Il Duomo di Brescia omaggia Valentino Vago con la mostra Nella luce


Con la mostra Nella luce, il Duomo di Brescia omaggia l’artista Valentino Vago a pochi mesi dalla sua scomparsa.

Dal 27 maggio al 24 giugno 2018 il Duomo Vecchio di Brescia ospiterà la mostra "Nella luce. Valentino Vago nel Duomo di Brescia", a cura di Paolo Sacchini e Alfredo Scaratti realizzata in collaborazione con la Collezione Paolo VI - arte contemporanea e l’Archivio Valentino Vago.

A pochi mesi dalla scomparsa dell’artista, la mostra intende omaggiare uno dei più sensibili interpreti dell’arte sacra nell’età contemporanea.

Saranno esposte opere del periodo compreso tra il 1981 e il 2017: un percorso espositivo per raccontare il tema del sacro caro all’artista, dalla narrazione all’astrazione, dove sono predominanti luce e colore.

Paolo Sacchini, uno dei curatori dell’esposizione, ha affermato: "Valentino Vago è sempre riuscito a ’evocare’ la sfera del metafisico - senza cedere alla tentazione di una sua impossibile ’descrizione’ - attraverso una pittura allo stesso tempo delicata e intensa, letteralmente intrisa di luce e di colore e capace di trasportare lo spettatore in una dimensione sovrasensibile e anzi’totalmente altra’attraverso la dolcezza straordinaria delle sue tinte e del suo stesso ductus pittorico che appare sempre molto controllato negli esiti nonostante la felice spontaneità della sua mano".

Orari: Tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.

Ingresso libero

Ph.Credit: Bruno Bani

Il Duomo di Brescia omaggia Valentino Vago con la mostra Nella luce
Il Duomo di Brescia omaggia Valentino Vago con la mostra Nella luce


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER