Venezia, due enormi bottiglie arrivano in Canal Grande. La provocazione ecologista di Xhixha e Braglia


Dal 20 luglio al 30 settembre, Helidon Xhixha e Giacomo Braglia portano a Venezia ’Message in a bottle’, due enormi bottiglie di plastica sul Canal Grande.

Come lanciare un messaggio ambientalista provocando, nel pieno della stagione turistica, una città come Venezia, da sempre terreno di scontro sulle politiche ecologiche e non solo? Questa volta, tuttavia, il messaggio non riguarda solo la città, ma è un monito al mondo intero. Che arriva da un’inedita coppia formata da un artista affermato come Helidon Xhixha (Durazzo, 1970) e dal giovanissimo Giacomo Braglia (Lugano, 1996), che portano sul Canal Grande il loro progetto The Twin Bottles: Message in a Bottle.

In che cosa consiste? Dal 20 luglio al 30 settembre 2019, due enormi sculture galleggianti in acciaio, una di quattro metri e l’altra di tre metri e mezzo, che riproducono bottiglie in plastica e che si fanno dunque metafora dell’inquinamento da plastica, saranno posizionate in Canal Grande, nei pressi del ponte dell’Accademia, davanti al giardino di Palazzo Franchetti. Uno degli scorci più frequentati (e fotografati) della città, tanto più in questi mesi nei quali la Biennale di Venezia, giunta alla cinquantottesima edizione, entra nel clou.

Il lavoro di Xhixha e Braglia intende concentrarsi sul tema dell’inquinamento dei mari del mondo contaminati dalle plastiche, argomento sempre più centrale e presente oggi nel dibattito sulla salvaguardia del pianeta. E per lanciare questo messaggio è stata scelta la città di Venezia per tutta una serie di motivi, a cominciare dal suo rapporto con l’ambiente che perdura da secoli ma che oggigiorno è sottoposto a continue minacce.

Il monito di Xhixha e Braglia è infatti rivolto anche Venezia e a tutti i suoi visitatori: le innumerevoli bottiglie in plastica gettate ogni giorno da consumatori superficiali e da gestori di rifiuti irresponsabili sono un fenomeno che mette a rischio gli ecosistemi marini non risparmiando effetti negativi neppure a una città in costante simbiosi con l’acqua come Venezia, sostenuta da equilibri delicati e conosciuta in tutto il mondo, adatta perciò ad amplificare l’universalità della denuncia.

“Le nostre bottiglie gemelle”, spiegano gli artisti, “attraverso l’arte lanciano un importante messaggio ambientalista. Immergendoci in diversi mari, abbiamo visto con i nostri occhi quanto l’inquinamento da plastica sia ormai a livelli allarmanti. Tra quindici anni si rischia di avere più plastica che pesci. Abbiamo voluto portare a galla questo allarmante problema ’denunciandolo’ attraverso il linguaggio dell’arte: dobbiamo invertire la tendenza, lavorare sulla coscienza delle persone. E dobbiamo fare presto”. 

Xhixha e Braglia vogliono poi offrire anche un supporto “economico”: a sostegno di questo progetto artistico e simbolico sarà infatti effettuata una donazione a Legambiente per finanziare l’iniziativa Tartalove per la tutela delle tartarughe marine del Mediterraneo, specie messa a rischio anche dalle plastiche che inquinano i mari.

Nell’immagine: Helidon Xhixha - Giacomo Braglia. The Twin Bottles: Message in a Bottle, Canal Grande, Venezia. Ph. Credit Giorgia Panzera

Venezia, due enormi bottiglie arrivano in Canal Grande. La provocazione ecologista di Xhixha e Braglia
Venezia, due enormi bottiglie arrivano in Canal Grande. La provocazione ecologista di Xhixha e Braglia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER