Da Lucio Fontana ad Arnaldo Pomodoro, al Museo MAGI '900 ecco “Non solo Pop!”


Il Museo MAGI ’900 di Pieve di Cento (provincia di Bologna) ospita, dal 6 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019, la mostra NON SOLO POP! Opere degli anni Sessanta dalla collezione del MAGI ’900, un’intensa rassegna che, attigendo dalla vasta collezione del museo emiliano, propone al pubblico una selezione di oltre cento opere di altrettanti artisti attivi negli anni Sessanta, per ricordare che accanto ai grandi nomi storicizzati, quell’epoca fu ricca di talenti meno noti ma che contribuirono a rendere quel decennio particolarmente fecondo. Il titolo fa riferimento al fatto che molta dell’arte degli anni Sessanta non sancì una rottura netta con le esperienze precedenti: al contrario, i passaggi furono graduali e le cesure rispetto all’eredità del dopoguerra non furono totali.

Curata da Valeria Tassinari, la mostra cade nel cinquantenario del Sessantotto, considerato l’anno della ribellione e della provocazione ma anche del boom economico e del potere della fantasia portato nella quotidianità, e si avvale di un allestimento che sottolinea l’attualità delle ricerche di quel tempo, che oggi c’inducono a rileggere quegli anni con curiosità e attenzione. Sperimentazione e istanze conservatrici, esplorazioni e contraddizioni, con gli artisti che rivendicavano un ruolo centrale nella società: la rassegna ambisce a ricostruire gli anni Sessanta in modo completo.

Tra le opere che il pubblico potrà ammirare, la Collezione minima 8×10 raccolta da Cesare Zavattini, della quale è esposta una preziosa selezione, l’Alberello di Melotti, l’ironica Palma in metacrilato fluorescente di Marotta, e ancora opera figurative di Guttuso, i “buchi” di Fontana, la “sfera” di Pomodoro, il Realismo Esistenziale di Ferroni e l’Arte programmata di Alviani, l’approccio concettuale di Stefanoni e l’ultimo informale di Afro, i giochi linguistici della Poesia concreta e la seduzione Pop di Mariani, i materiali della tradizione e i materiali industriali.

E proprio per sottolineare le relazioni tra arte e innovazione industriale nel museo fondato dal collezionista e imprenditore Giulio Bargellini, sabato 6 ottobre alle ore 17, in occasione dell’apertura della mostra, Patrizio Bianchi (assessore a coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia-Romagna) introdurrà il pubblico a una riflessione sugli aspetti che hanno caratterizzato gli anni Sessanta. Dal quadro internazionale alle straordinarie trasformazioni di cui l’Italia è stata protagonista si arriverà anche parlare di imprenditoria, e di come la creatività si è ampiamente espressa anche in quest’ambito, grazie alle testimonianze di alcuni dei più noti imprenditori del territorio emiliano, tra i quali Enrico Fava, Tonino Lamborghini, Ugo Poppi e Marino Golinelli.

La mostra è visitabile negli orari d’apertura del MAGI ’900: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18, chiusura il lunedì (ultimo ingresso alle ore 17). Chiusura anche il 24, 25, 26 e 31 dicembre e il 1° gennaio. Ingresso alle mostre temporanee del museo: intero una mostra 7 euro due mostre 10 euro, ridotto una mostra 5 euro due mostre 7 euro (per over 65, under 18, studenti, docenti, card Musei Metropolitani Bologna), ridotto gruppi 5 euro, gratis per open box, bambini sotto i dieci anni, giornalisti, guide turistiche, accompagnatori gruppi organizzati, insegnanti con scolaresche, soci Icom. Per info è possibile visitare il sito del Museo MAGI ’900.

Immagine: Emilio Scanavino, Fessura (1968; olio su tela con collage di cotone, 129 x 96 cm; Pieve di Cento, Museo MAGI ’900)

Da Lucio Fontana ad Arnaldo Pomodoro, al Museo MAGI '900 ecco “Non solo Pop!”
Da Lucio Fontana ad Arnaldo Pomodoro, al Museo MAGI '900 ecco “Non solo Pop!”

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!








Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili