A Bologna una mostra per riscoprire Carlotta Gargalli, talentuosa artista neoclassica


Il Museo Ottocento Bologna dà il via a una serie di mostre monografiche sulle pittrici emiliane e comincia da una figura quasi dimenticata, quella di Carlotta Gargalli, talentuosa artista neoclassica che, dal 31 ottobre 2023 al 7 gennaio 2024, è protagonista di una monografica.

Il Museo Ottocento Bologna dà il via a una serie di mostre monografiche sulle pittrici emiliane e comincia da una figura quasi dimenticata, quella di Carlotta Gargalli (Bologna, 1788 - Roma, 1840), talentuosa artista neoclassica che, dal 31 ottobre 2023 al 7 gennaio 2024, è protagonista della mostra Carlotta Gargalli (1788-1840). Una pittrice bolognese nella Roma di Canova, a cura di Ilaria Chia e Francesca Sinigaglia. La rassegna è stata ideata per sottolineare la modernità di quest’artista, che grazie al suo talento e alla sua determinazione seppe affermarsi in un contesto artistico al tempo quasi interamente dominato dagli uomini.

La mostra del Museo Ottocento ricostruisce il corpus pittorico e il profilo biografico di Carlotta Gargalli, puntando ad approfondire i rapporti tra Antonio Canova e i giovani che studiavano all’Accademia del Regno italico a Palazzo Venezia, da lui presieduta, un’istituzione che ebbe vita breve ma che formò alcuni degli artisti più brillanti del tempo, a partire da Francisco Hayez e Tommaso Minardi. L’apporto di Canova fu fondamentale anche per l’avvio della carriera di Carlotta Gargalli. Fu solo grazie all’interessamento del grande scultore di Possagno che la pittrice poté farsi largo nell’ambiente artistico dell’epoca, che tuttavia mantenne sempre un atteggiamento piuttosto ostile verso di lei e il suo lavoro.

All’interno del percorso espositivo sono presentate circa venti opere tra le migliori della pittrice bolognese, e altre di artisti coevi (alcune anche inedite e restaurate dal Museo Ottocento Bologna), provenienti da diverse istituzioni: Pinacoteca Nazionale di Bologna, Biblioteca comunale dell’Archiginnasio, Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna, MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Accademia di Belle Arti di Bologna, Gallerie degli Uffizi, Firenze e da collezioni private. A queste è affiancata una selezione di documenti d’epoca in prestito dall’Archivio Storico dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. In occasione dell’esposizione, inserita all’interno del percorso di mostra, sarà presentata per la prima volta al pubblico anche una nuova acquisizione del Museo Ottocento Bologna, l’opera di Giambattista Bassi Il giardino del lago a Villa Borghese.

Il programma prevede anche diverse attività per approfondire la figura e l’opera dell’artista, come la conferenza Approfondimento su Carlotta Gargalli (1788-1840) prima pittrice dell’800 in programma giovedì 14 dicembre alle 16.30 (ingresso gratuito senza prenotazione) al Museo Civico del Risorgimento (piazza Carducci 5, Bologna) a cui seguirà una visita guidata alla mostra (biglietto: 12€ intero / 10€ ridotto). Presso il Museo Ottocento Bologna è inoltre previsto un percorso didattico per le scuole secondarie di I e di II grado intitolato Sguardi al femminile: un racconto per tappe che va dalla Preistoria al Novecento per ricostruire gli sguardi dei pittori sull’universo femminile e scoprire le difficoltà che le artiste del passato hanno dovuto affrontare per affermarsi in campo artistico. Ingresso: 5€ a partecipante / gratuito per insegnanti accompagnatori e ragazzi diversamente abili o con certificato disagio economico. Per informazioni e prenotazioni: info@mobologna.it | tel. 051 4989511 oppure Alice Granatiero (Responsabile della didattica) tel. 340 3457835.

La mostra è accompagnata da una monografia bilingue (italiano/inglese), la prima pubblicata su Carlotta Gargalli, a cura di Ilaria Chia e Francesca Sinigaglia, con le immagini di tutte le opere esposte, i saggi critici di Francesca Sinigaglia, Ilaria Chia, Maria Romeo e le schede di Orfeo Cellura, Ilaria Chia, Federico Piscopo e Francesca Sinigaglia. Il comitato tecnico-scientifico che presiede la mostra è composto da Ilaria Chia, Vera Fortunati, Francesca Lui, Antonella Mampieri, Alfonso Panzetta e Francesca Sinigaglia.

Carlotta Gargalli, Ritratto della famiglia de Bianchi (1818 circa; olio su tela, 150x200 cm; Collezione privata)
Carlotta Gargalli, Ritratto della famiglia de Bianchi (1818 circa; olio su tela, 150x200 cm; Collezione privata)
Carlotta Gargalli, Artemisia (1807; olio su tela, 98x90 cm; Bologna, MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna)
Carlotta Gargalli, Artemisia (1807; olio su tela, 98x90 cm; Bologna, MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna)

Cenni biografici

Carlotta Gargalli nasce nel 1788 a Bologna, “figlia d’arte”: il padre è Filippo Gargalli, abile ritrattista con cui la giovane inizierà a studiare. Nel 1804 si iscrive ai corsi dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, nata in seguito alla soppressione dell’Accademia Clementina. Risulta così la prima donna iscritta all’Accademia e a frequentarne le lezioni. Nel 1811, su interessamento di Antonio Canova, ottiene il privilegio, a quel tempo impensabile per una donna, di studiare a Roma con una sovvenzione statale. Rimane nella città eterna fino al 1815, frequentando gli ambienti dell’Accademia del Regno italico (1812-1815), istituzione presieduta dal diplomatico Giuseppe Tambroni sotto la supervisione di Canova, dove si raccolgono gli artisti e gli studenti più brillanti provenienti dalle accademie d’arte di Venezia, Bologna, Milano. Gargalli ritorna poi a Bologna, inaugurando un periodo di lavoro intenso, durante il quale produce ritratti, soggetti sacri e copie dei capolavori della Pinacoteca Nazionale. Nel 1821, anno delle nozze con il medico Carlo Luigi Rovinetti, Gargalli è già un’artista affermata, tanto da essere definita l’«Elisabetta Sirani dei nostri giorni». Nei decenni successivi la sua attività rallenta, minata anche da gravi lutti famigliari (la morte del marito e della figlia), per poi terminare definitivamente nel 1840, l’anno della sua morte. In un opuscolo del 1841, a significare la straordinaria emancipazione di questa donna, viene segnalato che la pittrice detiene un «Gabinetto di quadri», che gestisce a Roma in via del Corso 63. La vita di Carlotta Gargalli è stata raccontata nel romanzo «L’allieva di Canova» di Ilaria Chia, Damster Edizioni, 2022.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCarlotta Gargalli (1788-1840). Una pittrice bolognese nella Roma di Canova
CittàBologna
SedeMuseo Ottocento Bologna
DateDal 31/10/2023 al 07/01/2024
ArtistiCarlotta Gargalli
CuratoriFrancesca Sinigaglia, Ilaria Chia
TemiNeoclassicismo, Arte antica

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020