Il LAC di Lugano riapre con una mostra fotografica di Hechenkblaikner dedicata al turismo di massa e agli eccessi di Ishgl


La sede del MASI al LAC di Lugano riapre al pubblico e presenta fino al 6 settembre 2020 la mostra fotografica Lois Hechenblaikner. Ischgl and more.

Da oggi riapre al pubblico la sede del MASI al LAC di Lugano e presenta il progetto fotografico Lois Hechenblaikner. Ischgl and more. A pop-up project(ion), visitabile fino al 6 settembre 2020. L’ultima serie di scatti del fotografo austriaco Lois Hechenblaikner che documentano il lato meno noto e irriverente della località tirolese di Ischgl

Dalle Alpi, come luogo d’incontro sublime e meditativo con la natura, agli scatti dalla forte espressività di Lois Hechenblaikner, che mostrano una realtà ben diversa dalle consuete aspettative, legata al turismo sciistico di massa e alle conseguenti alterazioni della natura e dell’uomo che ciò comporta.

La raccolta di immagini documenta una delle mete sciistiche più ambite. Non solo una località di vacanza ma soprattutto destinazione per gli amanti dell’après-ski: concerti, vita notturna, eventi spesso “sopra le righe”, definiti dallo stesso Hechenblaikner Delirium Alpinum e che il marzo scorso hanno attirato l’attenzione dei media per aver trasformato Ischgl in uno dei principali focolai dell’infezione da Coronavirus in Europa.

Gli scatti in mostra non sono tuttavia esclusivamente riconducibili agli avvenimenti più recenti, ma testimoniano la ricerca del fotografo che, da oltre trent’anni, documenta i vari aspetti del turismo sciistico tirolese. A Ischgl, l’artista ha voluto immergersi tra i turisti nei momenti di festa, spesso caratterizzati da caos, cogliendone attimi da immortalare con la sua macchina fotografica e documentando anche i retroscena: gli impianti sciistici, le nuove costruzioni e i locali notturni.

L’espressiva serie di oltre duecento immagini, raccolte in lunghi anni di studio, può essere considerata una ricerca sociologica e fotografica della cultura degli eventi e del turismo di massa, per uno sguardo sui meccanismi dell’industria della mondanità.

Immagine: Lois Hechenkblaikner Ischgl 2012 © Lois Hechenblaikner

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLois Hechenblaikner. Ischgl and more. A pop-up project(ion)
CittàLugano
SedeLAC
DateDal 26/06/2020 al 06/09/2020
ArtistiLois Hechenblaikner
TemiFotografia, Lugano, Displaced, Lois Hechenblaikner

Il LAC di Lugano riapre con una mostra fotografica di Hechenkblaikner dedicata al turismo di massa e agli eccessi di Ishgl
Il LAC di Lugano riapre con una mostra fotografica di Hechenkblaikner dedicata al turismo di massa e agli eccessi di Ishgl


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


A Roma una mostra celebra i capolavori della Pixar, da Up a Toy Story, da Nemo a Coco
A Roma una mostra celebra i capolavori della Pixar, da Up a Toy Story, da Nemo a Coco
A Bologna una monografica dedicata a Yves Scherer
A Bologna una monografica dedicata a Yves Scherer
Da Canaletto a Guardi, il vedutismo veneziano è di scena nel principato di Monaco
Da Canaletto a Guardi, il vedutismo veneziano è di scena nel principato di Monaco
Endless Visions, la prima personale italiana di Tuomas Korkalo
Endless Visions, la prima personale italiana di Tuomas Korkalo
I nudi di Spencer Tunick ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo
I nudi di Spencer Tunick ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo
Com'era il volto di Dante? A Ravenna trenta artisti ne danno la propria versione. Ospite d'eccezione Milo Manara
Com'era il volto di Dante? A Ravenna trenta artisti ne danno la propria versione. Ospite d'eccezione Milo Manara