Perché rappresentare l'ordinario in pittura ci affascina? Una mostra a Bologna lo indaga


Dal 21 gennaio al 23 febbraio 2020, presso Palazzo de’ Toschi a Bologna, una mostra indaga la rappresentazione delle realtà ordinarie in pittura.  

Apre il 21 gennaio 2020, in occasione di Arte Fiera, a Bologna la mostra Le realtà ordinarie, visitabile presso Palazzo de’ Toschi fino al 23 febbraio 2020.

Curata da Davide Ferri, la rassegna esporrà dipinti realizzati da dodici artisti: Helene Appel (1976), Riccardo Baruzzi (1976), Luca Bertolo (1968), Andrew Grassie (1966), Clive Hodgson (1953), Maria Morganti (1965), Carol Rhodes (1959 – 2018), Salvo (1947 – 2015), Michele Tocca (1983), Patricia Treib (1979), Phoebe Unwin (1979), Rezi van Lankveld (1973). 

Obiettivo dell’esposizione è indagare alcuni aspetti della figurazione del presente, partendo da un’idea di rappresentazione dell’ordinario in pittura e da una serie di interrogativi sull’esistenza di una spinta verso i generi classici, sulla modalità in cui gli artisti possono assecondarla o contrastarla, sulla nascita di un’attrazione verso soggetti ordinari come nature morte, vasi di fiori, paesaggi, interni domestici. 

La mostra intende perciò tracciare i contorni di un ambito molto vasto che comprende quadri di genere e dipinti più ibridi o astratti che scaturiscono dall’osservazione di fenomeni minimi e quotidiani. 

Le realtà ordinarie è uno dei Main Project dell’edizione 2020 di ART CITY Bologna ed è presentato da Banca Bologna

Orari durante Art City: mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio dalle 16 alle 19, venerdì 24 gennaio dalle 10 alle 20, sabato 25 gennaio dalle 10 alle 24 e domenica 26 gennaio dalle 10 alle 20.
Orari ordinari: giovedì e venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 11 alle 19. Chiuso lunedì, martedì e mercoledì

Ingresso libero

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLe realtà ordinarie
CittàBologna
SedePalazzo de’ Toschi
DateDal 21/01/2020 al 23/02/2020
ArtistiSalvo, Maria Morganti, Helene Appel, Riccardo Baruzzi, Luca Bertolo, Andrew Grassie, Clive Hodgson, Carol Rhodes, Michele Tocca, Patricia Treib, Phoebe Unwin, Rezi van Lankveld
CuratoriDavide Ferri
TemiArte contemporanea

Perché rappresentare l'ordinario in pittura ci affascina? Una mostra a Bologna lo indaga
Perché rappresentare l'ordinario in pittura ci affascina? Una mostra a Bologna lo indaga


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Capodimonte un viaggio nella vita teatrale e quotidiana di Napoli
A Capodimonte un viaggio nella vita teatrale e quotidiana di Napoli
La storia della pubblicità alla Fondazione Magnani-Rocca
La storia della pubblicità alla Fondazione Magnani-Rocca
Palazzo Strozzi celebra Natalia Goncharova. A settembre la grande mostra
Palazzo Strozzi celebra Natalia Goncharova. A settembre la grande mostra
Palazzo Strozzi annuncia la mostra per la primavera 2021: arte americana dagli anni '60 ai Duemila
Palazzo Strozzi annuncia la mostra per la primavera 2021: arte americana dagli anni '60 ai Duemila
Anthropocene: al MAST di Bologna una mostra per indagare l'impronta dell'uomo sul mondo
Anthropocene: al MAST di Bologna una mostra per indagare l'impronta dell'uomo sul mondo
Alle Gallerie dell'Accademia di Venezia una mostra di disegni di Giacomo Quarenghi
Alle Gallerie dell'Accademia di Venezia una mostra di disegni di Giacomo Quarenghi