Il Centro Giacometti celebra l'amicizia tra l'artista e Soshana, pittrice ebrea austriaca


Il Centro Giacometti di Stampa (Svizzera) celebra in mostra la profonda amicizia tra Alberto Giacometti e Soshana, pittrice austriaca di origini ebree. 

Il Centro Giacometti di Stampa, nel Cantone Grigioni (Svizzera), ospita dal 4 luglio al 29 agosto 2021 la mostra I volti di Soshana e Giacometti. Memoria, Assenza, Trauma, a cura di Virginia Marano. Oltre trenta opere, tra disegni e dipinti, celebrano in questa occasione l’opera della pittrice austriaca Soshana, nonché l’amicizia tra quest’ultima e Alberto Giacometti

Soshana (Vienna, 1927 - 2009), artista dalla vita intensa e drammatica, nasce a Vienna nel 1927 con il nome di Susanne Schüller; è costretta a emigrare in America a causa delle leggi razziali naziste, in quanto ebrea. A Parigi, negli anni Cinquanta, usa come studio gli spazi che furono di Derain e Gauguin; nella capitale francese ha modo di conoscere artisti quali Brâncusi, Calder, Chagall, Ernst, Klein, Picasso, intellettuali come Sartre, e Alberto Giacometti, con il quale nasce una profonda amicizia.

Definita dalla stampa parigina la Cassandra della tela, fu artista esule e pittrice libera. Il pubblico potrà conoscere la sua arte attraverso nove opere su carta, ventisette tele, tra cui un celebre ritratto dell’artista svizzero, intitolato Giacometti (1962), e parte dell’epistolario tra Giacometti e Soshana, provenienti dalla collezione di Amos Schueller, figlio dell’artista. 

Le opere in mostra indagano il rapporto tra spazio, storia, genere e sessualità in cui il legame con l’opera di Giacometti si manifesta nello studio figurativo inserito in uno spazio immaginario. Una galleria di ritratti, volti, figure sottili che si appoggiano a tende scure o si proiettano su sfondi dorati, e che si possono suddividere in tre gruppi: il primo comprende il ritratto di Isaku Yanaihara– filosofo giapponese di riferimento per Giacometti, che rappresenta una riflessione sul ruolo della memoria; il secondo, in cui i volti ritratti richiamano il profilo dello scultore e sottolineano l’incontro tra i due artisti, riguarda il mistero dell’assenza; il terzo è dedicato al trauma della guerra, in cui è evocato il continuo esilio vissuto dall’artista ebrea.

L’esposizione intende documentare il rapporto di amicizia tra i due artisti, ancora poco approfondito, e raccontare la loro comune ricerca dell’assoluto inteso come possibilità di rendere il visibile, da un punto di vista artistico.

I volti di Soshana e Giacometti è organizzata dagli Amici del Centro Giacometti, con prestiti di Amos Schueller (Vienna), e si avvale del sostegno del Comune di Bregaglia, degli Amici del Centro Giacometti, della Fondazione Centro Giacometti, dell’Ufficio della cultura dei Grigioni / Swisslos, della Regione Maloja. L’allestimento è a cura dello Studio Alder Clavuot Nunzi Architekten GmbH ETH SIA. 

Per maggiori info: www.centrogiacometti.ch/it

Orari: Da martedì a domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17. 

Biglietti: Adulti 5 CHF. Gratis per minori di 16 anni e Amici del Centro Giacometti. 

Immagine: Soshana con Cheongsam a Parigi (1957)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraI volti di Soshana e Giacometti. Memoria, assenza, trauma
CittàStampa
SedeCentro Giacometti
DateDal 04/07/2021 al 29/08/2021
ArtistiSoshanna, Alberto Giacometti
TemiStampa, Soshanna, Alberto Giacometti

Il Centro Giacometti celebra l'amicizia tra l'artista e Soshana, pittrice ebrea austriaca
Il Centro Giacometti celebra l'amicizia tra l'artista e Soshana, pittrice ebrea austriaca


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma