Agli Uffizi in mostra i bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi


Agli Uffizi una mostra per scoprire i bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi relativi a due grandi imprese artistiche della Firenze barocca.

Alla Galleria degli Uffizi, e nello specifico nella Sala del Camino, prende il via una particolare mostra che presenta ai visitatori due nuove, importanti acquisizioni da parte del museo di Firenze: si tratta di due bozzetti, uno di Luca Giordano (Napoli, 1634 - 1705) e uno realizzato da Taddeo Mazzi (Palagnedra, Svizzera, 1676 - Firenze, prima metà del XVIII secolo). Quello di Giordano è un bozzetto per i celebri affreschi che l’artista napoletano realizzò nella cappella Corsini in Santa Maria del Carmine, nel 1682, all’epoca del suo soggiorno in città, quando fu chiamato da Bartolomeo e Neri Corsini per i lavori nella cappella di famiglia finalizzati a celebrare i Corsini con un affresco rappresentante la Gloria di sant’Andrea Corsini: è un grande capolavoro dell’arte barocca che decora la cupola della cappella. Quello di Mazzei, invece, è relativo a una pala per la cappella dell’Antella al santuario di Monte Senario (opera del 1725-1726). La presenza dei bozzetti nella collezione degli Uffizi intende ribadire il legame che unisce la Galleria al territorio: “le due piccole tele infatti”, si legge nella presentazione, “richiamano grandi cicli decorativi che fanno parte del tessuto storico e artistico della città e dei suoi dintorni e rappresentano, inoltre, un invito a visitare luoghi di grande fascino ma meno noti al grande pubblico”.

La mostra vuol proprio fare riferimento al territorio fin dal titolo, che è Gli Uffizi e il territorio. Bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi per due grandi complessi monastici (il periodo dell’esposizione è dal 5 settembre al 15 ottobre 2017). Oltre ai bozzetti, in mostra ci saranno anche gli autoritratti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi, già presenti nella raccolta degli Uffizi fin dall’epoca dei Granduchi di Toscana, e altri due bozzetti, un ulteriore studio di Luca Giordano per la cappella Corsini (che arriva dalla Galleria Corsini di Roma) e uno di Antonio Domenico Gabbiani (Firenze, 13 febbraio 1652 – 22 novembre 1726) realizzato anch’esso per il santuario di Montesenario, in particolare per l’affresco della volta della navata.

Per la Cappella Corsini, Giordano realizzò almeno tre bozzetti: quello che è protagonista della mostra fu acquistato nel 2016 dagli Uffizi sul mercato antiquario, dove ricomparve in occasione della Biennale di Firenze del 2015 (lo si riteneva disperso) ed è probabilmente il più importante in quanto raffigura la scena principale dell’affresco. Il bozzetto di Mazzi, artista meno noto, è invece come anticipato relativo alla cappella dell’Antella al santuario di Montesenario: il pittore ticinese si occupò degli affreschi della cupola e della pala d’altare, opere che pongono Mazzi entro la cultura artistica della Firenze settecentesca (si trasferì infatti molto giovane in Toscana, a soli diciotto anni, e si unì alla folta comunità lombarda presente nella città granducale). L’opera dell’Antella, realizzata nel 1726, appartiene alla fase estrema di una carriera nella quale l’artista affrontò esclusivamente soggetti religiosi e che lo vide a contatto con l’ambiente mediceo.

“Con l’acquisto dei due bozzetti di Luca Giordano e del ticinese toscanizzato Taddeo Mazzi”, sottolinea il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, “s’intende invitare i visitatori da un canto a calarsi nella mente dei due artisti nel momento della contemplazione museale delle opere, dall’altro a recarsi alla cappella Corsini in Santa Maria del Carmine e al santuario servita di Monte Senario a Vaglia, per assimilare tutta la bellezza delle opere finali (e molto più grandi) in loco. Sarà un cimento straordinario, intellettuale e fisico, dall’idea iniziale alla realizzazione pubblica, dallo spazio chiuso del museo alla città aperta, e al meraviglioso contado con le sue ricchezze nascoste”.

La mostra è curata da Alessandra Griffo e Maria Matilde Simari (che hanno curato anche il catalogo edito da Giunti) e si avvale degli allestimenti realizzati da Opera Laboratori Fiorentini e Donata Vitali su progetto di Antonio Godoli con la collaborazione di Antonio Russo, e di un racconto multimediale a cura di Mirko Peripimeno e Federica Strufaldi (Lo Studio/35). Visitabile dal martedì alla domenica con orario 8:15-18:50 (biglietti per gli Uffizi: intero 12,50 euro, ridotto 6,25 euro, gratuito per minori di 18 anni, diversamente abili, giornalisti, docenti e studenti di architettura, beni culturali, scienze della formazione, lettere o filosofia con indirizzo archeologico o storico artistico, insegnanti). Maggiori informazioni sul sito www.gallerieuffizimostre.it.

Immagine: Luca Giordano, Sant’Andrea Corsini presentato dalla Vergine è accolto nella gloria celeste dalla Santissima Trinità (Gloria di Sant’Andrea Corsini) (1682; bozzetto per la scena principale della cupola affrescata della cappella Corsini nella chiesa di Santa Maria del Carmine di Firenze, olio su tela, 130 x 96 cm; Firenze, Gallerie degli Uffizi, Galleria delle Statue e delle Pitture)

Informazioni sulla mostra

CittàFirenze
SedeGallerie degli Uffizi
DateDal 30/11/-0001 al 30/11/-0001
ArtistiLuca Giordano, Taddeo Mazzi
TemiSeicento

Agli Uffizi in mostra i bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi
Agli Uffizi in mostra i bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Arriva l'ottava edizione del festival di fotografia Cortona on the Move, quest'estate
Arriva l'ottava edizione del festival di fotografia Cortona on the Move, quest'estate
Alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana esposti i Tarocchi del Mantegna
Alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana esposti i Tarocchi del Mantegna
La più grande monografica italiana di Albert Oehlen a Palazzo Grassi
La più grande monografica italiana di Albert Oehlen a Palazzo Grassi
Alla GAM di Torino l'Italia vista con lo sguardo di 14 grandi fotografi
Alla GAM di Torino l'Italia vista con lo sguardo di 14 grandi fotografi
Roma: fino al 30 settembre la mostra sul primo Novecento nella collezione Jacorossi, dal simbolismo all'astrazione
Roma: fino al 30 settembre la mostra sul primo Novecento nella collezione Jacorossi, dal simbolismo all'astrazione
Dialogo tra Egizi ed Etruschi alla Centrale Montemartini
Dialogo tra Egizi ed Etruschi alla Centrale Montemartini