Roma, alla Fondazione Nicola Del Roscio la personale “Certe cose” di Silvia Giambrone


Dal 15 settembre al 7 ottobre 2022, la Fondazione Nicola Del Roscio di Roma presenta una nuova mostra dal titolo Certe Cose, personale di Silvia Giambrone, primo appuntamento del ciclo espositivo dedicato alla Project Room dello spazio romano.

Dal 15 settembre al 7 ottobre 2022, la Fondazione Nicola Del Roscio di Roma presenta una nuova mostra dal titolo Certe Cose, personale di Silvia Giambrone, primo appuntamento del ciclo espositivo dedicato alla Project Room degli spazi di via Crispi 18. Con questo ciclo inedito di esposizioni pensate appositamente per la Project Room, la Fondazione Nicola Del Roscio dà avvio a un nuovo corso del proprio progetto culturale, con l’obiettivo di dare corpo a un osservatorio sulla produzione italiana contemporanea. Gli artisti sono invitati a intervenire attraverso progetti di sperimentazione e ricerca a proposito dei più urgenti temi della contemporaneità.

La mostra di Silvia Giambrone parte da due versi del poeta Emanuel Carnevali: “Certe cose sono come la Bellezza / Che è morta da tempo: solo l’acqua profonda del pozzo può lavarle e destarle”. Non sempre gli oggetti mantengono le loro funzioni originarie: questi, una volta cessata la loro neutralità, mutano il significato che a loro viene attribuito, possono diventare “Certe Cose”, trasmettendoci sensazioni e risonanze emotive del tutto inconsuete. Certe volte, quegli stessi oggetti diventano simbolo di inquietudini, altre sono portatori di valori condivisi ed eredità culturali, come un colletto ricamato, o un paio di posate. “Certe Cose” sono silenziose e sole, celano meccanismi sottesi di potere e assoggettamento e le stesse opere in mostra non hanno bisogno di un legame che le connetta, vivono come entità a sé stanti. Così, accostando l’architettura asettica della video-performance, alla light box appesa a parete, Silvia Giambrone non vuole creare un discorso unitario tra le opere quanto una riflessione su quello che “Certe Cose” ci trasmettono, scatenando una eco diversa in ognuno di noi.

In questo modo Cutlery (2016) ci riporta a un ambiente domestico e familiare, allo stesso tempo ambiguo e disturbante. In Atto unico per mosche (2018), prodotto dalla Fondazione Pietro e Alberto Rossini di Briosco, torna l’idea di risonanza e corrispondenza tra persone ed oggetti, spazio e tempo. Protagoniste del film sono due donne che si relazionano senza incontrarsi. Collar 6 (2022) mostra la radiografia di un oggetto familiare e universalmente riconosciuto come un colletto ricamato, come un segno penetrato nel corpo, la cui potenza simbolica fa emergere la sua provenienza culturale. L’atto del ricamo, infatti, storicamente concepito come una pratica tradizionale femminile, diviene un oggetto-segno, che secondo il pensiero di Judith Butler, è performativo e si scrive sul corpo, costruendone la sua identità.

Il nuovo corso del format Project Room vuole inoltre dare la possibilità di entrare ancor più nel vivo del processo creativo dell’artista: in occasione dell’opening infatti Silvia Giambrone darà simbolicamente avvio alla mostra con un momento di lettura pubblica di una selezione di scritti di autori vari, tra cui “Certe Cose” di Emanuel Carnevali, fondamentali per la comprensione del suo lavoro. Poesie e testi in cui l’artista ha ritrovato una risonanza con le proprie opere, in quanto espressioni dell’introiezione dei rapporti di potere. Il pubblico è così invitato a prendere parte al vissuto emozionale dell’artista.

Orari d’apertura: dal martedì al venerdì dalle 11 alle 17. Chiuso il lunedì, il sabato e la domenica. Per info: https://fondazionenicoladelroscio.it/la-fondazione/

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSilvia Giambrone. Certe cose
CittàRoma
SedeFondazione Nicola Del Roscio
DateDal 15/09/2022 al 07/10/2022
ArtistiSilvia Giambrone
TemiArte contemporanea

Roma, alla Fondazione Nicola Del Roscio la personale “Certe cose” di Silvia Giambrone
Roma, alla Fondazione Nicola Del Roscio la personale “Certe cose” di Silvia Giambrone


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE