Fondazione Furla collabora con Arte Fiera 2023: parte il programma di performance con Public Movement


Dalla collaborazione con Fondazione Furla, nasce il programma di performance di Arte Fiera. Si parte con il collettivo Public Movement e il suo progetto che coniuga installazione, performance e coreografia

Dall’inedita collaborazione con Fondazione Furla, nasce un nuovo capitolo del programma di performance di Arte Fiera, con la curatela di Bruna Roccasalva, direttrice artistica della Fondazione. Per Fondazione Furla la collaborazione con Arte Fiera costituisce una nuova occasione per partecipare attivamente alla vita culturale di Bologna, città in cui è nata. Per la prima edizione, Fondazione Furla ha invitato il collettivo Public Movement che presenterà per la prima volta in Italia un nuovo progetto.

Public Movement è un gruppo originario di Israele fondato nel 2006 da Omer Krieger e Dana Yahalomi e condotto, a partire dal 2011, dalla sola Yahalomi che porta avanti una ricerca in ambito performativo con un approccio di stampo politico e sociale. Public Movement vede la performance come una forma di intervento diretto all’interno della società e un dispositivo con cui attivare situazioni che stimolano lo sviluppo di un pensiero critico.

In occasione dell’edizione 2023 di Arte Fiera, il gruppo presenta a Bologna il progetto Rescue, un lavoro che coniuga installazione, performance e coreografia e che esemplifica una pratica performativa che cerca il confronto diretto con la sfera pubblica e la contaminazione tra ciò che è finzione e ciò che è reale.

Presentata per la prima volta al Tel Aviv Museum of Art nel 2015, Rescue è una “danza politica” che vede cinque componenti del gruppo eseguire una coreografia di movimenti che hanno studiato e imparato attraverso l’addestramento con addetti alle operazioni di soccorso in Israele e in Europa. Lo scenario in cui si svolge l’azione è un imponente cumulo di macerie di cemento, evocazione di un crollo di cui non si conosce l’origine: potrebbe essere una catastrofe naturale, un attentato, un evento bellico.

L’elaborazione del trauma in termini poetici diventa occasione di riflessione su drammi presenti e passati; tra questi, la strage di Bologna del 1980, evento che Dana Yahalomi conosceva, e che ha orientato la sua scelta, condotta in dialogo con la curatrice, di riproporre Rescue a Bologna. Tuttavia intende essere anche una riflessione sulle dinamiche che regolano la nostra relazione con l’altro, evocando un senso di comunità e unione che lega spettatori e artisti.

Attivo in musei, biennali e festival di tutto il mondo, Public Movement si è esibito presso istituzioni internazionali come il Guggenheim Museum e il New Museum di New York, la Biennale Internazionale di Göteborg, il Tel Aviv Museum of Art, la Biennale di Berlino, l’Asian Art Biennial di Taiwan, il Pinchuk Art Center di Kiev, l’Impulse Festival di Düsseldorf, il Baltic Circle Festival di Helsinki, Performa a New York.

Immagine: Public Movement, Temporary Orders (2018; al Vistamarestudio, Milano). Foto di Filippo Armellin. Su gentile concessione di Public Movement e Vistamare, Milano / Pescara

Fondazione Furla collabora con Arte Fiera 2023: parte il programma di performance con Public Movement
Fondazione Furla collabora con Arte Fiera 2023: parte il programma di performance con Public Movement


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020