Le memorie di Giorgio Vasari al cinema: presentato in anteprima mondiale il film di Luca Verdone


Presentato in anteprima mondiale il film 'Le memorie di Giorgio Vasari', dedicate al grande artista e storiografo aretino vissuto nel Cinquecento.

Durante il fine settimana è stato presentato in anteprima mondiale al Bif&st - Bari International Film Festival di Bari il film Le memorie di Giorgio Vasari, dedicato al grande artista e storiografo Giorgio Vasari (Arezzo, 1511 - Firenze, 1574), autore delle celeberrime Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori, la grande raccolta di biografie da Cimabue fino agli artisti del Cinquecento. Il film, diretto da Luca Verdone, è una “docufiction che si propone ”di illustrare le opere e il pensiero del grande architetto, pittore, scrittore aretino“, come si legge nella sinossi. Vasari racconta in prima persona, come in un diario, le vicende della sua vita, le opere da lui realizzate sul solco di Michelangelo e di Andrea del Sarto, i suoi rapporti con i Medici e con gli artisti e i letterati che conobbe da vicino (come Michelangelo, Francesco Salviati, Tiziano, Pietro Aretino). Ancora, ”non sono trascurati gli aspetti della vita privata nella sua bottega, i rapporti con le sue modelle e i suoi allievi“, e ancora ”i legami con la famiglia Farnese" che lo chiama a Roma per affrescare gli interni del Palazzo della Cancelleria, e i rapporti col granduca Cosimo I. Spazio ovviamente anche alla stesura delle due edizioni delle Vite e agli aspetti del carattere dei propositi di Giorgio Vasari.

A vestire i panni di Vasari è l’attore statunitense, ma a lungo attivo in Italia, Brutius Selby. Daniele Monterosi interpreta invece il ruolo di Alessandro de’ Medici, mentre Dino Santoro è Lorenzino de’ Medici e Livia Filippi interpreta la parte di Clementina, modella dell’artista. A indossare le vesti di Michelangelo è invece Allan Caister Pearce, mentre il giovanissimo artista Giambattista Cungi, citato da Vasari nelle sue Vite, è impersonato da Michael Natelle. Il film è stato prodotto nel 2016 e dura novanta minuti. Prodotto da Format srl, sarà distribuito da Zenit Distribution.

“Le maggiori difficoltà, per la realizzazione del film, sono state superate scegliendo degli edifici precedenti al tempo in cui è vissuto Vasari e facilmente adattabili alla scenografia a lui riferibile”, ha spiegato il regista Luca Verdone, pluripremiato per la sua attività di documentarista (ha ricevuto, tra gli altri, il Nastro d’Argento nel 1981 e nel 2013 e quello alla carriera nel 2012, il primo premio al Festival Internazionale del Film sull’Arte di Castelfranco Veneto nel 1989, il Premio Internazionale Flaiano nel 2013 e il Premio Petrolini nel 2017). “La collaborazione con la troupe, che ha rivelato fin dall’inizio una piena comprensione dei contenuti della sceneggiatura e dello stile che io volevo seguire per la realizzazione di questo film, è stata poi portata all’eccellenza grazie alla fotografia di Gianluca Gallucci”. Ancora non si conoscono le date di uscita.

Ecco alcune immagini tratte dal film:

Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari
Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari


Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari
Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari


Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari
Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari


Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari
Fotogramma tratto dal film Le memorie di Giorgio Vasari

Le memorie di Giorgio Vasari al cinema: presentato in anteprima mondiale il film di Luca Verdone
Le memorie di Giorgio Vasari al cinema: presentato in anteprima mondiale il film di Luca Verdone


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma