A Oxford la mostra più radicale di Marina Abramović. Ai visitatori il ruolo di artisti performativi


Alla Modern Art Oxford si terrà il progetto espositivo più radicale di Marina Abramović, in cui ogni visitatore diventerà artista performativo. La celebre artista affida proprio al visitatore il ruolo principale. 

La celebre artista performativa Marina Abramović presenta dal 24 settembre 2022 al 5 marzo 2023 una nuova mostra site-specific alla Modern Art Oxford. Gates and Portals, questo il titolo dell’esposizione, intende esplorare gli stati di transizione dell’essere ed è stata pensata e sviluppata dopo una residenza di ricerca al Pitt Rivers Museum di Oxford nell’estate del 2021.

La particolarità di questa mostra consiste nel fatto che ogni visitatore potrà partecipare come artista al progetto espositivo insieme a un piccolo gruppo di persone: incontrerà infatti cancelli e portali che inviteranno alla contemplazione della consapevolezza corporea e alla riflessione sulla dimensione mentale. Marina Abramović affida dunque in questo senso un fondamentale ruolo al visitatore, che affronterà il percorso espositivo superando una successione di cancelli e di portali. Ha concepito questo progetto come il suo più radicale perché proprio perché affida al visitatore il ruolo dell’interprete. L’artista non sarà infatti presente nel corso della mostra.

“È un tentativo di fare qualcosa di diverso, perché in una normale mostra sei solo un testimone silenzioso. Alla Modern Art Oxford, invece di limitarti a guardare le opere d’arte di fronte a te, parteciperai a un’esperienza che succederà a te”, ha anticipato la Abramović.

Per la natura stessa dell’esposizione, è obbligatorio prenotare online in anticipo la visita, specificando data e ora precisa. Sono previste alcune istruzioni necessarie alla visita: all’inizio dell’esperienza si dovranno riporre i propri effetti personali in un armadietto, seguirà poi un incontro con mediatori culturali appositamente formati nel metodo Abramović. La mostra richiederà ai visitatori di stare in piedi per lunghi periodi di tempo e sono previsti magneti e luci molto forti.

La mostra è supportata dal Pitt Rivers Museum.

Per maggiori info: https://www.modernartoxford.org.uk/

Immagine: Marina Abramović, Presence and Absence (2022). Per gentile concessione dell’artista e del Pitt Rivers Museum, Università di Oxford. Foto di Tim Mano.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraGates and Portals
CittàOxford
SedeModern Art Oxford
DateDal 24/09/2022 al 05/03/2023
ArtistiMarina Abramović
TemiArte contemporanea, Performance

A Oxford la mostra più radicale di Marina Abramović. Ai visitatori il ruolo di artisti performativi
A Oxford la mostra più radicale di Marina Abramović. Ai visitatori il ruolo di artisti performativi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Marsiglia la Gioconda è al centro di uno show immersivo per entrare nel dipinto
A Marsiglia la Gioconda è al centro di uno show immersivo per entrare nel dipinto
Paul Gauguin, il dipinto “Tahitiani in una stanza” è in mostra a Vicenza
Paul Gauguin, il dipinto “Tahitiani in una stanza” è in mostra a Vicenza
Roma, ai Musei Capitolini una mostra sulle opere caravaggesche della collezione di Roberto Longhi
Roma, ai Musei Capitolini una mostra sulle opere caravaggesche della collezione di Roberto Longhi
A Torino una mostra dedicata ad Emilio Prini organizzata dalla Fondazione Merz
A Torino una mostra dedicata ad Emilio Prini organizzata dalla Fondazione Merz
A riveder le stelle: a Padova gli artisti contemporanei omaggiano Dante e Giotto
A riveder le stelle: a Padova gli artisti contemporanei omaggiano Dante e Giotto
A Carrara la personale del fotografo Enrico Amici, dedicata all'identità e alle trasformazioni del territorio
A Carrara la personale del fotografo Enrico Amici, dedicata all'identità e alle trasformazioni del territorio