Focus su Francis Bacon alla Magnani-Rocca


Alla Fondazione Magnani-Rocca di Parma arriva un focus su Francis Bacon: in mostra il dipinto ’Two Americans’.

Alla Fondazione Magnani-Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma) una mostra (o meglio: un focus) celebra il mito di Francis Bacon (Dublino, 1909 - Madrid, 1992). Francis Bacon. Two Americans porta il dipinto Two Americans del 1954 nelle sale della Villa di Mamiano: l’opera, che appartiene alla Collezione Barilla di Arte Moderna, fu acquistata da Pietro Barilla nel 1968 presso la Galleria Mario Tazzoli di Torino e raggiunse una raccolta formata da opere di grandi artisti contemporanei come Max Ernst, James Ensor, Henry Moore, Chaim Soutine, Nicholas de Staël, oltre agli italiani Giorgio De Chirico, Umberto Boccioni, Marino Marini, Alberto Savinio, Alberto Burri, Lucio Fontana e molti altri.

Bacon eseguì il suo Two Americans con ogni probabilità a Ostia, nel corso del suo soggiorno in Italia dell’autunno 1954. Nel dipinto, Bacon ritrae due viaggiatori americani che aveva visto affacciandosi dalla finestra del suo hotel a Roma. Sono due personaggi in completo blu scuro, probabilmente due uomini d’affari, inseriti entro un rettangolo tracciato con un labile segno bianco che segna lo spazio della composizione: una sorta di cornice inserita per catturare l’attenzione dell’osservatore e al contempo per evitare che una storia distolga la concentrazione di chi guarda dai due personaggi. Le figure di Bacon infatti sono figure isolate, in disfacimento (Bacon era solito dissolvere i suoi personaggi con colpi di pennello e spatole o scagliando colori direttamente sulla tela). Dichiarava lo stesso artista: “in quei momenti sono pronto a tutto: cancello con lo straccio o prendo il pennello e frego via quello che ho appena dipinto, ci passo sopra l’acquaragia, ci dipingo sopra qualcos’altro... tutto pur di spezzare l’organizzazione razionale dell’immagine, purché cresca spontaneamente, cioè secondo la propria struttura e non quella che io le impongo. […] Io voglio deformare le cose al di là dell’apparenza, ma allo stesso tempo voglio che la deformazione registri l’apparenza”.

La mostra, in svolgimento dal 9 settembre al 10 dicembre 2017, è aperta negli orari d’apertura della Fondazione: dal martedì alle venerdì dalle 10 alle 18, il sabato, la domenica e i festivi dalle 10 alle 19 (lunedì chiuso, la biglietteria chiude un’ora prima dell’orario di chiusura). Il sabato alle 16 e la domenica e i festivi alle 11:30, 15:30 e 16:30 ci sono visite alle mostre con guide specializzate. Alla mostra si accede col biglietto valido anche per la raccolta permanente e per la mostra sulla Pubblicità. 10 euro l’intero, 5 il ridotto per le scuole. Dal 30 settembre all’8 ottobre il biglietto dà diritto a uno sconto sull’ingresso al Mercanteinfiera alle Fiere di Parma. Informazioni e prenotazioni: 0521 848327, www.magnanirocca.it. Mostra realizzata con la collaborazione di XL Catlin e di AON s.p.a.

Immagine: Francis Bacon, Two Americans (1954; Collezione Barilla). Ph. Credit Adriana Ferrari

Focus su Francis Bacon alla Magnani-Rocca
Focus su Francis Bacon alla Magnani-Rocca


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER