Guercino e Mattia Preti a confronto in una mostra in Calabria


Aprirà il prossimo 12 agosto la mostra ’Guercino-Preti a confronto. La nuova linea dell’arte barocca’, che mette a confronto le opere del Guercino e di Mattia Preti.

Apre il 12 agosto, e dura fino al 18 novembre 2017, la mostra Guercino-Preti a confronto. La nuova linea dell’arte barocca, che metterà in paragone le opere di Giovanni Francesco Barbieri, meglio noto come il Guercino (Cento, 1591 - Bologna, 1666) e quelle di Mattia Preti (Taverna, 1613 - La Valletta, 1699), presso il Museo Civico di Taverna (provincia di Catanzaro). Sarà la prima volta di alcuni capolavori del Guercino in Calabria, terra natale di Mattia Preti, che sarà presente con alcune tele conservate proprio a Taverna: la mostra intende mettere a confronto due modi diversi d’intendere il barocco, da parte di due artisti che si conobbero direttamente, con Preti che trasse anche alcuni spunti dall’arte del Guercino.

A Taverna verranno portate alcune importanti opere dell’artista ferrarese, tra cui anche la celebre Apparizione di Cristo alla madre, recentemente esposto anche alla mostra di Piacenza. Dopo la chiusura, la mostra, lasciata la Calabria, avrà una prosecuzione a Cento, la città natale del Guercino: saranno esposte opere di Mattia Preti (verranno indagati in particolare i suoi rapporti con il classicismo emiliano) provenienti da Taverna per uno scambio che gli organizzatori si augurano fecondo e interessante.

Immagine: Guercino, Apparizione di Cristo alla madre (1628-1630; olio su tela, 260 x 179,5 cm; Cento, Pinacoteca Civica “Il Guercino”)

Guercino e Mattia Preti a confronto in una mostra in Calabria
Guercino e Mattia Preti a confronto in una mostra in Calabria


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER