All'ADI Design Museum la mostra Salvati e Tresoldi x Saporiti Italia. Con un focus sulla poltrona Miamina


L’ADI Design Museum di Milano ospita dal 7 al 22 ottobre 2023 la mostra ART COLORS DESIGN / Salvati e Tresoldi x Saporiti Italia. Dieci anni di intensa collaborazione tra la Saporiti Italia, storica azienda del design italiano e lo Studio Salvati e Tresoldi.

L’ADI Design Museum di Milano ospita dal 7 al 22 ottobre 2023 la mostra ART COLORS DESIGN / Salvati e Tresoldi x Saporiti Italia, realizzata in collaborazione con lo Studio Salvati di Milano e lo Studio GPT / Gaffurini Pagani Tresoldi di Lugano. L’esposizione ripercorre dieci anni di intensa collaborazione tra la Saporiti Italia, storica azienda del design italiano fondata nel 1948 da Sergio Saporiti a Besnate (Varese), e lo Studio Salvati e Tresoldi.

Il percorso espositivo si sviluppa nella Sala Compasso d’Oro, con l’intento di mettere in luce le peculiarità che hanno caratterizzato l’incontro progettuale tra queste due realtà, partendo dallo stretto rapporto tra arte, architettura e design. Un’intuizione che il lavoro di Salvati e Tresoldi ha saputo sviluppare sia con la creazione di oggetti d’arredo storici prodotti negli anni Ottanta da Saporiti Italia, come le sedie Omaggi e Diana, i tavoli Geometric ed El Lissitksy e la poltrona Miamina, esposti insieme a disegni e pubblicazioni, sia con esperienze come la mostra Moderno e Moderno alla Galleria del Milione.

Laureati nel 1960 al Politecnico di Milano con Carlo De Carli, promotore del concetto di spazio primario, ovvero spazio fondamentale dell’abitare, Alberto Salvati e Ambrogio Tresoldi sviluppano il loro lavoro nella confutazione dei principi del movimento razionalista e, in particolare, della macchina per l’abitare di Le Corbusier. Trasformano gli spazi dell’abitare da spazi primari in spazi di libertà, cambiando il concetto di cellula abitativa, da ambiente rifugio a palcoscenico aperto allo spettacolo del vivere quotidiano. Con il loro lavoro, tra il 1960 e il 1980, Salvati e Tresoldi hanno animato la scena culturale milanese portando al centro della loro ricerca la confluenza tra arte e architettura, soprattutto attraverso l’uso del colore. Gio Ponti, che dirige la rivista Domus in quegli anni, comprende e pubblica le ricerche sull’evoluzione della cellula abitativa di Salvati e Tresoldi, valorizzandone anche il metodo di lavoro, basato sul principio dell’interdisciplinarità, sulla collaborazione tra architetti, artisti, artigiani e industrie dell’arte.

Parallelamente al racconto delle ricerche su architettura e design di Salvati e Tresoldi, la mostra dedica una sezione alla riedizione della storica seduta Miamina (Menzione d’Onore al Premio Compasso d’oro nel 1985) in una versione inedita ispirata a venti città nel mondo: Miami, Milano, Roma, Venezia, Parigi, Londra, Barcellona, Berlino, Montecarlo, New York, Los Angeles, Dubai, Riyadh, Lagos, Singapore, Shanghai, Pechino, Hong Kong, Tokyo, Sydney. I teli delle poltrone dedicate alle “Saporiti Cities” sono realizzati dal laboratorio d’arte Fosca Milano con preziosi tessuti, filati, intrecci e ricami, che si ispirano alle caratteristiche di ciascuna delle città dove Saporiti Italia ha realizzato importanti progetti di arredo.

Salvati & Tresoldi per Saporiti Italia

Negli anni Ottanta, Salvati e Tresoldi creano per Saporiti Italia alcuni oggetti importanti per il successo commerciale dell’azienda e l’avvicinano al mondo dell’arte, in particolare con la mostra Moderno & Moderno alla Galleria del Milione e con la mostra Saporiti & Missoni alla Rotonda della Besana.

Le sedie Omaggi, diretti riferimenti alle opere di Arp, Balla, Fontana, Paladino, Malevich, Warhol; la poltrona Miamina, un telo su cui “dipingere” con la massima creatività; il tavolo Geometric, da smontare e appendere al muro come un quadro, sono alcuni degli esempi più interessanti di questa ricerca riferita al mondo dell’arte.

“Il lavoro e i riferimenti di Salvati e Tresoldi al mondo dell’arte, così importanti e innovativi per il design in quegli anni, sono in perfetta sintonia non solo con la ricerca progettuale della Saporiti Italia di oggi, ma anche con le attività culturali, sociali e promozionali che dai primi anni 2000 ed ancora oggi la Saporiti Italia propone attraverso la collaborazione e il sostegno di musei, enti culturali e artistici”, ha affermato Raffaele Saporiti, Presidente di Saporiti Italia.

La poltrona Miamina

La poltrona pieghevole Miamina di Saporiti Italia è nata nel 1984 come rivisitazione della Tripolina, la seduta pieghevole in legno e tessuto utilizzata dall’esercito britannico nelle campagne d’Africa sin dal 1800, già ridisegnata negli anni Trenta da Bonet, Kurchan e Ferrari (BKF/Butterfly) e in seguito, nel 1995, da Magistretti (Kenia).

La versione del 1984 di Salvati e Tresoldi per la Saporiti Italia prende il nome dallo showroom Saporiti Italia di Miami, in cui viene presentata e lanciata sul mercato. La Miamina si caratterizza per una struttura meccanica piuttosto avanzata e per l’estrema originalità del telo di seduta. Le aste in acciaio cromato o verniciato che formano la base e il sostegno per la seduta, sono collegate per mezzo di un complesso giunto in fusione di ghisa, che consente di piegarle e raccoglierle. Il telo della seduta è realizzato con i tessuti e le pelli multicolori della collezione Saporiti Italia, o con i tessuti creati per Saporiti Italia da Ottavio e Rosita Missoni, con le pelli stampate a rilievo di Guido Pasquali, o con le pelli intrecciate di Gegia Bronzini.

La Miamina, Menzione d’Onore al Premio Compasso d’oro del 1985, è stata presentata dall’ADI Design Museum nella mostra Take Your Seat al Salone del Mobile di Milano del 2021.

Da Cambi un’asta benefica per le edizioni speciali della Miamina

Come già avvenuto nel 2022 per le cento poltroncine “Jumbo” disegnate da Alberto Rosselli e rieditate da Saporiti Italia in occasione della mostra 100+1 all’ADI Design Museum, anche quest’anno Saporiti Italia realizza una serie speciale di oggetti che sarà venduta da Cambi Casa d’Aste a fini benefici. Protagonista dell’asta è la poltrona Miamina, in una versione dedicata a venti città dove la Saporiti Italia ha realizzato importanti progetti.

Ognuna delle venti poltrone Miamina ispirata alle “Saporiti Cities” e prodotta in un unico esemplare numerato e firmato dal laboratorio d’arte Fosca Milano, sarà venduta all’asta da Cambi in contemporanea con la mostra Art Colors Design. Il ricavato dell’asta sarà utilizzato dalla Saporiti Italia per sostenere e promuovere le attività del Centro Studi e Ricerche Sergio Saporiti e, in particolare, per valorizzare la conoscenza e lo sviluppo del design industriale, dell’architettura, delle professioni dell’arte e della creatività.

Per info: www.adidesignmuseum.org

Immagine: Miamina, Design Salvati & Tresoldi, 1984, tessuti originali Missoni per Saporiti Italia. Foto di Salvati e Erpini.

All'ADI Design Museum la mostra Salvati e Tresoldi x Saporiti Italia. Con un focus sulla poltrona Miamina
All'ADI Design Museum la mostra Salvati e Tresoldi x Saporiti Italia. Con un focus sulla poltrona Miamina


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020