio Cam collabora con Laura Cortinovis nella realizzazione dell’evento, nasce dall’unione di diverse e consolidate esperienze in campo culturale e formativo. Un luogo di condivisione, aggregazione e divulgazione, grazie anche ai suoi docenti, stimati professionisti di grande esperienza. Situata nei pressi dell’Accademia Carrara, SpazioCam è circondata da gallerie e luoghi di interesse artistico, che la rendono un centro di notevole importanza per il festival. Partner ufficiale Momarte, e-store di belle arti tra i più noti in Italia, con un team giovane e competente, molto attivo sui social, che è stato in grado di innovare il mondo del commercio online di prodotti del settore.

A Bergamo il primo festival dedicato all'illustrazione ad acquerello
A Bergamo il primo festival dedicato all'illustrazione ad acquerello


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma