Torino, per la prima volta in Italia la grande mostra su Tim Burton


A Torino, il Museo Nazionale del Cinema ospita nella sua sede, alla Mole Antonelliana, la grande mostra dedicata all’universo del regista Tim Burton: la rassegna arriva per la prima volta in Italia.

Una grande mostra dedicata a uno dei più amati registi contemporanei, Tim Burton, per la prima volta in Italia: è Il mondo di Tim Burton, rassegna visitabile al Museo Nazionale del Cinema di Torino dall’11 ottobre 2023 al 7 aprile 2024. La rassegna, ideata e co-curata da Jenny He in collaborazione con Tim Burton e adattata da Domenico De Gaetano per gli spazi della Mole Antonelliana, sede del Museo del Cinema, vuole essere un viaggio nell’universo visionario e nella creatività di Tim Burton. Esposti oggetti, disegni, bozzetti e documenti provenienti dall’archivio personale del regista, per mostrare la varietà della sua intensa produzione creativa.

La mostra vuole essere anche l’esplorazione definitiva della produzione artistica di Tim Burton, oltre che del suo stile. Dieci le sezioni, 500 gli oggetti in mostra, tra opere d’arte originali, raramente o mai viste prima, dagli esordi fino ai progetti più recenti, passando per schizzi, dipinti, disegni, fotografie, concept art, storyboard, costumi, opere in movimento, maquette, pupazzi e installazioni scultoree a grandezza naturale. Un percorso a tema condurrà i visitatori e i fan a immergersi nello straordinario universo di Tim Burton, sperimentando un approfondimento della sua sensibilità e scattando foto con la figura del Balloon Boy, e si avrà la possibilità di esplorare l’esatta replica dello studio personale dell’artista insieme a documenti eccezionali su progetti attuali o non realizzati.

L’itinerario di visita segue le orme del regista e dell’evoluzione della sua singolare immaginazione visiva di artista postmoderno multidimensionale, in una sorta di autobiografia raccontata attraverso il suo processo creativo senza limiti. Attraverso la presentazione unica dell’opera di Tim Burton, la sua visione unica trascende i mezzi e i formati, rendendo chiaro come idee, temi e persino alcune immagini specifiche della sua arte siano finite nei film più iconici che oggi associamo allo sfarzoso spettacolo cinematografico.

Molto prima del successo critico e commerciale nei generi live-action e animazione, Burton si è ispirato ai film in televisione, alle animazioni, ai fumetti sui giornali, ai miti e alle favole raccontate a scuola e ad altre forme di cultura popolare, incorporando queste influenze di sempre nella sua arte e nei suoi film. Gli schizzi della sua infanzia dimostrano la varietà di Burton e richiamano il lavoro dei suoi predecessori, tra cui fumettisti e illustratori classici come Edward Gorey, Charles Addams, Don Martin e Theodore Geisel. Anche l’impatto dei film di mostri giapponesi, del cinema espressionista, del catalogo horror degli Universal Studios e dei maestri della suspense William Castle e Vincent Price permeano il suo lavoro.

“Ancora una volta il Museo Nazionale del Cinema rende omaggio a un grande artista di fama internazionale”, sottolinea Enzo Ghigo, presidente del Museo Nazionale del Cinema. “Con la sua grande creatività e maestria ha dato vita a film universali, apprezzati da tutti, appassionati e non. Per oltre 30 anni ci ha conquistato con le sue storie, da Beetlejuice e Batman fino al recente grande successo di Mercoledì, la seconda serie Netflix in lingua inglese più vista in assoluto”.

“Ospitare Tim Burton a Torino è un sogno che si realizza”, afferma Domenico De Gaetano, direttore del Museo Nazionale del Cinema. “L’immaginario fantastico dei suoi film ha accompagnato le nostre vite, dai bambini agli adulti, e sarà meraviglioso vedere come il mondo colorato e stravagante di Tim Burton si inserirà nel magico spazio della Mole Antonelliana. La mostra è stata ospitata in altri Paesi in spazi espositivi convenzionali, e sono sicuro che il Museo Nazionale del Cinema si trasformerà per unire follia architettonica e genio creativo, oltre a inserirsi nel progetto strategico di internazionalizzazione del nostro ente”.

Note biografiche

Timothy Walter Burton (Burbank, 1958) è cresciuto a Burbank, in California, un quartiere omogeneo della periferia americana che lo ha spinto a trovare tregua e a fuggire dalla sua insipidezza. Ampiamente conosciuto come uno degli artisti più fantasiosi e come regista capace di realizzare gli effetti visivi più fantastici, ha reinventato il cinema di genere hollywoodiano come espressione di una visione personale, raccogliendo per sé un pubblico internazionale di fan e influenzando una generazione di giovani artisti che lavorano nel cinema, nel video e nella grafica. Burton ha studiato al CalArts per diventare un pioniere di un genere cinematografico onirico, grottesco e bellissimo che non era mai esistito prima. La sua iconica filmografia degli ultimi tre decenni comprende Beetlejuice (1988), Batman (1989), Edward mani di forbice (1990), The Nightmare Before Christmas (1993), Ed Wood (1994), Big Fish (2003), La sposa cadavere (2005), Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street (2007), Alice in Wonderland (2010), Dumbo (2019) e Wednesday, la seconda serie Netflix in lingua inglese più vista. Ha creato uno stile artistico chiamato “Burtonesque” e, sebbene sia ampiamente conosciuto come regista, Tim Burton è anche un artista di spicco, dotato di talento in varie aree artistiche, tra cui belle arti, fotografia e scultura, che lavora nello spirito del Pop Surrealism.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIl mondo di Tim Burton
CittàTorino
SedeMuseo Nazionale del Cinema
DateDal 11/10/2023 al 07/04/2024
CuratoriTim Burton, Jenny He
TemiArte e cinema

Torino, per la prima volta in Italia la grande mostra su Tim Burton
Torino, per la prima volta in Italia la grande mostra su Tim Burton


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020