A Milano la mostra fotografica di Maurizio Galimberti sulla storia del Novecento


Al Museo Diocesano di Milano, la mostra “Uno sguardo sulla nostra storia” ripercorre, con le fotografie di Maurizio Galimberti, la storia del Novecento. Dal 1° marzo al 1° maggio 2022.

Dal 1° marzo al 1° maggio 2022, il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano ospita Uno sguardo sulla nostra storia, la mostra che presenta 30 fotografie di grande formato di Maurizio Galimberti (Como, 1956), autore italiano tra i più conosciuti e celebrati del panorama artistico italiano e internazionale.

Galimberti, Ambassador Fuji dal 2017, si è affermato grazie alle sue composizioni a mosaico, realizzate con macchine fotografiche istantanee, nelle quali, il soggetto – sia esso una persona o una porzione di città – viene scomposto in numerosi scatti, spesso corrispondenti a diverse prospettive, e ricomposto in una immagine sfaccettata. In questa rassegna, curata da Denis Curti, Maurizio Galimberti, famoso per i suoi ritratti alle celebrità del cinema, dello sport, della cultura, della società, si confronta con la storia del Novecento, ripercorrendola attraverso i suoi protagonisti, quali Giovanni Paolo II, Nelson Mandela, madre Teresa di Calcutta, e quegli episodi cruciali che ne hanno caratterizzato lo svolgimento, dalla guerra in Vietnam, all’attentato alle Twin towers, alla pandemia di Covid-19.

“Con questo nuovo progetto”, afferma Denis Curti, “!il nostro Instant Artist prende in analisi alcune icone della nostra storia recente e, attraverso la poetica del ready made, restituisce nuova forza a quelle immagini così conosciute e, forse, fin troppo radicalizzate. Visti tutti insieme, questi mosaici appaiono subito come un campionario di eventi memorabili e ampiamente storicizzati e che qui, grazie all’intervento di rilettura di Galimberti, si trasformano in vere e proprie reliquie contemporanee. Galimberti sembra voler entrare con tutto se stesso in quelle storie e ci offre occhi nuovi, sguardi sgomenti capaci di farci riflettere”.

“In questo percorso”, sottolinea Nadia Righi, direttrice del Museo Diocesano di Milano, “la storia del Novecento viene vista attraverso episodi fortemente drammatici, con immagini che in molti casi sono rimaste impresse in ciascuno di noi, ma anche attraverso personaggi, volti e gesti che raccontano la possibilità di sguardo positivo sul reale”.

“Il progetto”, ricorda Maurizio Galimberti , “nasce da confronto con Paolo Ludovici, che ha prodotto l’intero lavoro e ha prestato tutte le opere esposte, con il quale condivido una sincera amicizia e una complicità progettuale capace di rinnovarsi ogni giorno”.

Usando la sua particolare tecnica, Galimberti esplora il Secolo breve, dando nuova vita e nuovi significati agli scatti realizzati da altri autori. Il percorso espositivo si compone di sezioni che ritraggono i principali attori del Novecento, qual è stato papa Giovanni Paolo II, o Nelson Mandela nel suo simpatico incrocio di pugni con Muhammad Ali, o Nikita Krusciov mentre sbatte la propria scarpa sullo scranno dell’Assemblea delle Nazioni Unite a New York, o ancora di madre Teresa di Calcutta nel tenero gesto di abbracciare un bambino.

Ed è proprio attraverso i volti dei più piccoli, quasi fossero dei profughi dei sogni, in urgenza di un futuro che appare arduo se non impossibile da affrontare, che Galimberti predilige raccontare le tragedie del ‘900.

Ecco allora le drammatiche immagini dei bambini di Auschwitz, della Cambogia di Pol Pot, del Vietnam, di Srebrenica, o ancora dei piccoli migranti morti su una spiaggia o separati dai genitori sul confine tra Stati Uniti e Messico, o che cercano salvezza tra le braccia dei soldati.

Galimberti non si dimentica di documentare la piaga del terrorismo, come l’attentato alle Olimpiadi di Monaco del 1972 o quello alle torri gemelle o ai militari italiani a Nassiria.

Accompagnano l’esposizione due volumi Skira, con testi di Denis Curti, Gianni Canova, Matteo Nucci e Maurizio Rebuzzini.

Maurizio Galimberti è attivo sulla scena artistica internazionale da più di trent’anni, conosciuto in tutto il mondo, oltre per la caratteristica poetica dei suoi progetti, anche per i ritratti di star come Lady Gaga, Robert De Niro, Johnny Depp e Umberto Eco, e per aver realizzato pubblicazioni e mostre site specific su New York, Parigi, Milano, Roma e Venezia. È stato testimonial mondiale di Polaroid International e oggi è considerato dalla critica un instant artist più che esclusivamente un fotografo.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito ufficiale del Chiostro Sant’Eustorgio.

Nell’immagine: Maurizio Galimberti, Martin Luther King (1963). Ph. credit: Bob Fitch photography Archive Department of Special collections, Stanford University Libraries

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraUno sguardo sulla nostra storia
CittàMilano
SedeMuseo Diocesano Carlo Maria Martini
DateDal 01/03/2022 al 01/05/2022
ArtistiMaurizio Galimberti
CuratoriDenis Curti
TemiFotografia

A Milano la mostra fotografica di Maurizio Galimberti sulla storia del Novecento
A Milano la mostra fotografica di Maurizio Galimberti sulla storia del Novecento


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


In arrivo per la prima volta a Milano una grande mostra dedicata a Piet Mondrian
In arrivo per la prima volta a Milano una grande mostra dedicata a Piet Mondrian
L'eros della rivoluzione di Tina Modotti a Palazzo Merulana di Roma
L'eros della rivoluzione di Tina Modotti a Palazzo Merulana di Roma
Ecco com'è la mostra di Achille Lauro al Mudec di Milano. Una wunderkammer di 22 metri
Ecco com'è la mostra di Achille Lauro al Mudec di Milano. Una wunderkammer di 22 metri
La donna come Madre Terra. Gli scatti di Dago in mostra a Milano
La donna come Madre Terra. Gli scatti di Dago in mostra a Milano
Camilla Martelli Medici, la sposa di privata fortuna di Cosimo I
Camilla Martelli Medici, la sposa di privata fortuna di Cosimo I
La Triennale di Milano sbarca a New York: al MoMA la sua mostra “Broken Nature”
La Triennale di Milano sbarca a New York: al MoMA la sua mostra “Broken Nature”