In arrivo a Trieste una grande mostra dedicata a Escher


Trieste ospiterà dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020 una grande mostra dedicata al mondo di Escher.

Il Salone degli Incanti a Trieste accoglierà gli enigmi ottici di Maurits Cornelis Escher dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020. 

Circa duecento opere del celebre artista e grafico olandese, tra le personalità più originali del Novecento, saranno esposte in occasione della grande mostra triestina a lui dedicata. I suoi enigmi ottici hanno influenzato tutti i campi dell’arte: dai dischi ai fumetti, dalla pubblicità al cinema, dalla moda all’architettura. 

I visitatori saranno protagonisti nel mondo di Escher, tra i suoi paradossi prospettici, le sue geometrie e le sue tipiche composizioni. Inquieto, riservato e geniale, Escher crea nelle sue incisioni e nelle sue litografie un mondo unico, immaginifico, impossibile, all’interno del quale confluiscono arte, matematica, scienza, fisica e design. 

Curata da Federico Giudiceandrea, la mostra è promossa e organizzata dal Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura e Gruppo Arthemisia con Generali Valore Cultura, in collaborazione con M.C. Escher Foundation e il supporto di PromoTurismoFVG. 

Per info: www.mostraescher.it

Orari: Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30

Biglietti: Intero 14 euro, ridotti 12 euro

Immagine: Maurits Cornelis Escher, Vincolo d’union (1956; litografia, 25,3 x 33,9 cm; collezione privata) Credit The M.C. Escher Foundation

In arrivo a Trieste una grande mostra dedicata a Escher
In arrivo a Trieste una grande mostra dedicata a Escher


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER