AEVUM: nel Palazzo dei Priori di Volterra l'arte contemporanea dialoga con quella etrusca


Dall’8 luglio al 4 settembre 2022 a Palazzo dei Priori di Volterra, AEVUM i reperti archeologici provenienti dalla collezione permanente del Museo Etrusco Guarnacci di Volterra incontrano le opere di Akiko Hirai (Giappone/UK) e Eleanor Herbosch (Belgio). 

In occasione dell’apertura estiva delle nuove sale restaurate del Museo Etrusco Guarnacci di Volterra, la mostra AEVUM, in programma a Palazzo dei Priori a Volterra dall’8 luglio al 4 settembre 2022, presenta un dialogo tra artisti e opere di epoche diverse all’interno di una linea del tempo unica, riunendo all’interno di una stessa sala preziosi reperti archeologici provenienti dalla collezione permanente del Museo Etrusco Guarnacci di Volterra e opere di Akiko Hirai (Giappone/UK) e Eleanor Herbosch (Belgio). I segni vivi e graffianti realizzati in acrilico e argilla dei dipinti di Herbosch si fanno forma scritta, avvicinandosi a quella stessa carica emozionale e misteriosa della scrittura etrusca. Accanto, le sculture in ceramica di Hirai sono espressione di un’esplorazione dell’idea di contrasto, una giustapposizione di argilla grezza e smalto traslucido.

Maestri etruschi

Per la mostra AEVUM, il Museo Etrusco Guarnacci presenta tre opere legate, ma con funzione diversa, al mondo dell’oltretomba etrusco, un vero e profondo culto nei confronti dei defunti destinati a vivere eternamente anche dopo la morte fisica. Una volta entrato nella sala, il visitatore è accolto da un segnacolo funerario in travertino del IV-III secolo a.C. dalla particolarissima forma e dalle scritte di difficile interpretazione. Nello spazio accanto, un vaso cinerario in ceramica di impasto del VI sec a.C., semplice nella decorazione, emozionante nel colore cangiante del materiale, testimonianza di una cerimonia di sepoltura complessa e carica di significati. Infine, una magnifica urna cineraria in alabastro del II sec a.C. conclude il percorso: la raffigurazione femminile, eterea, delicata ma austera del coperchio si contrappone all’essenzialità e mondo prettamente maschile del contenitore, le cui figure modificate dal tempo hanno i tratti nascosti ma una forte carica emozionale.

Artiste contemporanee

Nel lavoro in ceramica di Akiko Hirai, artista giapponese di base a Londra, tutto è interconnesso: il linguaggio, i pensieri, i sentimenti e lo sguardo dell’osservatore si fondono nelle interazioni quotidiane della nostra vita. La sua abile capacità di manipolazione della materia è esposta all’alchimia del forno, assicurando che ogni pezzo sia unico e celebri l’imperfezione e il caso. Al centro della pratica di Akiko c’è sia la tradizionale ceramica coreana Kohiki, caratterizzata da una superficie leggermente porosa e da un colore bianco tenue, sia l’estetica della ceramica giapponese con elementi di imperfezione e incompletezza.

I linguaggi artistici adottati da Eleanor Herbosch sono la ceramica e la pittura, unite da un comune denominatore: la terra, suo materiale d’elezione. Laureata alla Central Saint Martins di Londra, Eleanor mira a creare un’esperienza visiva potenziata che sia un puro piacere per i sensi. Ceramica e pittura si uniscono armoniosamente in un’estetica di carattere squisitamente asiatico; l’artista attinge a diverse pratiche spirituali che enfatizzano la pulizia della mente e dirigono l’attenzione verso una maggiore consapevolezza del presente, del passato e del futuro.

La mostra AEVUM inaugura il progetto triennale TIMELESS ENCOUNTERS. INCONTRI TRA L’ARTE CONTEMPORANEA E L’ARTE ETRUSCA e partecipa al programma di Volterra Prima Città Toscana della Cultura 2022.

La mostra, promossa da Associazione Culturale Anima Silvae e Museo Etrusco Guarnacci di Volterra, è realizzata grazie al coordinamento e contributo di Kalpa Art Living di Volterra e con il supporto e il patrocinio di Volterra XXII Ri/Generazione Umana Prima citta toscana della cultura 2022, Regione Toscana e Comune di Volterra e grazie al sostegno delle aziende Altair Chimica di Saline di Volterra e MATTEOBRIONI srl di Gonzaga (Mantova). 

Nell’immagine: la facciata di Palazzo dei Priori a Volterra. Foto di Emanuela Giudici

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraAEVUM
CittàVolterra
SedePalazzo dei Priori
DateDal 08/07/2022 al 04/09/2022
ArtistiAkiko Hirai, Eleanor Herbosch

AEVUM: nel Palazzo dei Priori di Volterra l'arte contemporanea dialoga con quella etrusca
AEVUM: nel Palazzo dei Priori di Volterra l'arte contemporanea dialoga con quella etrusca


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Volterra, due artisti contemporanei reinterpretano dopo 500 anni la Deposizione del Rosso Fiorentino
Volterra, due artisti contemporanei reinterpretano dopo 500 anni la Deposizione del Rosso Fiorentino
Volterra dedica due mostre a Mino Trafeli nell'anno del centenario
Volterra dedica due mostre a Mino Trafeli nell'anno del centenario
Volterra XXII: Palazzo Minucci Solaini l'arte contemporanea si confronta con Rosso Fiorentino
Volterra XXII: Palazzo Minucci Solaini l'arte contemporanea si confronta con Rosso Fiorentino
Napoli, al via l'edizione 2019 del festival Mediterraneo: fotografie tra terre e mare
Napoli, al via l'edizione 2019 del festival Mediterraneo: fotografie tra terre e mare
Arazzi e aquiloni di carta washi: a Roma il mondo fluttuante di Anna Onesti
Arazzi e aquiloni di carta washi: a Roma il mondo fluttuante di Anna Onesti
Al PAC di Milano la personale del polacco Artur Żmijewski: Quando la paura mangia l'anima
Al PAC di Milano la personale del polacco Artur Żmijewski: Quando la paura mangia l'anima