Ferrara, Palazzo dei Diamanti riapre con la mostra su Banksy


Palazzo dei Diamanti a Ferrara riparte da Banksy: apre dal 30 maggio al 27 settembre 2020 la mostra sullo street artist britannico.

S’intitola Un artista chiamato Banksy la mostra con cui Palazzo dei Diamanti a Ferrara riapre oggi, sabato 30 maggio, i battenti al pubblico: la rassegna è la prima del nuovo corso della Fondazione Ferrara Arte, che da fine 2019 è presieduta da Vittorio Sgarbi, salito al comando dell’ente che gestisce la cultura cittadina a seguito delle ultime elezioni che hanno visto la vittoria di Alan Fabbri della Lega, nuovo sindaco della città emiliana.

L’esposizione, che dura fino al 27 settembre, riunisce oltre cento opere e oggetti originali dell’artista britannico per dar conto della sua intera produzione. Vent’anni di attività dai primi dipinti fino alle opere del finto parco giochi Dismaland allestito nel 2015 a Weston-super-Mare in Inghilterra, passando attraverso gli stencil e le serigrafie che Banksy considera vitali per la diffusione del suo messaggio. Non mancheranno serigrafie delle opere più famose come la Girl with Balloon e Love is in the air. In mostra figurano anche lavori in spray e acrilici su compensato dei primi anni 2000, oltre a un’opera come CCTV Britannia (uno spray su acciaio forato del 2009), che trasforma la lancia della figura femminile che personifica la nazione inglese in un supporto per una telecamera a circuito chiuso, messaggio contro il controllo esercitato sugli spazi pubblici, luoghi preferiti da Banksy per il suo agire.

La mostra è curata da Stefano Antonelli e Gianluca Marziani, secondo i quali “Banksy mette in discussione concetti come l’unicità, l’originalità, l’autorialità e soprattutto la verità dell’opera tratteggiando una nuova visione sulla relazione tra opera e mercato, istituendo, di fatto, un nuovo statuto dell’opera d’arte, una nuova verità dell’arte stessa, ovvero l’opera originale non commerciabile”. Banksy, spiega Marziani, “supera la stessa arte che finora abbiamo conosciuto. Ne riformula regole, usi e costumi, ricreando una filiera che elimina gli imbuti produttivi del modello tradizionale. Banksy usa strumenti e materiali che tutti conosciamo, senza perdere aderenza con oggetti fisici e tangibili, con forme semplici e quasi banali, con un metodo lo-fi privo di utopie fantasy. Lo capiscono tutti in quanto usa la grammatica degli oggetti e la sintassi delle storie condivise. Si alimenta di cronaca e realtà, ribaltando storie che toccano l’umanità intera”.

Si tratta di una mostra non ufficiale (non è stata infatti autorizzata da Banksy), con materiale radunato per l’occasione da collezioni private, anche se l’artista è stato informato dell’esposizione. Ovviamente anche Palazzo dei Diamanti si adegua alle nuove disposizioni anti-Covid: in particolare, l’ingresso alla mostra è contingentato e sarà consentito a un massimo di 15 visitatori ogni 15 minuti; è obbligatorio indossare la mascherina per tutti i visitatori dai 6 anni in su; è necessario mantenere sempre la distanza interpersonale di almeno 1 metro ed evitare assembramenti; è raccomandata l’igienizzazione delle mani con gli appositi disinfettanti che si trovano lungo il percorso; è vietato l’ingresso a chi ha temperatura corporea uguale o superiore a 37,5°; si raccomanda di evitare il contatto con le superfici comuni, nonché di toccare occhi, naso, bocca e viso.

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito di Palazzo dei Diamanti.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraUn artista chiamato Banksy
CittàFerrara
SedePalazzo dei Diamanti
DateDal 30/05/2020 al 27/09/2020
ArtistiBanksy
TemiArte contemporanea, Street art, Banksy

Ferrara, Palazzo dei Diamanti riapre con la mostra su Banksy
Ferrara, Palazzo dei Diamanti riapre con la mostra su Banksy


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER