Anthropocene: al MAST di Bologna una mostra per indagare l'impronta dell'uomo sul mondo


Anthropocene, la mostra in corso al MAST di Bologna, è un progetto artistico che indaga l’indelebile impronta umana sulla Terra attraverso le immagini di Edward Burtynsky, Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier. Combinando fotografia, cinema, realtà aumentata e ricerca scientifica, i tre artisti danno vita a un’esplorazione multimediale che documenta i cambiamenti determinati dall’attività umana sul pianeta e ne testimonia gli effetti sui processi naturali.

Aperta dal 16 maggio fino al 6 ottobre, Anthropocene intende accompagnare il pubblico in un viaggio epico intorno al mondo, mostrando i segni più profondi dell’azione dell’uomo sul mondo.

Suddivisa in quattro sezioni che coinvolgono gli spazi del MAST (1.PhotoGallery, 2.Foyer, 3.Gallery Livello 0, 4.Auditorium) la mostra è un invito a riflettere sulla portata e sul significato di queste trasformazioni radicali.

Anthropocene è curata da Urs Stahel, Sophie Hackett e Andrea Kunard ed è organizzata dalla Art Gallery of Ontario e dal Canadian Photography Institute della National Gallery of Canada in partnership con la Fondazione MAST di Bologna.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale dell’evento.

Anthropocene: al MAST di Bologna una mostra per indagare l'impronta dell'uomo sul mondo
Anthropocene: al MAST di Bologna una mostra per indagare l'impronta dell'uomo sul mondo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER