Le creature fantastiche di Koen Vanmechelen in mostra sull'isola di Murano


Dall’8 aprile al 15 maggio 2022, le creature fantastiche dell’artista fiammingo Koen Vanmechelen sono in mostra presso la Fondazione Berengo Art Space sull’isola di Murano.

Reduci dal grande successo riscosso alla Galleria degli Uffizi con la mostra Seduzione, le trenta creature fantastiche realizzate dall’artista fiammingo Koen Vanmechelen con accostamenti di vetro e marmo di Carrara vengono presentate da Adriano Berengo sull’isola di Murano.

Realizzate nel 2021 con il supporto dei maestri di Berengo Studio per la parte in vetro e dei Laboratori Michelangelo di Carrara per la parte in marmo, le opere verranno ospitate da venerdì 8 aprile fino a domenica 15 maggio 2022 all’interno della Fondazione Berengo Art Space (Campiello della Pescheria 4) con il titolo Burning Falls. La mostra si inserisce all’interno della sezione In Città di Homo Faber 2022, il grande evento espositivo dedicato ai mestieri d’arte e all’alto artigianato internazionale organizzato dalla Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship in partnership con la Fondazione Giorgio Cini, la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, la Japan Foundation e la Fondation Bettencourt Schueller.

La mostra si allinea con lo spirito di Homo Faber, Crafting a more Human Future, il cui focus quest’anno è I tesori viventi d’Europa e del Giappone, e permette di celebrare un materiale unico in questo Anno Internazionale del Vetro: “Se Burning Falls può rompere i muri che ci dividono oggi, creerà una trasparenza in cui ci riconosceremo nell’altro”, afferma Koen Vanmechelen. Con Burning Falls continua, inoltre, la narrazione del Cosmopolitan Renaissance dell’artista, che vede la bocca ardente della fornace come suo punto focale. “Il vetro”, afferma l’artista, “è il materiale del futuro. È sia riciclabile che plasmabile. E invita alla connessione e al lavoro di squadra, fondendo creatività e artigianato. Lavorare con il vetro è come lavorare con l’acqua: il liquido diventa solido quando gli elementi si uniscono. Il fuoco permette questa trasformazione, e lo stato tra solido e liquido è simboleggiato da un uccello di fuoco, come un generatore di azione, o un flusso di lava, che porta all’immagine di Burning Falls”.

Koen Vanmechelen, Formula Segreta II (2021). Foto di Francesco Allegretto
Koen Vanmechelen, Formula Segreta II (2021). Foto di Francesco Allegretto
Koen Vanmechelen, Domestic Violence (2021). Foto di Francesco Allegretto
Koen Vanmechelen, Domestic Violence (2021). Foto di Francesco Allegretto

Per l’occasione, oltre a Medusa, alla tigre rossa, ai polli serpentini, alle iguana cornute e agli altri animali fantastici visti a Firenze, ci saranno anche alcuni pezzi mai esposti, tra cui gli interessanti lampadari Formula Segreta: due opere complesse che riflettono sull’origine, la decadenza e la rigenerazione di ogni cosa creata, e che vogliono rappresentare un tributo dell’artista alla storia del vetro muranese. “La formula segreta di questi magnifici lampadari è la catena dell’evoluzione”, spiega l’artista belga. “Alla base della catena evolutiva ci sono creste, artigli e uova: elementi primordiali, metafora di un mondo ancestrale in perenne lotta per la sopravvivenza. Il serpente striscia in mezzo a loro e ricorda la decadenza derivante dal peccato originale e il giudizio finale, sua inevitabile conseguenza. Le specie si sono evolute ma sono andate perdute, nello scioglimento e nell’autodistruzione, di generazione in generazione. Un nuovo segmento è intervenuto per riorientare il destino evolutivo: il virus. Ma, dalla potenziale distruzione, è emersa una nuova vita, un uovo da cui è stato generato un bambino, bendato perché ancora ignaro”.

Tutte le sculture prodotte da Vanmechelen per questo progetto accostano sapientemente i toni del marmo alla lucentezza del vetro, e vogliono riflettere sul significato di alcune figure chiave della mitologia classica. Accade per Medusa, la gorgone che al posto dei capelli aveva serpenti il cui veleno poteva svegliare i morti: nel darle forma Vanmechelen traccia un astuto parallelo notando come le uova di gallina siano usate nella medicina moderna come base per vaccini e medicinali. La sua Medusa diventa quindi una metafora dell’umanità stessa, intrisa del potere di uccidere oltre che della capacità di portare nuova vita. In maniera analoga, viene riletta anche la simbologia dei serpenti, trasformati per l’occasione in polli mostruosi e deformi. L’intento è quello di evocare nello spettatore il valore simbolico dell’umile pollo, un soggetto da sempre molto caro all’artista perché esempio del potenziale per la vita e dei modi in cui gli esseri umani sono stati negligenti con il suo potenziale illimitato.

La mostra, curata da Studio Vanmechelen in collaborazione con Fondazione Berengo, è aperta dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 17.00. Ingresso libero.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraKoen Vanmechelen. Burning Falls
CittàMurano
SedeFondazione Berengo Art Space
DateDal 08/04/2022 al 15/05/2022
ArtistiKoen Vanmechelen
TemiArte contemporanea

Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Vercelli, una mostra per scoprire la città medievale e tutti i suoi segreti
Vercelli, una mostra per scoprire la città medievale e tutti i suoi segreti
A Milano, Leonardo da Vinci è anche in 3D: alla Fabbrica del Vapore un evento multisensoriale
A Milano, Leonardo da Vinci è anche in 3D: alla Fabbrica del Vapore un evento multisensoriale
L'oro come aspirazione al lusso. A Calenzano la personale di Flavio Favelli
L'oro come aspirazione al lusso. A Calenzano la personale di Flavio Favelli
A Savona una mostra dedicata a Bartolomeo Guidobono e alla ceramica barocca
A Savona una mostra dedicata a Bartolomeo Guidobono e alla ceramica barocca
Per Maria Lai una retrospettiva a Ulassai, la sua città natale, nel centenario della nascita
Per Maria Lai una retrospettiva a Ulassai, la sua città natale, nel centenario della nascita
OGR Torino, una mostra ripercorre il tema arte e natura dall'Arte povera a oggi
OGR Torino, una mostra ripercorre il tema arte e natura dall'Arte povera a oggi