Un documentario per Amedeo Modigliani nel centenario della scomparsa. Arriva al cinema a marzo


Il 30 e il 31 marzo e il 1° aprile esce nelle sale il docufilm ’Maledetto Modigliani’, una produzione 3D Produzioni e Nexo Digital.

Il 24 gennaio del 1920, a Parigi, moriva Amedeo Modigliani (Livorno, 1884 - Parigi, 1920). Esattamente cento anni dopo, il 24 gennaio 2020, Nexo Digital annuncia che uscirà a marzo, nei cinema italiani, un documentario-evento dedicato proprio al pittore livornese. Si tratta di Maledetto Modigliani, nelle sale il 30 marzo, il 31 marzo e il 1° aprile, una produzione 3D Produzioni e Nexo Digital per la regia di Valeria Parisi, e scritto con Arianna Marelli e soggetto di Didi Gnocchi.

Il docufilm, che fa parte della stagione 2020 del programma Grande Arte al Cinema, intende raccontare la vita e l’arte di Amedeo Modigliani (dalla formazione a livorno all’amore con Jeanne Hébuterne, che si suicidò poche ore dopo la scomparsa dell’artista, dai suoi viaggi a Firenze e a Venezia agli anni di Parigi trascorsi tra fuggevoli amori, problemi con l’alcol, rapporti burrascosi), prendendo ispirazione dalla mostra Modigliani - Picasso. The primitivist revolution, a cura di Marc Restellini, che aprirà all’Albertina di Vienna nel settembre del 2020 (nel film si vedranno anche le opere in mostra all’Albertina, oltre che a quelle delle collezioni parigine e ai dipinti e ai disegni che sono stati esposti alla mostra Modigliani e l’avventura di Montparnasse del Museo della Città di Livorno, di cui si può leggere un’approfondita recensione sulla nostra rivista).

Nel docufilm si vedranno i dipinti di Modigliani ripresi in set dedicati, e poi riprese della Parigi di oggi a confronto con le fotografie e i filmati d’archivio in bianco e nero, il racconto della ville lumière degli anni Venti, i personaggi che hanno punteggiato la sua vita (da Anna Achmatova a Beatrice Hastings, da Pablo Picasso a Costântin Brancuşi, da Chaïm Soutine a Jean Cocteau), la Venezia Nuova di Livorno, i luoghi della Livorno ebraica da cui Modigliani proveniva, il confronto con gli altri grandi artisti del tempo, i mercanti e i collezionisti che hanno reso grande la sua arte, da Paul Alexandre a Jonas Netter, da Paul Guillaume a Léopold Zborowski. E ci sarà anche un approfondimento sul mito di Modigliani e sui numerosi falsi che hanno minato la sua immagine, oltre alla famosa vicenda delle finte teste ripescate nel Fosso Reale di Livorno.

Tra gli interventi del docufilm, oltre a quelli dello storico dell’arte e specialista di Amedeo Modigliani Marc Restellini, ci saranno quelli di Ann L. Ardis, professoressa e Dean al College of Humanities and Social Sciences della George Mason University, esperta di letteratura modernista inglese; Chloe Aridjis, scrittrice e studiosa di poesia francese dell’Ottocento; Harry Bellet, giornalista di Le Monde, studioso e critico d’arte; Giovanni Bertazzoni, Co-Chairman Impressionist and Modern Art Department Christie’s; Laura Dinelli, responsabile Musei Civici di Livorno; Pier Francesco Ferrucci, Direttore Unità di Bioterapia dei Tumori, IEO che da studente è stato tra gli autori della famosa “beffa delle teste” del 1984 a Livorno; l’ebraista Paolo Edoardo Fornaciari; lo scrittori Simone Lenzi, attualmente assessore alla Cultura del Comune di Livorno; il gallerista David Lévy; la pittrice Mira Maodus; lo stilista, costumista e artista Antonio Marras; la pittrice Isabelle Muller; la curatrice del Musée d’Art Moderne de Paris Jacqueline Munck; l’artista John Myatt che grazie al suo talento per l’imitazione, tra il 1986 e il 1995 ha falsificato e collocato sul mercato (insieme al suo complice John Drewe) 200 opere di maestri moderni; il collezionista Gérard Netter; l’artista Jan Olsson; la curatrice del Musée Picasso Paris Emilia Philippot; il Direttore Generale dell’Albertina di Vienna Klaus Albrecht Schröder; il Vicepresidente della Comunità Ebraica di Livorno, Guido Servi; il regista, sceneggiatore e produttore cinematografico Paolo Virzì.

I biglietti per vedere Maledetto Modigliani si possono già acquistare sul sito di Nexo Digital.

Un documentario per Amedeo Modigliani nel centenario della scomparsa. Arriva al cinema a marzo
Un documentario per Amedeo Modigliani nel centenario della scomparsa. Arriva al cinema a marzo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma