Materie, spazi, visioni: Sophie Ko, Valerie Krause e Marco Andrea Magni dialogano con gli spazi di Building a Milano


Dal 29 gennaio al 28 marzo 2020 lo spazio BUILDING a Milano ospita la mostra Materie, spazi, visioni, un progetto espositivo dedicato a tre artisti, ovvero Sophie Ko (Tbilisi, 1981), Valerie Krause (Krefeld, 1976) e Marco Andrea Magni (Milano, 1975), che hanno progettato le opere per essere esposte in dialogo con l’architettura delle sale. La maggior parte dei lavori in mostra sono quindi opere site specific, nuove produzioni o lavori mai esposti prima, secondo la modalità espositiva che fa parte della tipica progettualità di BUILDING.

Ko, Krause e Magni sono tre artisti di diverso orientamento ma con alcuni tratti comuni: la rassegna vuole dunque essere a metà tra la collettiva e la personale, lasciando allo spettatore l’incombenza di cogliere differenze e affinità. Gli artisti si caratterizzano per la molteplicità delle scelte espressive, adottate con estrema libertà; materiali nobili e canonici convivono con altri che invece non sono convenzionali, e vengono scelti scelti senza soggezioni per il loro valore significante.

“Sophie Ko, Krause e Magni”, spiega il curatore Giorgio Verzotti, “sanno bene che per trasgredite una norma occorre conoscerla, averla assunta in tutta la sua pregnanza: solo allora si può tentare il suo ‘superamento’. La lezione modernista, in scultura nel suo rapporto con lo spazio, in pittura con l’istanza radicale del monocromo, è stata assimilata, ora si tratta di andare avanti. La conoscenza della storia dell’arte, non solo recente, si commisura con la frequentazione della filosofia come orientamento del lavoro, e forse dell’esistenza.Ciò che ora viene chiamato in causa è la sfera emozionale, la creatività dell’immaginario che forgia le materie, le forza ad assumere quasi lo spessore della metafora. Il pigmento compattato fra i vetri di Sophie Ko gradualmente cede alla forza di gravità e fa dell’opera un ente in divenire; le superfici di velluto di Magni trattengono la sabbia finissima di una clessidra, emblema di un tempo esploso; la linea interrotta di Krause disegna una diagonale frammentata che dinamizza il pavimento su cui è posta. Queste opere e le altre esposte assumono forza evocativa, all’osservatore viene chiesto di considerare le materie e le forme, così liberamente disposte nello spazio, per quello che sono, ma lo si invita anche a trascenderle, a cogliere l’aspetto visionario che ciascuna di esse ad un tempo nasconde e rivela”.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testi critici e un saggio per ogni artista (Andrea Pinotti per Sophie Ko, Giulia Bortoluzzi per Valerie Krause e Francesca Pasini per Marco Andrea Magni). Per tutte le info è possibile visitare il sito di BUILDING.

Nell’immagine: Sophie Ko, Geografia temporale. Risveglio della terra (pigmento puro e polline dei fiori, 25,5 x 31,5 cm)

Materie, spazi, visioni: Sophie Ko, Valerie Krause e Marco Andrea Magni dialogano con gli spazi di Building a Milano
Materie, spazi, visioni: Sophie Ko, Valerie Krause e Marco Andrea Magni dialogano con gli spazi di Building a Milano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma