Le opere grafiche di Miró in mostra a Castiglione del Lago


Dal 28 giugno al 4 novembre 2018 a Castiglione del Lago è in corso la mostra ’Joan Miró. Meraviglie grafiche 1966 - 1976’

È in programma a Castiglione del Lago (Perugia), presso Palazzo Della Corgna, dal 28 giugno al 4 novembre 2018, la mostra Joan Miró. Meraviglie grafiche 1966 - 1976, che mostra al pubblico settanta opere grafiche di Joan Miró (Barcellona, 1893 – Palma di Maiorca, 1983), appartenenti a quattro serie complete: Ubu Roi del 1966, Le Lézard aux Plumes d’Or del 1971, Maravillas con variaciones acrósticas en el jardín de Miró del 1975 e Le Marteau sans maître del 1976. Si tratta di capolavori che raccontano il “sogno poetico” di Joan Miró, ovvero la sua capacità di esprimere le immagini della propria fantasia attraverso un linguaggio personale, colmo di figure di colori vivi (blu, rossi, verdi, gialli) che danno vita a visioni straordinarie.

Le opere di Miró testimoniano inoltre l’importanza che l’illustrazione acquisì nel corso del Novecento: fino alla seconda metà dell’Ottocento, infatti, l’illustrazione costituiva un apparato accessorio al testo, sempre subordinato alla parola scritta. Il surrealismo ereditò le sperimentazioni delle avanguardie precedenti, ma divenne il terreno più fecondo e longevo per la riflessione sul rapporto tra testo e parola e per la creazione dei «libri d’artista». Per l’ampiezza delle pubblicazioni e per il costante lavoro di sperimentazione intrapreso dagli artisti, il «libro d’artista» surrealista rappresenta uno dei contributi artistici ma anche teorici più interessanti del Novecento e Miró ne fu uno dei massimi sperimentatori.

“Miró dialogò con l’opera di alcuni dei principali esponenti del mondo letterario del Dopoguerra”, leggiamo nella presentazione della rassegna. "Nelle tredici coloratissime litografie di Ubu Roi ciascuna tavola è lavorata come una scena teatrale in cui forme e volumi sembrano potersi muovere liberamente. Ubu è un personaggio grottesco le cui funzioni viscerali dominano su quelle intellettuali e rappresenta la caricatura di ogni abiezione umana. In Le Lézard aux plumes d’orMiró diventa illustratore di se stesso: ’La lucertola dalle piume d’oro’ rappresenta la fusione compiuta tra immagine e testo poetico, in una equilibrata coesistenza di grafismo e immagini.

Nelle illustrazioni di Maravillas con variaciones acrósticas en el jardin de Miró l’artista catalano si esprime con segni neri e vivaci macchie colorate dal forte impatto visivo. Le sue ’Meraviglie’ sono la perfetta espressione di quell’instancabile fantasia nel creare forme e disegni che assomigliano a un linguaggio misterioso e affascinante. Con il ciclo Le Marteau sans maître Miró rende omaggio al poeta René Chair, una delle voci più importanti della letteratura francese del Novecento. Anche in questa serie Miró non rinuncia al colore, ma la scelta dell’acquatinta valorizza non la lucentezza dei cromatismi ma una delicata, modulata porosità delle superfici".

La rassegna apre tutti i giorni dalle 9:30 alle 19 (fino al 30 settembre, quindi in ottobre e novembre dalle 9:30 alle 18:30). Ultimo ingresso 45 minuti prima della chiusura. Biglietti (che comprendono la visita a Palazzo della Corgna e alla Rocca del Leone): intero 8 euro, ridotto A 6 euro (per gruppi di almeno 15 persone e giovani fino a 25 anni), ridotto B 3 euro (bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni), residenti Castiglione del Lago 4 euro, i bambini fino a 5 anni entrano gratis. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito di Palazzo della Corgna. Hashtag della mostra: #MiroCastiglionedelLago.

Le opere grafiche di Miró in mostra a Castiglione del Lago
Le opere grafiche di Miró in mostra a Castiglione del Lago


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma