Il Cristo di Howtan Re grida Save me!


Dall’11 dicembre 2019 presso Howtan Space a Roma la personale dell’artista Howtan Re, Save me!

Dall’11 dicembre 2019 al 14 febbraio 2020, presso Howtan Space a Roma, sarà allestita la personale dell’artista Howtan Re (Teheran, 1974), dal titolo Save me!

Curata da Barbara Martusciello, la mostra presenta quattordici sculture collocate su una grande parete-schermo in dialogo con una scritta al neon

Le sculture hanno l’aspetto di Cristo e sono quattordici come le stazioni della Via Crucis; queste dialogano con una scritta al neon che rappresenta una richiesta d’aiuto ribaltata, poiché è Cristo che reclama il sostegno dell’uomo affinché salvaguardi il suo messaggio. 

Con questa opera Howtan Re intende condurre a una riflessione sulla perdita di umanità e spiritualità, laica o religiosa, ed esprimere concordia e pacificazione per riportare al centro l’umanità. 

Il Cristo rappresentato dall’artista nelle sculture fonde maschile e femminile; ogni Cristo è diverso, ha una corona di spina e compie il suo estremo atto di sacrificio contro ogni forma d’ingiustizia e discriminazione. Attraverso una delle icone più riconoscibili della cultura occidentale, Howtan Re intende superare pertinenze di esclusività della fede per elevarlo a un simbolo universale di condivisione e di conciliazione

Orari: Da lunedì a venerdì dalle 12 alle 19. 

Ingresso gratuito

Ph.Credit Howtan Space

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSave me!
CittàRoma
DateDal 11/12/2019 al 14/02/2020

Il Cristo di Howtan Re grida Save me!
Il Cristo di Howtan Re grida Save me!


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma