Al MAXXI una mostra su un critico: Alberto Boatto


Dal 1° al 10 ottobre, il MAXXI di Roma ospita una mostra dedicata ad Alberto Boatto, importante critico del secondo Novecento.

Dal 1° al 10 ottobre il MAXXI di Roma propone la mostra Alberto Boatto. Lo sguardo dal di fuori, a cura di Stefano Chiodi. Per la prima volta, un focus dedicato all’archivio di un critico, Alberto Boatto (Firenze, 1929 - Roma, 2017), una delle figure più originali e influenti del secondo Novecento italiano, testimone diretto delle radicali trasformazioni nelle pratiche artistiche a lui contemporanee.

Il progetto presenta una significativa selezione dall’archivio personale di Boatto, generosamente donato dalla famiglia al MAXXI nel 2019, costituito da corrispondenza, manoscritti e dalle sue numerose pubblicazioni. Vi si ritrovano tutti gli aspetti del suo lavoro intellettuale, gli scambi con amici, artisti, critici e scrittori, i quaderni di appunti, le prime stesure dei suoi libri e alcuni testi inediti di grande interesse. La somma di una vita di pensiero e di scrittura che si offre ora all’attenzione del pubblico e alle ricerche degli studiosi.

Quello di Boatto è stato uno “sguardo dal di fuori”, lo sguardo insieme del naufrago e dell’esploratore spaziale, di chi cioè osserva il mondo da un punto esterno, solitario, remoto, e ne coglie una fisionomia nuova e sorprendente.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAXXI.

Ph. credit: Massimo Piersanti

Al MAXXI una mostra su un critico: Alberto Boatto
Al MAXXI una mostra su un critico: Alberto Boatto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER