Burano e i suoi pittori. La luce dell'isola più isola della laguna veneziana


Fino all’8 gennaio 2020 il Museo del Merletto di Burano presenta le opere dei pittori che raffigurarono l’isola come luogo idilliaco.

Fino all’8 gennaio 2020 è in corso presso il Museo del Merletto di Burano la mostra Pittura di luce. Burano e i suoi pittori, a cura di Chiara Squarcina e Elisabetta Barisoni.

Nel corso del Novecento, Burano, l’isola più isola della laguna veneziana, ispirò le opere di artisti come Gino Rossi, Umberto Moggioli e Pio Semeghini, caratterizzate da una particolare luce

La rassegna intende porre l’attenzione, attraverso le opere della collezione della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Ca’ Pesaro, su una produzione che dopo la seconda guerra mondiale condusse Burano e il suo Premio di pittura al centro di un vivace dibattito sull’arte moderna, in particolare quando dal primo decennio del Novecento l’isola divenne luogo connesso al movimento d’avanguardia di Ca’ Pesaro.

Grazie a questi pittori, Burano divenne luogo idilliaco dove si desiderava dipingere en plein air, dal vivo, la natura, ma anche luogo che conciliava un’intima riflessione.

Per info: www.museomerletto.visitmuve.it

Orari: Fino al 31 ottobre dalle 10.30 alle 17; dall’1 novembre all’8 gennaio dalle 10.30 alle 16.30. Chiuso il lunedì.

 

 

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Pittura di luce. Burano e i suoi pittori
CittàBurano
DateDal 06/04/2019 al 08/01/2020

Burano e i suoi pittori. La luce dell'isola più isola della laguna veneziana
Burano e i suoi pittori. La luce dell'isola più isola della laguna veneziana


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma