Genova, arrivano i Rolli Days di ottobre con importanti novità e palazzi mai aperti prima. Ecco quali sono


Genova, il 13 e il 14 ottobre nuova edizione dei Rolli Days con tante novità, e aperture di palazzi mai aperti al pubblico prima. Ecco quali sono.

È in arrivo a Genova la consueta edizione d’ottobre dei Rolli Days (come ogni anno, la manifestazione che spalanca le porte dei palazzi dei Rolli oltre che di altri palazzi signorili del capoluogo ligure, si tiene due volte, in primavera e in autunno): l’appuntamento è il 13 e il 14 ottobre 2018 per le strade del centro storico. Come in ogni edizione, anche questa volta il pubblico avrà l’eccezionale opportunità di ammirare i palazzi più belli di Genova: dai Musei di Strada Nuova a Palazzo Tobia Pallavicino, da Palazzo Balbi Senarega a Palazzo Reale, porte aperte a cittadini e non, per svelare i segreti di cinquecento anni di storia genovese. E come sempre, ad accompagnare i visitatori saranno divulgatori scientifici professionisti e studenti dell’Università di Genova, opportunamente formati (oltre che retribuiti), che mettono a disposizione le loro competenze per illustrare arte, storia e cultura di Genova. E al solito c’è la possibilità di prenotare visite guidate tematiche con guide abilitate, acquistabili online sul portale visitgenoa.it.

Per l’edizione di ottobre 2018 sono inoltre previste alcune importanti novità. Per la prima volta aprirà al pubblico Villa di Negro-Rosazza, singolare esempio di stratificazione di eccezionale pregio architettonico, scultoreo e pittorico, che vede protagonisti i maggiori artisti genovesi dal Cinque al Settecento e che fu la dimora suburbana del ricco Ambrogio Di Negro, il cui palazzo cittadino sarà visitabile, come da diverse edizioni dei Rolli Days a questa parte, in via San Luca 2 nei medesimi giorni. Altra novità assoluta è l’apertura, per la prima volta, di Palazzo Franzone Spinola, che oltre all’imponente e significativa presenza architettonica, presenta al suo interno gli affreschi settecenteschi di Domenico Parodi, sino ad oggi mai aperti al pubblico. E ancora, tra le novità si segnala la riapertura di Villa Pallavicino delle Peschiere, dimora amata da Dickens e decorata da Luca Cambiaso e dal Bergamasco, le “star” della pittura del Cinquecento in Liguria: Cambiaso ha bisogno di poche presentazioni, mentre del Bergamasco basti pensare agli apparati decorativi del Palazzo di Tobia Pallavicino, al numero 4 di via Garibaldi (la Villa Pallavicino delle Peschiere era anch’essa sua, e veniva utilizzata come residenza di piacere).

Questa edizione dei Rolli Days si tiene inoltre durante un mese all’insegna del genio di Niccolò Paganini: sarà infatti in corso il Festival Paganini e pochi giorni dopo inaugurerà (il 19 ottobre, per la precisione) la mostra Paganini Rockstar a Palazzo Ducale. Il programma completo è disponibile anch’esso sul portale visitgenoa.it, dove si trovano anche tutte le informazioni su offerte, eventi ed ospitalità.

Rolli Days Genova 2018 è un evento promosso e patrocinato da Comune di Genova, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, Camera di Commercio di Genova, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Segretariato Regionale della Liguria, Associazione dei Rolli della Repubblica Genovese, in collaborazione con l’Università degli Studi di Genova (Scuola di Scienze Umanistiche, Scuola Politecnica – Dipartimento di Scienze per l’Architettura) e con l’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Genova.

Nella foto: il Salone della Villa Pallavicino delle Peschiere, affrescato dal Bergamasco.

Genova, arrivano i Rolli Days di ottobre con importanti novità e palazzi mai aperti prima. Ecco quali sono
Genova, arrivano i Rolli Days di ottobre con importanti novità e palazzi mai aperti prima. Ecco quali sono


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER