Da oggi si possono fare foto libere presso archivi e biblioteche


Entra in vigore oggi, martedì 29 agosto, la modifica all’articolo 108 del Codice dei Beni Culturali, grazie alla quale è d’ora in avanti consentita la libera riproduzione di beni conservati presso archivi e biblioteche: finora, infatti, la riproduzione di documenti e libri era subordinata all’accettazione di una richiesta di autorizzazione e al pagamento di un canone. Gli utenti di archivi e biblioteche, da oggi, potranno dunque fare foto libere con mezzi propri: via libera quindi a fotocamere, smartphone o comunque mezzi che non implichino un contatto diretto con i documenti, per esempio scanner e fotocopiatrici. Banditi invece l’uso del flash e di strumenti di supporto come cavalletti e treppiedi.

Questa modifica del Codice dei Beni Culturali rappresenta la vittoria di una battaglia che dura da tempo e che ha visto attivo in prima linea il movimento Fotografie libere per i beni culturali, coordinato dall’archeologo Mirco Modolo: è a loro che occorre riconoscere gran parte del merito di tale importante novità che consentirà a tutti gli utenti di archivi e biblioteche di scattare fotografie senza chiedere autorizzazioni e senza pagare alcunché. Inoltre, le fotografie potranno anche essere liberamente divulgate senza scopo di lucro. Rimangono invece soggette ad autorizzazioni e canoni le riproduzioni professionali eseguite da fotografi o ditte specializzate. “La liberalizzazione”, dichiara il movimento, “rappresenta un notevole progresso civile, reso possibile anche grazie al confronto con il Mibact, il quale ha favorito l’approvazione di una misura a sostegno di chi, attraverso lo studio, contribuisce ogni giorno a valorizzare le fonti documentarie, ma che al tempo stesso avrà l’effetto di rinsaldare il rapporto fiduciario che dovrebbe sempre legare l’utenza all’amministrazione di archivi e biblioteche”.

Ecco nello specifico la nuova norma così come specificata nella modifica all’articolo 10, commi 3 e 3 bis, del Codice dei Beni Culturali: 3. Nessun canone è dovuto per le riproduzioni richieste o eseguite da privati per uso personale o per motivi di studio, ovvero da soggetti pubblici e privati per finalità di valorizzazione, purché attuate senza scopo di lucro. I richiedenti sono comunque tenuti al rimborso delle spese sostenute dall’amministrazione concedente.

3-bis. Sono in ogni caso libere le seguenti attività, svolte senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale:

1) la riproduzione di beni culturali diversi dai beni archivistici sottoposti a restrizioni di consultabilità ai sensi del capo III del presente titolo attuata nel rispetto delle disposizioni che tutelano il diritto di autore e con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né, all’interno degli istituti della cultura, l’uso di stativi o treppiedi;

2) la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro
.

Immagine: il Palazzo della Sapienza di Roma, sede del locale Archivio di Stato. Credit.

Da oggi si possono fare foto libere presso archivi e biblioteche
Da oggi si possono fare foto libere presso archivi e biblioteche

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili