A Firenze una collettiva indaga la natura multiforme del tempo


IED Firenze ospita fino al 30 novembre 2023, in relazione alla mostra di Anish Kapoor a Palazzo Strozzi, la collettiva The Tilt of Time, in cui si intende esplorare attraverso le opere di sette artisti contemporanei la natura multiforme del tempo. 

Fino al 30 novembre 2023 presso IED Firenze, in via Bufalini 6R, è visitabile la mostra collettiva The Tilt of Time, progetto coordinato da Daria Filardo (IED) e Martino Margheri (Fondazione Palazzo Strozzi) con lo sviluppo curatoriale della classe del Master 2022/23: Georgina Anastasi, Victoria Cassone, Hailey Conway, Patricia Hale-Siedler, Sneha Harish Chaturani, Solomiia Hrebeniak-Dubova, Alisa Kanevskiy, Catarina Mel, Emma Miles e Alexandra Skilnick.

L’esposizione, che nasce in relazione alla mostra Anish Kapoor. Untrue Unreal in corso a Palazzo Strozzi (7 ottobre 2023-4 febbraio 2024) e che segna il terzo anno di collaborazione tra il Master in Curatorial Practice di IED Firenze e la Fondazione Palazzo Strozzi, intende esplorare la natura multiforme del tempo attraverso le opere di Giulio Aldinucci, Fabrizio Ajello e Francesco D’Isa, Chiara Bettazzi, Alessandro Gandolfi, Jacopo Jenna, Namsal Siedlecki.

Il tempo nelle sue diverse forme e accezioni, ciclico, eterno, presente, lineare, frammentato, distorto, biologico e personale è stato in ogni epoca territorio di analisi della filosofia, dalla religione, dalla scienza e dall’arte. The Tilt of Time vuole indagare sei traiettorie di ricerca e proporre riflessioni che spaziano dalla trasformazione degli oggetti e dei loro significati nel tempo e nella storia, all’attuale ruolo dell’intelligenza artificiale nella creazione di immagini e al suo rapporto con le arti visive, fino a toccare le tensioni geopolitiche del nostro presente. La mostra include inoltre il linguaggio della performance e della musica che per loro stessa natura, non solo vivono nel tempo, ma lo organizzano, lo comprimono o lo espandono.

La mostra si apre con un’installazione site-specific di Chiara Bettazzi, che attraverso l’uso di oggetti provenienti dai magazzini dell’istituto, ibridati con gli oggetti evocativi provenienti dal suo studio, genera nuove forme capaci di sottolineare l’incontro tra piani temporali diversi e il senso di transitorietà della materia. Alla grande installazione che restituisce nuova vita ed equilibri agli oggetti, come una natura morta espansa che fa riflettere sul ruolo del tempo, segue il racconto fotografico di Alessandro Gandolfi che presenta immagini selezionate da reportage che ha compiuto in quattro diverse aree del mondo. Le storie raccontano le tensioni geopolitiche del nostro tempo presente e, attraverso le vite degli altri, ci interrogano sulle crisi della nostra società contemporanea.

I lucernari (tunnel solari) che caratterizzano l’architettura del lungo corridoio di IED accolgono un articolato wall-drawing di Fabrizio Ajello e Francesco D’Isa. I due artisti, affiancati dalla classe del master, hanno trascritto sogni da utilizzare come materia generativa di un processo creativo, dopodiché, sfruttando programmi di intelligenza artificiale (AI), hanno trasformato le narrazioni delle esperienze oniriche in immagini. L‘archivio visivo nato da questo incontro è stato reinterpretato e tradotto in complessi disegni che trovano spazio sulla pelle dell’edificio. Il dialogo fra l’uomo e la tecnologia ci porta in un futuro (già presente) che intreccia tempi, tecniche, suggestioni e visioni da osservare come sinopie di affreschi.

Conclude la mostra la scultura di Namsal Siedlecki, una testa in vetro soffiato che trova la sua genesi nel rapporto con la statuaria del passato, in un passaggio di testimone tra forme e materiali. L’artista ha lavorato con la cavità residua di una scultura in bronzo, grazie al suo intervento la forma negativa custodita dentro la statua bronzea si è liberata ed è diventata il modello per una nuova scultura in vetro, capace di preservare la memoria della volumetria originaria. Posta alla fine del corridoio principale di IED Firenze, la scultura invita gli spettatori a confrontarsi con l’interazione tra passato e presente, e il continuo mutare delle forme.

“Il tempo infinito di internet. Il tempo interrotto della pandemia. Indietro nel tempo con la guerra in Ucraina. Il tempo velocizzato dell’intelligenza artificiale. Una serie di eventi storici recenti rende attualissimo il tema del tempo, il quale è sempre correlato a quello dello spazio, come Storia e Geografia. Per questo penso sia importante dedicare gli spazi veri e reali della scuola per dare continuità a Anish Kapoor. Untrue Unreal. La scuola è il luogo dove i giovani danno forma allo spirito del tempo”, sottolinea Danilo Venturi, direttore di IED Firenze.

Il catalogo realizzato in collaborazione con Kunstverein Publishing Milano approfondisce il lavoro degli artisti, racconta la creazione dei progetti site-specific per gli spazi di IED Firenze e Palazzo Strozzi e restituisce l’articolazione della ricerca curatoriale con un’apposita sezione.

La mostra sarà affiancata da un programma di performance a Palazzo Strozzi negli spazi della Strozzina: sono previsti due eventi performativi: sabato 11 novembre (ore 21.30-8.00) lo sleeping concert di Giulio Aldinucci e giovedì 23 novembre (ore 19.00-21.00) la durational performance di Jacopo Jenna.

Giulio Aldinucci, compositore e sound artist, si addentra nel tempo come durata percettiva proponendo uno sleeping concert, una performance dal vivo per tutta la durata della notte. Le sue composizioni elettroacustiche sperimentali accompagneranno i visitatori nella percezione del tempo notturno, onirico, dilatato, meditativo. Nella musica di Aldinucci riverberano le memorie sonore dei luoghi visitati dall’artista, l’uso di campionamenti e field recordings gli permette di creare un ponte immersivo tra la storia e il momento presente.

Il corpo e i suoi movimenti, che scandiscono il tempo e indagano lo spazio, sono l’oggetto di ricerca della performance di Jacopo Jenna. L’artista ha creato un lavoro, una performance di lunga durata, che si confronta con i diversi spazi della Strozzina, dove le azioni eseguite da performer si intrecciano con una composizione musicale discontinua tra le sale, una coreografia di luci e una partitura di azioni per il pubblico. Il ciclo continuo di movimenti, suoni e luci lascia spazio all’intervento del pubblico che può interagire nella costruzione dell’evento. Il tempo diventa un’esperienza partecipata concreta, un’indagine che ognuno di noi può incarnare e misurare.

La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, con ingresso libero.

Immagine: allestimento mostra The Tilt of Time. Fabrizio Ajello-Francesco D’Isa. Foto di Sara Sassi

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraThe Tilt of Time
CittàFirenze
SedeIED Firenze
DateDal 27/10/2023 al 30/11/2023
ArtistiNamsal Siedlecki, Alessandro Gandolfi, Chiara Bettazzi, Giulio Aldinucci, Fabrizio Ajello e Francesco D'Isa, Jacopo Jenna
CuratoriDaria Filardo, Martino Margheri
TemiArte contemporanea

A Firenze una collettiva indaga la natura multiforme del tempo
A Firenze una collettiva indaga la natura multiforme del tempo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020