A Carrara una mostra che riflette sulla trasmissione dei saperi artigianali alle generazioni future


A Carrara è in arrivo la mostra Like marble like del collettivo Parasite 2.0 che riflette sulla trasmissione dei saperi tecnico-artigianali alle nuove generazioni.

Partirà il 3 marzo a Carrara, al Centro Arti Plastiche, la mostra Like marble like del collettivo Parasite 2.0, che giungerà come conclusione di una residenza d’artista bandita dal Comune di Carrara. La mostra, curata dall’Associazione Arteco guidata da Beatrice Zanelli, intende riflettere sul rischio di interruzione della trasmissione dei saperi tecnico-artigianali alle nuove generazioni: il collettivo Parasite 2.0, rileggendo la memoria storica conservata negli archivi locali, attraverso la pratica artistica contemporanea indaga il tema delle botteghe familiari con specifico riferimento alla realtà carrarese, ricca di laboratori che si sono trasmessi di generazione in generazione l’eredità del “saper fare” combinata all’eredità sanguigna e a quella patrimoniale. Condizioni che hanno consentito che si tramandassero esperienze nel corso dei secoli.

Il collettivo Parasite 2.0 è stato fondato nel 2010 a Milano dagli architetti Stefano Colombo, Eugenio Cosentino e Luca Marullo. Nel 2016 hanno vinto il premio YAP indetto dal Maxxi di Roma. Le loro opere sono state esposte alla XX Biennale di Architettura in Cile (2017), alla Biennale di Shenzhen (2015) e alla Biennale di Venezia (2012 e 2014). Hanno pubblicato il libro Primitive Future Office. Parasite 2.0 è rappresentato dalla galleria Operativa Arte Contemporanea di Roma. L’Associazione Arteco è attiva dal 2010 e opera nel campo della valorizzazione del patrimonio storico-artistico e architettonico, nella consapevolezza che tale patrimonio costituisca un insieme organico di opere strettamente legato al territorio che lo ha prodotto e rappresenti un elemento portante della società civile. Sostiene inoltre le nuove generazioni di artisti, identificandoli come sostanza necessaria al rinnovamento della società.

L’esposizione durerà fino al 14 aprile 2018 e sarà visitabile in orario d’apertura del CAP (dal martedì alla domenica, dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 18:30). A margine della mostra è inoltre previsto un fitto calendario di attività (incontri, talk, laboratori, attività per bambini, anche un tour per la città alla ricerca delle botteghe artigianali storiche). Per informazioni è possibile visitare il sito dei musei di Carrara.

Nell’immagine, il cortile del CAP di Carrara.

A Carrara una mostra che riflette sulla trasmissione dei saperi artigianali alle generazioni future
A Carrara una mostra che riflette sulla trasmissione dei saperi artigianali alle generazioni future


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER