Montevarchi, in mostra l'arte di Ottone Rosai tra le due guerre, tra opere note e inediti


Fino al 27 giugno 2021 il Palazzo del Podestà di Montevarchi ospita una mostra dedicata a uno dei maestri del Novecento, Ottone Rosai, tra opere note e inediti. 

Inaugurata il 29 ottobre 2020, ottenendo da subito l’interesse del pubblico e della stampa, e poi costretta a chiudere, come tutti i musei e le mostre il 6 novembre a causa dell’emergenza sanitaria, la rassegna dedicata all’artista del Novecento Ottone Rosai (Firenze, 1895 - Ivrea, 1957) allestita nel Palazzo del Podestà a Montevarchi (Arezzo) ha riaperto ai visitatori e rimarrà visitabile fino al 27 giugno 2021. Una breve riapertura era stata concessa dal 21 gennaio al 12 febbraio: pochi giorni per poter ammirare i capolavori esposti grazie ai preziosi prestiti. 

Organizzata dal Comune di Montevarchi, la mostra dal titolo Ottone Rosai. Capolavori fra le due guerre (1918 - 1939) riunisce cinquanta opere del celebre artista, tra disegni e oli, tutte comprese tra il 1919 e il 1932, ovvero il ventennio tra le due grandi guerre. Provenienti da collezioni private, le opere esposte si dividono tra alcune notissime e altre totalmente inedite. Queste ultime costituiscono proprio la novità e la peculiarità della mostra, poiché sono state scoperte grazie alle ricerche del professor Giovanni Faccenda all’interno di collezioni private e nelle case di coloro che, in territorio toscano e non solo, ebbero rapporti con l’artista o con i suoi galleristi ed eredi. Tra le novità si conta il ritrovamento e l’identificazione di un dipinto del 1932, Baroncelli, presentato erroneamente in molte pubblicazioni come Paesaggio, ignorando l’indicazione autografa al verso del quadro, a carboncino, dello stesso Rosai. L’opera è visibile in mostra ed era già presente nella storica rassegna di Palazzo Ferroni del 1932. E ancora, lo straordinario ritrovamento di un vinile in cui Rosai, con la sua voce avvolgente, legge due brani della sua famosa raccolta di racconti Via Toscanella

Ottone Rosai è uno dei più importanti maestri italiani della pittura del Novecento, che fu in grado di leggere le novità del suo tempo alla luce dell’arte del Trecento e Quattrocento toscano. Dopo gli elogi che Soffici e i Futuristi gli riservarono in occasione di una sua mostra che si tenne nel 1913, quando aveva soli diciotto anni, partì per il primo conflitto mondiale: quell’esperienza si concluse con numerosi atti eroici e vari encomi. Per la prima volta, l’esposizione curata da Giovanni Faccenda (massimo esegeta di Rosai e curatore del Catalogo Generale Ragionato delle Opere di Rosai) intende concentrarsi sulla produzione dell’artista compiuta nell’arco cronologico compreso tra le due guerre, e intende essere unica nel suo genere per varie peculiarità storiche e scientifiche mai prima d’ora esibite. Obiettivo della rassegna è superare una lettura molto spesso superficiale e antiquata dell’arte di uno dei maggiori autori italiani del Novecento, apprezzato da Francis Bacon, che nel 1962 dichiarò durante un’intervista televisiva: “Non esito a fare il nome di Ottone Rosai, uno fra i più grandi pittori di questo secolo: soprattutto gli autoritratti e i nudi che egli ha dipinto, gli uni all’inizio, gli altri alla fine degli anni Quaranta, hanno generato in me profonde riflessioni e non pochi trasalimenti”. Recentemente anche Georg Baselitz ha acquistato opere dell’artista toscano a dimostrazione di quanto la pittura di Rosai sia espressione di una voce contemporanea. 

Le opere più famose, quali Follie estive, Partita a briscola, Incontro in via Toscanella, Il Fiaccheraio, sono affiancate da molti inediti, come Donne sulla panchina, l’intera collezione Carpani di Roma, Ragazzo fiorentino, un Paesaggio del 1938. Accanto al nucleo pittorico è presenta un corpus di suoi disegni più rari e pregiati, realizzati nei caffè letterari fiorentini e per le riviste culturali alle quali collaborò. 

Il catalogo comprende testimonianze di scrittori, poeti, intellettuali e storici dell’arte che sostennero l’arte di Rosai: tra questi, Soffici, Ungaretti, Palazzeschi, Gadda, Montale, de Chirico, Savinio, Bo, Malaparte, Montanelli, Testori e Pasolini. 

È possibile visitare la mostra dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19 e il sabato, la domenica e festivi dalle 10 alle 20. La biglietteria si trova presso l’Ufficio Promozione del Territorio, in via Roma, 89. Il costo del biglietto intero è di 7 euro, mentre per quello ridotto è di 5 euro con l’aggiunta di 0.50 euro per la prevendita. L’acquisto del biglietto dà diritto all’ingresso gratuito al Museo del Cassero per la Scultura (aperto dal giovedì alla domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19). Per la prenotazione e l’acquisto del biglietto online è possibile accedere al sito https://discoverarezzo.ticka.it.

La mostra prevede inoltre visite guidate a cura di ItineraCerta (telefono 3297380387; mail visite.palazzopodesta@gmail.com); le visite si effettuano il sabato, domenica e festivi dalle ore 13 alle ore 15 e per gruppi in orari al di fuori dell’apertura della mostra. Il costo della visita guidata è di 5 euro a persona, durata un’ora circa.  

Per info: www.comune.montevarchi.ar.it 

Immagine: Ottone Rosai, Incontro in via Toscanella, dettaglio (1922; olio su tela, 70 x 35 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraOttone Rosai
CittàMontevarchi
SedePalazzo del Podestà
DateDal 29/10/2020 al 27/06/2021
ArtistiOttone Rosai
TemiMontevarchi, Palazzo del Podestà, Ottone Rosai

Montevarchi, in mostra l'arte di Ottone Rosai tra le due guerre, tra opere note e inediti
Montevarchi, in mostra l'arte di Ottone Rosai tra le due guerre, tra opere note e inediti


La consultazione di questo articolo è e rimarrà sempre gratuita. Se ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma