Quando Frida Kahlo s'innamorò di Nickolas Muray. A Stupinigi gli scatti del fotografo


La Palazzina di Caccia di Stupinigi ospita dall’1 febbraio al 3 maggio 2020 la mostra Frida Kahlo through the lens of Nickolas Muray

La Palazzina di Caccia di Stupinigi ospiterà dall’1 febbraio al 3 maggio 2020 la mostra fotografica dal titolo Frida Kahlo through the lens of Nickolas Muray; presentata da Next Exhibition e da ONO arte contemporanea, la rassegna intende fornire uno sguardo intimo e privato sulla celebre artista messicana Frida Kahlo attraverso gli scatti del suo amico di lunga data e amante Nickolas Muray.

L’incontro tra i due avvenne quasi per caso grazie all’artista messicano Miguel Covarrubias: quest’ultimo era giunto nel 1923 a New York con una borsa di studio di sei mesi offerta dal governo del Messico e, poco dopo, cominciò a lavorare per Vanity Fair. Muray e Covarrubias diventarono presto amici. Nel 1931 il fotografo trascorse una vacanza in Messico con Covarrubias e sua moglie Rosa e, poiché l’amico era stato uno studente di Diego Rivera, fu inevitabile l’incontro tra Frida Kahlo e Nickolas Muray.

Dopo il loro primo incontro, Frida scrisse un biglietto d’amore a Muray e iniziarono una storia d’amore che durò per dieci anni, ma la loro amicizia durò fino alla sua morte nel 1954. Nel corso della loro relazione, dal 1937 al 1946, il fotografo la immortalò nei suoi scatti che presentano una prospettiva unica di Frida; inoltre sono significativi per la qualità di Muray come ritrattista e come maestro della fotografia a colori, campo pionieristico in quegli anni. In queste immagini si evidenzia anche il profondo interesse dell’artista messicana per la sua cultura, la sua vita e le persone a lei legate. 

In mostra sono quindi visibili al pubblico sessanta fotografie realizzate da Nickolas Muray che raccontano il percorso professionale e personale di Frida Kahlo, partendo dagli scatti del 1937 a Tizapán fino a quelli del 1948 a Pedregal e Coyoacán. Alcune delle fotografie più importanti dell’artista sono state scattate proprio in questo periodo, come quelle realizzate nel 1939 nello studio di muray e nel 1946 a New York. 

La parte introduttiva dell’esposizione proporrà un’immersione multimediale nei sentimenti e nelle emozioni dell’artista. E saranno inoltre presenti riproduzioni di ambienti, abiti messicani, gioielli e lettere d’amore tra il fotografo e Frida. 

Orari: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 17.30; sabato e domenica dalle 10 alle 18.30. 

Biglietti: Intero 14 euro, ridotto 12 euro. Gratuito per minori di 6 anni. Chi presenterà il biglietto di visita della Palazzina di Caccia di Stupinigi potrà entrare in mostra a prezzo scontato a 10 euro. 

© Nickolas Muray Photo Archives

Quando Frida Kahlo s'innamorò di Nickolas Muray. A Stupinigi gli scatti del fotografo
Quando Frida Kahlo s'innamorò di Nickolas Muray. A Stupinigi gli scatti del fotografo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER