La ribellione della ragione: a Milano la mostra su Francisco Goya


Dal 31 ottobre 2023 al 3 marzo 2024, a Milano, Palazzo Reale ospita la mostra ’Goya. La ribellione della ragione’: racconto attraverso dipinti, incisioni e matrici in rame il mondo del genio spagnolo. In mostra anche alcune delle più importanti incisioni che resero Goya maestro assoluto di quest’arte.

Pittore della monarchia spagnola, artista colto e accademico, Francisco José de Goya y Lucientes (Fuendetodos, 1746 - Bordeaux 1828) ha contribuito con la propria opera a un cambio di paradigma mentale nell’arte spagnola del XVIII e XIX secolo. Al genio spagnolo, Palazzo Reale a Milano dedica, a partire dal 31 ottobre 2023 e fino al 3 marzo 2024, la mostra Goya. La ribellione della ragione, a cura di Víctor Nieto Alcaide, Delegato Accademico del Museo, Calcografia e Mostre della Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, Madrid. Goya iniziò il proprio percorso con opere legate ai temi tradizionali, cari alla committenza. Nel tempo però sviluppò uno sguardo personale verso soggetti intimi così come verso temi sociali. Il suo approccio alla pittura non era infatti meccanico o improvvisato ma partiva dalla ragione, da una lucida interpretazione etica e morale della società spagnola del tempo.

Notevole fu il suo contributo di critica al potere politico e religioso attraverso la satira sociale e la rappresentazione della crudeltà della guerra, che portava sofferenza umana prima ancora che glorie militari; spiazzante per il tempo in cui visse, infine, fu il sentimento di pietas verso gli emarginati, i poveri, i malati mentali, che Goya faceva trasparire dai suoi quadri. Un’arte di matrice illuminista, quindi, frutto della ragione ma allo stesso tempo espressiva e profondamente emotiva, tanto da risultare ancora oggi assolutamente moderna. L’esposizione di Palazzo Reale racconta attraverso dipinti, incisioni e matrici in rame il mondo di Goya, la sua esperienza della Storia, la sua attitudine di artista, il suo pensiero e la sua ideologia, e propone al visitatore le opere che meglio descrivono l’evoluzione artistica e i temi da lui trattati, raccontando però anche l’uomo e contemporaneamente l’instabile quanto cruento contesto storico e sociale che plasmò in maniera così unica il suo animo artistico e il suo pensiero intellettuale.

Francisco Goya, Annibale vincitore osserva l’Italia dalle Alpi per la prima volta (1771; olio su tela; Madrid, Museo Nacional del Prado)
Francisco Goya, Annibale vincitore osserva l’Italia dalle Alpi per la prima volta (1771; olio su tela; Madrid, Museo Nacional del Prado)
Francisco Goya, La Primavera (bozzetto) (1786; olio su tela; Madrid, Collezione privata)
Francisco Goya, La Primavera (bozzetto) (1786; olio su tela; Madrid, Collezione privata)
Francisco Goya, Il muratore ubriaco (bozzetto) (1786; olio su tela; Madrid, Museo Nacional del Prado)
Francisco Goya, Il muratore ubriaco (bozzetto) (1786; olio su tela; Madrid, Museo Nacional del Prado)
Francisco Goya, Las mulillas, o Il trascinamento del toro, dalla serie “Escenas de toros” (1793; olio su latta; Siviglia, Fundación Casa Ducal de Medinaceli)
Francisco Goya, Las mulillas, o Il trascinamento del toro, dalla serie “Escenas de toros” (1793; olio su latta; Siviglia, Fundación Casa Ducal de Medinaceli)
Francisco Goya, Il sonno della ragione genera mostri, dalla serie “Caprichos”, 43 (1797-99; acquaforte e acquatinta; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)
Francisco Goya, Il sonno della ragione genera mostri, dalla serie “Caprichos”, 43 (1797-99; acquaforte e acquatinta; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)

La mostra va però oltre, con un concept inusuale: attraverso una settantina di opere propone al visitatore i dipinti del maestro esposti in dialogo con alcune delle più importanti incisioni che resero Goya maestro assoluto di quest’arte, affiancate dalle loro originali matrici di rame. Un’occasione unica resa possibile grazie alla preziosa collaborazione con la Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, a Madrid, che - con la sua Calcografia Nacional - ha appena terminato a giugno 2023 di restaurare le matrici, in un progetto di recupero che non ha precedenti per complessità ed entità del lavoro e che per la prima volta in una mostra permette di ammirare le lastre di rame post restauro, nei loro originari dettagli ritornati alla luce e a confronto diretto con le stampe. Una dualità positivo-negativo che caratterizza anche l’allestimento di tutto il percorso espositivo, a cura dello Studio Novembre.

 Lungo tutto il percorso della mostra Goya. La ribellione della ragione emerge un fil rouge che corre trasversale alla generale visione cronologica delle sezioni. È il fil rouge dell’uomo Goya e della profondità del suo animo di illuminato, della sua ‘ragione’. Goya è uno degli artisti che apre alla modernità, pur rimanendo profondamente integrato nel suo tempo. Primo pittore di corte e direttore della Real Accademia di San Fernando, Goya ha la possibilità di relazionarsi con una cerchia di amici intellettuali fidati, con cui scambia vedute, sensibilità, posizioni politiche, sociali e culturali su quella che fu una lunga e tormentata epoca storica, satura di cambiamenti, trasformazioni e avvenimenti politici, sociali e ideologici. Sperimenta egli stesso una rivoluzione della pittura in sintonia con la complessità storica che si trova a vivere; un cambiamento che espresse sia attraverso le immagini sia trasformando la pittura in un linguaggio rivoluzionario, in grado di rompere con le regole e l’imitazione dei modelli. In conseguenza di ciò, Goya è il primo artista le cui opere sono frutto di esperienze, di sentimenti personali, di passioni e sofferenze, nonché della sua visione del mondo che lo circonda. È uno dei primi artisti a identificarsi con la vita. Da qui, la sua ossessione di spogliarsi dei vincoli della committenza per poter dipingere liberamente. Ecco perché non è possibile comprendere la sua pittura senza conoscere la sua vita, né la sua vita se non attraverso la sua pittura. Lo stile del pittore spagnolo infatti continua a evolvere, e lo fa fino alla morte. Dalla pittura convenzionale delle prime opere, in cui come tutti i pittori del suo tempo si sottomette alla tirannia della committenza, l’unica che paga gli artisti dando loro una fonte di sussistenza, fino alla fase finale della sua vita, durante la quale Goya distrugge la sua pittura per crearne una nuova, radicale e rivoluzionaria. Diversamente da quanto si è spesso ripetuto, Goya non fu un pittore spontaneo, amante dell’improvvisazione. Al contrario, come uomo e come artista, si rivelò un razionalista. Razionalismo che trova espressione nella critica rivolta alla situazione sociale, politica e morale.

Si dice che la pittura di Goya trasmigri dalla luce al buio, da una pittura luminosa dei primi tempi alla pinturas nigras, una pittura della vecchiaia dai toni cupi, neri, i toni del suo corpo e del suo animo malato e disilluso dalla Rivoluzione francese, da una società becera che ritrae così satiricamente nei suoi Caprichos, dai disastri e dalla brutture che la guerra segna sui corpi e nelle menti dei più deboli e degli emarginati sociali, come dipinti nei suoi quadri del ciclo I disastri della guerra o Il Manicomio o Scena di inquisizione: scene che raccontano un personale disagio interiore verso tutto ciò che c’era ‘fuori’, ma anche cariche di una pietas più alta, e profondamente moderna. Una trasmigrazione e un contrasto cromatico che la mostra non manca di enfatizzare sia traducendolo nell’allestimento stesso, sia nella videoinstallazione dedicata all’opera grafica di Goya, a cura di NEO (Narrative Environment Operas), dove la dualità luce e buio diventa anche positivo e negativo, immagine positiva della stampa e lastra incisa, ovvero l’immagine rovesciata della matrice.

Francisco Goya, Joaquina Candado Ricarte (1802-04; olio su tela; Valencia, Museo de Bellas Artes)
Francisco Goya, Joaquina Candado Ricarte (1802-04; olio su tela; Valencia, Museo de Bellas Artes)
Francisco Goya (attribuito a), Il Colosso (post 1808; olio su tela; Madrid, Museo Nacional del Prado)
Francisco Goya (attribuito a), Il Colosso (post 1808; olio su tela; Madrid, Museo Nacional del Prado)
Francisco Goya, Processione di flagellanti, dalla serie “Cuadros de fiestas y costumbres” (1808-12; olio su tavola; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)
Francisco Goya, Processione di flagellanti, dalla serie “Cuadros de fiestas y costumbres” (1808-12; olio su tavola; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)
Francisco Goya, Il manicomio, dalla serie “Cuadros de fiestas y costumbres” (1808-12; olio su tavola; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)
Francisco Goya, Il manicomio, dalla serie “Cuadros de fiestas y costumbres” (1808-12; olio su tavola; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)
Francisco Goya, Autoritratto (1815; olio su tavola; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)
Francisco Goya, Autoritratto (1815; olio su tavola; Madrid, Real Academia de Bellas Artes de San Fernando)

Le serie delle incisioni – presenti in mostra - hanno permesso a Goya di agire con quella libertà che non gli era concessa dai committenti delle opere di pittura, maggiormente incagliate nella retorica di corte o nel racconto di temi tradizionali. È alle incisioni che Goya affida il suo pensiero più intimo e libero, e che nel percorso di mostra trovano una particolare valorizzazione. Laddove la grafica – se pur limitata nel numero – è pur sempre riproducibile perché appunto è una ‘copia’, è la matrice in rame che costituisce effettivamente l’originale opera d’arte, da cui l’incisione deriva. Ecco perché avere in mostra la possibilità di ammirare le originali matrici in rame di alcune delle più importanti e famose opere incisorie di Goya, restaurate e riportate all’antico splendore, è un’occasione unica e irripetibile, anche per l’estrema delicatezza della movimentazione di questi manufatti dai depositi della sede dell’Istituto di Calcografia della Real Academia. Proprio perché così intime, le incisioni sono state espressioni dell’artista rivolte alla complicità di una clientela che gli era ideologicamente affine. Sebbene non manchino temi di costume, tuttavia, il maggior peso politico e ideologico di cui Goya carica le sue incisioni è incentrato sulla critica alla guerra e sull’irrazionale volo libero dell’immaginario. Costituiscono una critica, una ‘ribellione della ragione’ di fronte alla mancanza della ragione stessa nella barbarie bellica. Sono una testimonianza di angoscia, di rifiuto, ma allo stesso tempo un richiamo al ritorno dell’ordine della ragione. La fantasia e il sogno servono a liberare l’immaginario.

“Il razionalismo", scrive il curatore Víctor Nieto Alcaide, "non va confuso con l’ordine, il disegno e l’accademismo. Il razionalismo di Goya è ideologico ed egli lo proietta nelle sue opere utilizzando l’espressione come modalità che collega, da un lato, la critica sociale attraverso le tematiche e, dall’altro, la critica della pittura stessa, dissolvendo le forme convenzionali del bello. In Goya, l’ideale di bellezza viene trasformato nel valore plastico dell’espressione. Attraverso le sue opere Goya appare come l’origine, l’inizio e il punto di partenza di tutte le forme di pittura moderne poiché, sebbene l’espressività appaia come una forma istintuale, qui sembra sottomettersi ai dettami della ragione. E perché l’unico modo, creativo ed efficace, di rompere con l’assurdità, l’orrore e il terrore suscitati dalla mancanza della ragione è la ribellione della ragione stessa. Da qui, la validità della pittura di Goya, che sta nel non essere centrata su precisi eventi della Storia e nel fissare un valore universale e atemporale.”

Il progetto è promosso dal Comune di Milano-Cultura e prodotto da Palazzo Reale e 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, in collaborazione con la Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, a Madrid e con il patrocinio dell’Ambasciata di Spagna in Italia, dell’Ente del Turismo Spagnolo e dell’Istituto Cervantes di Milano. In occasione della mostra, 24 ORE Cultura ha pubblicato il catalogo Goya. La ribellione della ragion”, insieme al volume monografico a cura di Stefano Zuffi e, infine, la graphic novel “Francisco Goya. La tentazione dell’abisso”, dell’illustratore Otto Gabos. I volumi sono disponibili all’interno del bookshop della mostra, nelle librerie e online. Esclusa prevendita. Audioguida inclusa INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI palazzorealemilano.it | www.mostragoya.it ticket24ore.it | +39 02 54912

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Goya. La ribellione della ragione
CittàMilano
SedePalazzo Reale
DateDal 31/10/2023 al 03/03/2024
ArtistiFrancisco de Goya
CuratoriVictor Nieto Alcaide
TemiOttocento

La ribellione della ragione: a Milano la mostra su Francisco Goya
La ribellione della ragione: a Milano la mostra su Francisco Goya


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020