Artissima compie 25 anni e parte con un'edizione ricca di novità. Dal 2 al 4 novembre a Torino


Dal 2 al 4 novembre, all’Oval di Torino, è in programma l’edizione numero 25 di Artissima, la fiera internazionale d’arte contemporanea riconosciuta in tutto il mondo per la sua attenzione alle pratiche sperimentali e per il suo ruolo di trampolino di lancio per gli artisti emergenti e le gallerie di ricerca. Il fil rouge della venticinquesima edizione è “il tempo” (Time is on our side – Il tempo è dalla nostra parte) inteso non come statica cristallizzazione del ricordo e della celebrazione, ma proposto come flusso dinamico, in grado di imprimere il ritmo del cambiamento, preservando la sospensione temporale dell’emozione dell’opera d’arte. Il “tempo” di Artissima assume quindi una duplice valenza: un passato eloquente e un futuro aperto all’indagine creativa. La fiera parte sempre dalla propria storia e dalla propria identità (segnata dalla coerenza di un percorso volto al rinnovamento e alla sperimentazione costante ma sempre capace di mantenere viva la propria riconoscibilità) per partecipare alla costruzione del la futura storia dell’arte. La vitalità di Artissima e la sua forza innovatrice si riverberano su tutta la città, grazie alla collaborazione attiva con numerose istituzioni pubbliche, musei, fondazioni, gallerie e, di riflesso, con i progetti culturali del territorio. Un territorio che beneficia della presenza di Artissima: ogni anno è pari a 3,7 milioni di euro l’indotto generato da Artissima sulla città di Torino.

Per l’edizione del quarto di secolo (Artissima è una delle più longeve fiere europee), sono in arrivo a Torino ben 195 gallerie da 35 paesi diversi (il 60% degli espositori viene da fuori Italia), su 20.000 metri quadri di esposizione. Tra le tantissime novità del 2018 figura una nuova sezione: si tratta di Sound, sezione dedicata alle indagini sonore contemporanee e allestita presso le OGR - Officine Grandi Riparazioni di Torino. Presenterà sedici progetti monografici dedicati al suono e sarà curata da Yann Chateigné Tytelman e da Nicola Ricciardi. Tra le altre novità: la sezione Art Edition & Multiples si apre a project space e spazi no profit e da quest’anno si chiamerà Art Spaces & Editions; si assiste alla nascita di Artissima Experimental Academy, un progetto formativo che presenta incontri con i professionisti del settore artistico, e a quella del progetto Artissima Junior, che coinvolge i visitatori più giovani in un’esperienza artistica immersiva e partecipata (sarà uno spazio-laboratorio all’interno dell’Oval in cui centinaia di bambini, assieme all’artista sudamericana Alek O., realizzeranno una grande installazione ambientale). Ancora, ad Artissima 2018 vedremo l’Alfabeto Treccani, un racconto enciclopedico per immagini dell’arte italiana contemporanea attraverso multipli concepiti ad hoc da artisti italiani di diverse generazioni, e il progetto Carol Rama_100 anni di seduzione, che racconterà l’eclettica personalità di Carol Rama nell’anniversario numero 100 della sua nascita. Inoltre, Disegnare l’invisibile prevede lezioni itineranti e performative di disegno assieme all’artista Marzia Migliora: coinvolgeranno studenti appassionati in un’esperienza sospesa tra creazione e contemplazione dell’arte contemporanea. Ci sarà poi un nuovo premio: The EDIT Dinner Prize, ispirato alla relazione tra cibo e arte. Infine, accanto ai premi, Artissima presenta la prima edizione del New Entries Fair Fund powered by Professional Trust Company, un nuovo fondo triennale che sosterrà le gallerie candidate nella sezione New Entries.

Sono otto le sezioni di cui si compone quest’anno Artissima (diretta per il secondo anno consecutivo da Ilaria Bonacossa), di cui quattro selezionate dal comitato delle gallerie della fiera (composto da Isabella Bortolozzi di Galleria Bortolozzi - Berlino, Paolo Capata di Monitor - Roma, Guido Costa di Guido Costa Projects - Torino, Martin McGeown di Cabinet - Londra, Alessandro Pasotti di P420 - Bologna, Gregor Podnar di Gregor Podnar - Berlino e Jocelyn Wolff di Jocelyn Wolff - Parigi): la Main section che raccoglie le gallerie più rappresentative del panorama artistico mondiale (94 di cui 44 straniere), New Entries, riservata alle gallerie emergenti (14 di cui 10 straniere), Dialogue, dedicata a opere di due o tre artisti messi in dialogo tra loro (19 gallerie di cui 12 straniere) e Art Spaces & Editions, che ospita gallerie specializzate in edizioni e multipli, oltre, come detto sopra, a project space e spazi no profit (9 curatori). A queste si aggiungono le quattro sezioni curate: Present future, dedicata ai talenti emergenti (19 gallerie di cui 14 straniere, a cura di Cloé Perrone, Myriam Ben Salah e Juan Canela), Back to the future, volta a riscoprire i pionieri dell’arte contemporanea, e per quest’anno concentrata sul periodo 1980-1994, il quindicennio che precedette la nascita di Artissima (17 gallerie di cui 11 straniere, a cura di Anna Daneri, Cristiano Raimondi, Gabriela Rangel e Pietro Rigolo), Disegni, tutta focalizzata, com’è facile intuire, sul disegno (24 gallerie di cui 16 straniere, a cura di Luís Silva e João Mourão), e la succitata Sound.

Considerevole spazio sarà riservato al digitale con il progetto Artissima Digital. Artissima vuole infatti coniugare le nuove tecnologie e il digitale per ottimizzare i processi e potenziare aree di utilizzo personali. All’interno del progetto Artissima Digital, nato nel 2017 grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo, la fiera attiva strumenti di approfondimento e conoscenza della propria esperienza e del proprio ecosistema, creando un modello di relazione più efficace, immediato e su misura con il proprio pubblico. Le celebrazioni dei 25 anni della fiera saranno un elemento importante d’interpretazione dell’appuntamento, attraversando l’intera narrazione digitale del 2018. Le azioni digitali intraprese a partire dalla scorsa edizione, incluse in un piano comunicativo strategico e di più ampio respiro, sono ormai parte integrante della piattaforma Artissima Digital, ospitata sul sito www.artissima.art. Questa offre ai visitatori della fiera il catalogo virtuale, grazie al quale tutti potranno esplorare gallerie, artisti e opere in modo interattivo e salvando i propri contenuti preferiti, anche se lontani da Torino, e l’agenda online che permetterà di fruire degli eventi calendarizzati in modo rapido e immediato. Interagendo con la wishlist, l’agenda consentirà ai visitatori registrati di salvare ne lla propria area personale gli eventi preferiti: talk, visite guidate e incontri al meeting point, ma anche gli eventi in città organizzati dai partner della fiera. Un’anteprima del catalogo con i profili delle gallerie partecipanti è online a partire da settembre, mentre da metà ottobre ogni visitatore potrà scoprire la versione completa della piattaforma, con artisti, opere, e appuntamenti in agenda, per preparare al meglio la propria visita in fiera.

Per quanto riguarda i premi, sono confermati i tre premi storici, i tre premi inaugurati nel 2017 e il nuovo The Edit Dinner Prize. I premi storici sono il Premio Ettore e Ines Fico, finalizzato alla valorizzazione di un giovane, il Premio Illy Present Future, dedicato al più interessante artista della sezione Present future, e il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future, dedicato alla miglior galleria della sezione Back to the Future. I tre premi che giungono alla seconda edizione sono il Campari Art Prize per il miglior under 35 presentato in fiera, l’OGR Award finalizzato all’acquisizione, da parte della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, di un’opera esposta in fiera, e il Premio Refresh Irinox, per l’artista che meglio esalta in chiave contemporanea l’immediatezza del disegno.

“Nel 2018 Artissima celebra un anniversario importante”, dichiara Ilaria Bonacossa: “i 25 anni di una fiera che ha saputo distinguersi per l’attenzione alla sperimentazione e alla ricerca di nuovi linguaggi, per la convivenza di approcci molteplici e spesso contraddittori, per la visione critica di galleristi che stanno scrivendo la futura storia dell’arte e per il coraggio di curatori pronti a scommettere sul talento e non sulla commerciabilità di un artista. Amo Artissima perché ogni anno offre uno spaccato globale sulla contemporaneità portando gli amanti dell’arte in uno spazio/tempo inaspettato, sospeso al di fuori della quotidianità, in cui le opere sanno trasformare la nostra visione del mondo. Time is on our side – Il tempo è dalla nostra parte, dalla parte di chi nel mondo dell’arte vuole scoprire ed emozionarsi, assaporare e riflettere, aprirsi al diverso e al cambiamento. Il tempo dedicato dalle gallerie a scoprire e riscoprire gli artisti, a produrre i loro lavori e a sostenere la ricerca creativa. Il tempo delle immagini capaci di attivare pensieri ed emozioni e non essere passivamente consumate. Il tempo dell’ascolto della nuova sezione Sound, un percorso sorprendente attraverso 16 installazioni sonore. Il tempo accelerato dell’approfondimento delle opportunità che il digital e ci offre. Il tempo del disegno che è insieme progetto e opera finita, materia classica trasformata dall’interpretazione contemporanea e innovativa forma di pensiero. Il tempo creativo di Artissima Junior in cui i giovani visitatori della fiera, insieme a una artista, produrranno una grande installazione ambientale. Il tempo della convivenza e della co-progettazione sonica e visiva della nostra ‘Experimental Academy’ per trasformare la fiera in uno spazio per la creazione e la formazione di giova ni artisti. Il tempo della condivisione e del gusto di una cena d’artista per sperimentare nuove modalità di condivisione. Il tempo della commemorazione di grandi artisti. Il tempo di Torino, una città sospesa tra passato e futuro, tra tesori egizi e insta llazioni contemporanee, tra glorie reali e ricordi operai, tra razionalismo ingegneristico e magia”.

Gli orari per visitare Artissima: dal 2 al 4 novembre dalle 12 alle 20. Biglietto intero 18 euro, ridotto 13 euro (per ragazzi dai 12 ai 18 anni, over 65, universitari con libretto, militari in divisa). Gratis per diversamente abili con accompagnatore. Tutte le informazioni (oltre che il catalogo online) si trovano sul sito www.artissima.art.

Artissima compie 25 anni e parte con un'edizione ricca di novità. Dal 2 al 4 novembre a Torino
Artissima compie 25 anni e parte con un'edizione ricca di novità. Dal 2 al 4 novembre a Torino

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili