Balthus protagonista di una mostra alla Fondazione Beyeler di Basilea


Alla Fondazione Beyeler di Basilea, in Svizzera, è in programma una grande mostra dedicata a Balthus, dal 2 settembre 2018 al 1° gennaio 2019.

La Fondazione Beyeler di Basilea ospita, dal 2 settembre 2018 al 1° gennaio 2019, la mostra Balthus, dedicata al grande artista il cui vero nome era Balthasar Kłossowski de Rola (Parigi, 1908 - Rossinière, 2001): è la prima rassegna esaustiva dell’opera di Balthus mai organizzata nella Svizzera tedesca, nonché la prima mostra su Balthus in un museo svizzero da dieci anni a questa parte. È una mostra legata al territorio: è infatti risaputo che Balthus passò la sua infanzia a Berna, Ginevra e Beatenberg e che, dopo il matrimonio con Antonietta de Watteville, l’artista soggiornò a lungo in Romandia e in Svizzera tedesca, per terminare i suoi giorni nel villaggio di Rossinière, dove trascorse gran parte degli ultimi decenni della sua esistenza.

Balthus , considerato, uno dei più grandi maestri del ventesimo secolo, è anche uno degli artisti più singolari del Novecento: infatti, nel suo complesso lavoro dai molteplici aspetti, venerato da alcuni e rifiutato da altri, Balthus persegue una via artistica alternativa, quasi opposta alle correnti dell’avanguardia moderna. In questo percorso solitario, l’eccentrico pittore si rapporta ad un vasto numero di predecessori e di tradizioni artistiche e storiche: la distanza dal modernismo, in particolare, conduce Balthus a sviluppare una forma unica di avanguardia che appare oggi sempre più pertinente.

Punto di partenza della mostra è il monumentale Passage du Commerce-Saint-André, realizzato tra il 1952 e il 1954 e concesso in prestito di lunga durata alla Fondazione Beyeler: questa pittura enigmatica unisce in maniera esemplare le intense preoccupazioni di Balthus con le dimensioni spaziali e temporali dell’immagine e la loro relazione tra la figura e l’oggetto. Seguendo il fil rouge di queste considerazioni, questa mostra riunisce una quarantina di opere maggiori, rappresentative di tutti i periodi creativi dell’artista. In questa prospettiva saranno messe in luce le strategie alcune volte provocatrici della messa in scena pittorica di Balthus, e, soprattutto, l’ironia e l’abisso della sua arte.Le sue opere, allo stesso tempo tranquille commoventi, fanno convergere gli opposti e uniscono in modo unico sogno e realtà, erotismo e innocenza, obbiettività e mistero, così come il famigliare e l’insolito.

La mostra Balthus è sostenuta da Beyeler-Stiftung, Hansjörg Wyss, Wyss Foundation e L. & Th. La Roche Stiftung. Per maggiori info è possibile consultare il sito della Fondazione Beyeler.

Balthus protagonista di una mostra alla Fondazione Beyeler di Basilea
Balthus protagonista di una mostra alla Fondazione Beyeler di Basilea


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma