A Manifattura Tabacchi sei artisti si confrontano in mostra sul tema della meraviglia


Manifattura Tabacchi presenta dall’1 al 28 giugno 2020 la mostra della seconda edizione delle Residenze d’Artista: sei artisti sul tema della meraviglia.

Dall’1 al 28 giugno 2020 la Manifattura Tabacchi propone la mostra La meraviglia che vede protagonisti i sei artisti che hanno partecipato alla seconda edizione delle Residenze d’Artista, progetto ideato e curato da Sergio Risaliti

Saranno esposte le opere di Davide D’Amelio, Anna Dormio, Bekhbaatar Enkhtur, Esma Ilter, Giulia Poppi e Negar Sh e, con l’apertura della mostra, prendono il via ufficialmente anche le candidature per la terza e ultima edizione del programma, che sarà dedicata all’Armonia: i sei artisti saranno comunicati a luglio e parteciperanno alle prossime Residenze da settembre a dicembre 2020.

L’edizione 2019-2020 è stata invece dedicata al tema della Meraviglia, nel suo senso più ampio: dai materiali alle tecnologie, dalle immagini alla produzione industriale e artigianale, artistica e poetica. Il progetto di Manifattura Tabacchi è stato ideato e curato da Sergio Risaliti in collaborazione con Paolo Parisi, nel ruolo di tutor. Gli artisti hanno interagito per sei mesi con gli spazi e con la storia di Manifattura Tabacchi, ma anche con l’esterno. Hanno avuto l’opportunità di approcciarsi al rapporto tra imprenditoria e artigianato attraverso visite presso collezioni d’arte come la Collezione Gori di Fattoria Celle, in luoghi di produzione del marmo, come gli studi d’Arte Cave Michelangelo e la Cava Museo Fantiscritti, di lavorazione del vetro e del legno, rispettivamente Collevilca e Adarte, e di fusione del bronzo, come la Fonderia Artistica Ferdinando Marinelli.

In residenza si sono confrontati con la progettazione di opere individuali e collettive realizzate al termine di un ricco programma di workshop e seminari tenuti da Stefania Galegati, Rä Di Martino, Pantani-Surace, Goldschmied&Chiari, Elena Mazzi e Robert Pettena.

“Il confronto tra culture, stili di vita e caratteri individuali” ha affermato Sergio Risaliti “è ancora più avvertito quest’anno per la varietà storico-geografica e culturale dei sei artisti, provenienti da Mongolia, Turchia, Iran, Emilia Romagna, Puglia e Molise. Queste storie e queste identità molto diverse hanno trovato un punto di coagulo nelle opere collettive che gli artisti hanno realizzato al termine dei sei workshop. E’ questo a mio avviso uno dei risultati più interessanti del percorso di formazione che conferisce un valore unico alle Residenze di Manifattura Tabacchi”.  

Durante la Residenza, i sei artisti hanno potuto arricchire la propria formazione tramite il confronto con artisti e curatori affermati, quali Alberto Garutti, Domenico Bianchi e Giacinto Di Pietrantonio. La mostra è quindi il risultato finale di questo percorso svolto all’insegna della sperimentazione e della multidisciplinarietà, tra fotografia, pittura, disegno, scultura, installazioni e video.  

“Cosa c’è di più attinente all’arte del termine meraviglia?” ha concluso Risaliti. “Creare cose meravigliose, generare stupore, non è forse il fine ultimo della creatività artistica? Pensando alla meraviglia, a cose meravigliose, abbiamo chiesto agli artisti in residenza di concentrarsi su una parola magica come quella. Meraviglia è forse la prima emozione che destò l’uomo dall’incoscienza godendo dello spettacolo della natura, meravigliandosi del proprio pensiero e delle proprie capacità manifatturiere. S’incrociarono, fatto straordinario e irreversibile, il sentimento e la cosa. La visione e il sentimento. Immaginiamo la meraviglia scaturita davanti al cielo stellato. Meraviglia addolcì il terrore di essere al mondo. Meraviglia dilatò le percezioni ampliando l’orizzonte visivo. L’intelligenza e la fantasia. ’Meraviglia’ è il termine che funge da cornice e punto di partenza al gesto artistico, adatto al progetto globale di Manifattura Tabacchi, dove il sapere è essenzialmente legato al saper fare contro la ripetizione di modelli, di stereotipi, in opposizione al sempre uguale. Sei giovani artisti di diversa cultura e preparazione - Davide D’Amelio, Anna Dormio, Bekhbaatar Enkhtur, Esma Ilter, Giulia Poppi e Negar Sh - hanno dato vita a un’esperienza di nuovo-rinascimento. Perché l’arte è da sempre produzione di cose meravigliose”.

Per info: manifatturatabacchi.com

Orari: Da lunedì a venerdì su prenotazione; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 20. Ingresso libero con accessi contingentati.

Nell’immagine, opera di Davide D’Amelio Ph.Credit Leonardo Morfini

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLa Meraviglia
CittàFirenze
SedeManifattura Tabacchi
DateDal 01/06/2020 al 28/06/2020
ArtistiBekhbaatar Enkhtur, Davide D’Amelio, Anna Dormio, Esma Ilter, Giulia Poppi, Negar Sh
CuratoriSergio Risaliti
TemiArte contemporanea

A Manifattura Tabacchi sei artisti si confrontano in mostra sul tema della meraviglia
A Manifattura Tabacchi sei artisti si confrontano in mostra sul tema della meraviglia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma