Un video inedito di Frances Mckenzie sul nostro periodo storico: lo presenta il MAXXI


Dal 3 al 5 marzo, il MAXXI di Roma presenta ’Bedfellows’, un video dell’artista canadese Frances Mckenzie che riflette sul nostro periodo storico.

Dal 3 al 5 marzo il MAXXI presenta il video inedito Bedfellows, una riflessione sulla condizione straniante del nostro periodo storico, diretto dalla canadese Frances Mckenzie (One Hundred Mile House, Canada, 1983). Con questo video l’artista mette in discussione cosa voglia dire vivere, prosperare e morire, e propone un futuro radicalmente diverso ispirato alla biologia forestale e all’ecologia femminista.

Grazie a un ricco repertorio di effetti video e alle voci narranti che interpretano i testi dei poeti Maya Khamala e David M. Armstrong, Bedfellows ci pone di fronte all’alterità e ci invita a vedere la vita attraverso gli occhi di creature e coscienze non umane. Ispirandosi agli scritti di biologia forestale e ambientale di Robin Wall Kimmerer e quelli di antropologia futurista di Ursula Le Guin, l’artista immagina un nuovo modo di vivere prendendo in prestito dalla natura concetti quali il mimetismo sessuale, l’evoluzione e la collaborazione tra le specie. Bedfellows punta a un futuro di ecologia al femminile e insiste sulla possibilità che la poesia, l’amore e la storia possano condurci oltre la paura del cambiamento, verso nuovi orizzonti.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAXXI.

Nell’immagine: Frances Mckenzie.

Un video inedito di Frances Mckenzie sul nostro periodo storico: lo presenta il MAXXI
Un video inedito di Frances Mckenzie sul nostro periodo storico: lo presenta il MAXXI


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma