A Feltre una mostra sull'arte del fascismo e sul gruppo Novecento


Dal 2 maggio al 14 luglio 2019, la Galleria d’arte moderna “Carlo Rizzarda” di Feltre ospita la mostra Artisti del Ventennio - il Novecento.

Dal 2 maggio al 14 luglio 2019, la Galleria d’arte moderna “Carlo Rizzarda” di Feltre ospita la mostra Artisti del Ventennio - il Novecento, interamente dedicata agli artisti di Novecento, il gruppo fondato e promosso dalla critica Margherita Sarfatti (Margherita Grassini; Venezia, 1880 - Cavallasca, 1961). La rassegna mira a ricostruire la storia dell’arte sviluppatasi sotto il fascismo attraverso le opere degli artisti più immediatamente riconducibili a quella stagione. Il percorso dell’esposizione, curata da Tiziana Casagrande (conservatrice dei musei cittadini di Feltre), si compone di quarantatré opere, tra lavori dei “magnifici sette”, ovvero i fondatori di Novecento (Anselmo Bucci, Leonardo Dudreville, Achille Funi, Gian Emilio Malerba, Piero Marussig, Ubaldo Oppi e Mario Sironi), e opere di artisti che operarono all’epoca, come Giorgio de Chirico, Carlo Carrà, Arturo Marini (presente con il bronzo del Tito Livio per il Liviano di Padova, e del Liviano è peraltro presente anche il bozzetto per l’affresco della parete maggiore, realizzato da Massimo Campigli), e Adolfo Wildt (presente con una Maschera di Benito Mussolini in prestito dalla Fondazione Cavallini-Sgarbi di Ro Ferrarese).

“Raccontare il ventennio fascista non è mai cosa banale”, spiega Alessandro Del Bianco, assessore alla cultura del Comune di Feltre. “La mostra Artisti nel Ventennio, nata come estemporanea iniziativa collaterale alla Maratona di Lettura 2019, dedicata ad Antonio Scurati e al suo romanzo M. Il figlio del secolo, non ha certo la pretesa di raccontarlo integralmente, ma vuole offrire al visitatore uno spaccato importante di una temperie politica che vede nell’arte il riflesso di dinamiche storiche che, all’inizio del secolo, hanno letteralmente stravolto la storia mondiale. La seconda parte del XX secolo ha spesso visto un confronto polarizzato in cui il fascismo diventava oggetto di discriminante e ciò in molti casi ha impedito un’analisi approfondita del fenomeno, anche sul piano artistico-culturale. Oggi tuttavia proprio la componente ideologica sta gradualmente venendo meno, la memoria si sta gradualmente trasformando in storia, e le generazioni hanno un legame sempre più flebile con la parabola resistenziale. La società sta mutando e qualcuno ha giustamente scritto che proprio nella società, prima ancora che nella politica, stanno riemergendo ‘le caratteristiche psicofisiche dell’individuo fascista’. Come deve porsi dinnanzi a questo fenomeno il mondo della cultura? Può restare indifferente e continuare ad interpretare le grandi mostre o i grandi eventi con scopi puramente commerciali? Noi riteniamo di no e, nella convinzione che gli eventi culturali hanno prima di tutto un ruolo social-educativo, proponiamo questa mostra, insieme a tutto il programma della Maratona di lettura a cui è legata, come un contributo alla riflessione su un tema così importante nella società dell’oggi”.

La rassegna di Feltre si avvale anche di un allestimento scenografico realizzato su progetto dell’architetto Giuliana Zanella. È visitabile negli orari d’apertura della Galleria d’arte moderna “Carlo Rizzarda”: fino al 14 giguno, dal martedì alla domenica e festivi dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 15 alle 18, dal 15 giugno dal martedì al giovedì dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 15 alle 18, il venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 9:30 alle 18. Per tutte le info è possibile visitare il sito Visit Feltre.

Nell’immagine: Adolfo Wildt, Maschera di Benito Mussolini (1924 circa; bronzo, 56 x 49 x 22 cm; Ro Ferrarese, Fondazione Cavallini Sgarbi)

A Feltre una mostra sull'arte del fascismo e sul gruppo Novecento
A Feltre una mostra sull'arte del fascismo e sul gruppo Novecento


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER