A Torino una collettiva sulla trasformazione del lavoro in epoca post-industriale e digitale


Dal 23 settembre 2021 al 16 gennaio 2022 le OGR Officine Grandi Riparazioni di Torino presentano la collettiva “Vogliamo tutto” per riflettere sulla trasformazione del lavoro in epoca post-industriale e digitale.  

Negli spazi di OGR Officine Grandi Riparazioni sarà allestita dal 23 settembre 2021 al 16 gennaio 2022 la mostra collettiva Vogliamo tutto, una mostra sul lavoro, tra disillusione e riscatto. 

Curata da Samuele Piazza con Nicola Ricciardi, la rassegna intende riflettere sulla trasformazione del lavoro nel contesto post-industriale e digitale, tra coscienza e disillusione, precarietà e riscatto.

Tredici artisti internazionali presenteranno le loro installazioni, sculture, i loro video e le loro performance invitando il pubblico a osservare i resti di un recente passato industriale e le ambivalenze di nuove condizioni lavorative.

Il titolo trae ispirazione da Vogliamo tutto, romanzo di Nanni Balestrini sulla lotta operaia a Torino, a cinquant’anni dalla sua pubblicazione. 

Gli artisti coinvolti saranno Andrea Bowers, Pablo Bronstein, Claire Fontaine, Tyler Coburn, Jeremy Deller, Kevin Jerome Everson, LaToya Ruby Frazier, Elisa Giardina Papa, Liz Magic Laser, Adam Linder, Sidsel Meineche Hansen, Mike Nelson, Charlotte Posenenske.

Per info: ogrtorino.it

Orari: Giovedì e venerdì dalle 12 alle 21, sabato e domenica dalle 10 alle 21. 

A Torino una collettiva sulla trasformazione del lavoro in epoca post-industriale e digitale
A Torino una collettiva sulla trasformazione del lavoro in epoca post-industriale e digitale


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma