In arrivo a Trieste una grande mostra dedicata a Escher


Trieste ospiterà dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020 una grande mostra dedicata al mondo di Escher.

Il Salone degli Incanti a Trieste accoglierà gli enigmi ottici di Maurits Cornelis Escher dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020. 

Circa duecento opere del celebre artista e grafico olandese, tra le personalità più originali del Novecento, saranno esposte in occasione della grande mostra triestina a lui dedicata. I suoi enigmi ottici hanno influenzato tutti i campi dell’arte: dai dischi ai fumetti, dalla pubblicità al cinema, dalla moda all’architettura. 

I visitatori saranno protagonisti nel mondo di Escher, tra i suoi paradossi prospettici, le sue geometrie e le sue tipiche composizioni. Inquieto, riservato e geniale, Escher crea nelle sue incisioni e nelle sue litografie un mondo unico, immaginifico, impossibile, all’interno del quale confluiscono arte, matematica, scienza, fisica e design. 

Curata da Federico Giudiceandrea, la mostra è promossa e organizzata dal Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura e Gruppo Arthemisia con Generali Valore Cultura, in collaborazione con M.C. Escher Foundation e il supporto di PromoTurismoFVG. 

Per info: www.mostraescher.it

Orari: Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30

Biglietti: Intero 14 euro, ridotti 12 euro

Immagine: Maurits Cornelis Escher, Vincolo d’union (1956; litografia, 25,3 x 33,9 cm; collezione privata) Credit The M.C. Escher Foundation

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraEscher
CittàTrieste
DateDal 18/12/2019 al 07/06/2020

In arrivo a Trieste una grande mostra dedicata a Escher
In arrivo a Trieste una grande mostra dedicata a Escher


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma