Il nuovo progetto di Alterazioni Video, sulle rovine dell'incompiuto Palasport di Nuoro


Fino al 13 febbraio 2022, il collettivo milanese Alterazioni Video presenta in Sardegna il suo ultimo progetto, “Appunti per un parco incompiuto”, un lavoro centrato sulle rovine dell’incompiuto Palasport di Nuoro. 

Alterazioni Video, il collettivo nato a Milano nel 2004 e composto da Paololuca Barbieri Marchi, Alberto Caffarelli, Matteo Erenbourg, Andrea Masu e Giacomo Porfiri, porta in Sardegna il suo nuovo progetto: al Museo Nivola di Orani (Nuoro) è infatti in programma, dal 30 ottobre 2021 al 13 febbraio 2022, la mostra Appunti per un parco incompiuto, a cura di Giuliana Altea, Antonella Camarda e Concettina Ghis. Il collettivo, il cui percorso di ricerca è focalizzato sulla disinformazione e sul rapporto verità/rappresentazione, legalità/illegalità, libertà/censura, in cui l’arte si intreccia fortemente con l’attivismo politico, dal 2006 lavora a Incompiuto, un progetto incentrato, nella sua prima fase, sulla mappatura e geolocalizzazione di 696 opere incompiute sparse sul suolo italiano, strutture architettoniche iniziate e mai completate, sovvenzionate con fondi pubblici. Incompiuto entra ora nella seconda fase, che prevede una serie di cambiamenti di destinazione d’uso delle architetture. Lasciate strutturalmente inalterate come monumenti del presente, queste dovrebbero diventare luoghi polifunzionali di aggregazione della cittadinanza per attività culturali e sportive all’aperto, come parchi, giardini, auditorium, teatri.

È il Palasport di Nuoro, scenografica rovina persa nella campagna, oltre le ultime propaggini urbane, il protagonista della mostra al Museo Nivola. Partito alla fine degli anni Novanta, appaltato nel 2012, il progetto è stato definitivamente archiviato nel 2017: quello che ne rimane è una foresta di piloni mozzi in cemento armato, una mastodontica porta d’ingresso, una spianata arida circondata da mucchi di detriti e vegetazione spontanea. Alterazioni Video propone di ribaltare in positivo il fallimento, trasformando in parco il cantiere abbandonato. Ci invita a “baciare il rospo”, a riappropriarci della rovina sgraziata e negletta accettandola e utilizzandola.

Il collettivo celebra l’incompiuta in un film, centro dell’intervento al Museo Nivola, che si sviluppa su due piani narrativi paralleli: quello dell’incontro tra i personaggi all’interno della finzione cinematografica, a tratti surreale e magica, in cui il tempo sembra essersi fermato, e quello delle riprese sul set teatro di questi incontri, che riporta a una realtà e a un presente in divenire. Nel Palasport si muovono vari personaggi: il visionario guardiano di un campeggio che ha scoperto come viaggiare nello spazio-tempo, una giovane tiktoker persa tra i rovi, due turisti musicisti americani e un geometra rabdomante, insieme ad altre comparse (i ragazzi del paese, un pastore, le forze dell’ordine). Ogni personaggio incarna alcuni dei caratteri descritti da Alterazioni Video nel Manifesto dell’Incompiuto: bellezza e terribilità (la tiktoker e il guardiano), il passato impacciato e corrotto che smarrisce la diritta via (il geometra rabdomante), il pubblico che, come il coro nelle tragedie greche, diviene parte attiva del processo di trasformazione del luogo (i turisti musicisti che suonano tra le rovine), la comunità locale (i ragazzi del bar).

La porta d’ingresso del Palasport, unico spazio coperto del sito, che i personaggi attraversano per viaggiare nello spazio-tempo, diventa la soglia multidimensionale che collega tra loro i vari incompiuti sparsi per l’Italia, come in un unico grande parco archeologico dell’incompiuto, espressione del pensiero visionario e magico dei progettisti.Con questo film Alterazioni Video racconta l’Incompiuto attraverso una nuova chiave interpretativa. Il fenomeno è esplorato nella sua complessità per mezzo di una pluralità di registri, da quello epico (le gesta eroiche della bella contro la bestia) a quello fiabesco (il Palasport vuole diventare parco come il burattino aspira a diventare bambino), a quello realistico-documentaristico (the making of Palasport Nuoro).

Il linguaggio cinematografico mescola i classici (La tempesta di Shakespeare, con il Palasport/isola che trova il suo Calibano nella figura del guardiano), il Pasolini tragicomico de La Ricotta (i doppi piani narrativi, la finzione e le riprese sul set reale, ma anche la tiktoker che mangia le scorte di cibo del guardiano), il neorealismo alla Youtube che incontra gli stereotipi dello spaghetti western e della fantascienza. Le sonorità ricavate dal ferro delle armature di cemento del Palasport formano la colonna sonora del film, realizzata in collaborazione con Travis McCoy Fuller e Rudi Fischerlehner. Accompagna il progetto al Museo Nivola un’installazione realizzata da Alterazioni Video nell’aeroporto di Olbia, visibile nell’area arrivi fino al febbraio 2022. Per tutte le info si può visitare il sito del Museo Nivola.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraAlterazioni Video. Appunti per un parco incompiuto
CittàOrani
SedeMuseo Nivola
DateDal 30/10/2021 al 13/02/2022
ArtistiAlterazioni Video
CuratoriGiuliana Altea, Antonella Camarda, Concettina Ghis
TemiArte contemporanea

Il nuovo progetto di Alterazioni Video, sulle rovine dell'incompiuto Palasport di Nuoro
Il nuovo progetto di Alterazioni Video, sulle rovine dell'incompiuto Palasport di Nuoro


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER