Come si pubblicavano i libri in età barocca e che debiti abbiamo oggi nei confronti di quell'epoca? Una mostra ad Anversa


Ad Anversa, al Museo Plantin-Moretus, dal 28 settembre 2018 al 6 gennaio 2019, è in programma la mostra Baroque Book Design sull’editoria in età barocca.

È in programma, dal 28 settembre 2018 al 6 gennaio 2019, presso il Museum Plantin-Moretus di Anversa (Belgio), la mostra Baroque Book Design. A tale of friendship and co-operation, dedicata all’editoria in età barocca. Come si trasformò la pubblicazione dei libri in età barocca? Perché un grande editore come Balthasar Moretus (Anversa, 1574 - 1641) decise di lavorare a contatto con i grandi artisti del tempo? Come gli innovatori d’oggi vedono le attività editoriali attorno al libro e come ancora subiscono gli influssi di quei tempi? Sono alcune delle domande cui la mostra cerca di rispondere, partendo dalle vicende della famiglia Plantin-Moretus, che andò alla costante ricerca di nuovi modi per diffondere conoscenza, idee, informazione. Questi modi passavano anche per il design del libro, dalla formattazione dei titoli al rapporto tra testo e immagini: i libri come li conosciamo oggi devono molto al lavoro che fu fatto nelle Fiandre del Seicento.

Balthasar Moretus, inoltre, si avvalse dell’aiuto di grandi artisti, primo tra tutti Pieter Paul Rubens, ma anche altri nomi (come Erasmus Quellinus, Karel del Mallery, Peeter de Jode e Abraham van Diepenbeeck) che fornirono le loro illustrazioni all’editore. La mostra si focalizza sulla passione dell’editore per la sua attività, sottolineando come ispirò e motivò gli artisti, gli stampatori e gli illustratori per creare un prodotto nuovo, sorprendente, la cui influenza si fa sentire ancora al giorno d’oggi. Ci sono infatti similitudini tra l’approccio di Moretus e quello degli editori odierni: la mostra intende anche approfondire questo aspetto, sottolineando come i più importanti editori del giorno d’oggi approccino la pubblicazione del libro reinventandola e ancora lavorando con gli artisti.

La mostra è aperta tutti i giorni tranne il lunedì (giorno di chiusura del museo) e i festivi dalle 10 alle 17. Biglietti: intero 8 euro, ridotto per over 65, ragazzi dai 12 ai 25 anni e gruppi di almeno 12 persone 6 euro, gratis per bambini sotto i 12 anni. Per info è possibile recarsi sul sito Visit Flanders (in italiano).

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraBaroque Book Design. A tale of friendship and co-operation
CittàAnversa
SedeMuseum Plantin-Moretus
DateDal 28/09/2018 al 06/01/2019
TemiBarocco

Come si pubblicavano i libri in età barocca e che debiti abbiamo oggi nei confronti di quell'epoca? Una mostra ad Anversa
Come si pubblicavano i libri in età barocca e che debiti abbiamo oggi nei confronti di quell'epoca? Una mostra ad Anversa


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Taormina il festival che racconta la Sicilia e il Mediterraneo attraverso le mappe storiche
A Taormina il festival che racconta la Sicilia e il Mediterraneo attraverso le mappe storiche
A Conegliano una mostra dedicata ai Ciardi tra paesaggi e giardini
A Conegliano una mostra dedicata ai Ciardi tra paesaggi e giardini
Il cartone di Guernica di Picasso è in mostra a Padova
Il cartone di Guernica di Picasso è in mostra a Padova
Prorogata la mostra dedicata a Gio' Pomodoro a Palazzo Ducale di Urbino
Prorogata la mostra dedicata a Gio' Pomodoro a Palazzo Ducale di Urbino
Da Hokusai a Hiroshige, a Pavia i maestri dell'arte giapponese a confronto con Gauguin, Manet e altri
Da Hokusai a Hiroshige, a Pavia i maestri dell'arte giapponese a confronto con Gauguin, Manet e altri
L'arte africana, un'arte universale: a Bologna la mostra postuma dell'africanista Ezio Bassani
L'arte africana, un'arte universale: a Bologna la mostra postuma dell'africanista Ezio Bassani