Una mostra fotografica per indagare la Padova sacra


Il Museo Antoniano nella Basilica del Santo ospita una mostra fotografica per indagare sulla Padova sacra. 

Negli spazi espositivi del Museo Antoniano alla Basilica di S.Antonio di Padova sarà allestita dal 4 ottobre al 10 novembre 2019 la mostra Padova Sacra. Arte architettura, religiosità e devozione popolare nell’immagine fotografica, 1850-1931

Il percorso espositivo intende evidenziare negli scatti fotografici la vicinanza al sacro attraverso i luoghi, gli oggetti, i riti, le persone. I visitatori potranno ammirare immagini rare originali provenienti da collezioni pubbliche e private realizzate da grandi protagonisti della storia della fotografia italiana, come Domenico Bresolin, Giacomo Caneva, Antonio Sorgato, Carlo Naya, Luigi Borlinetto, i fratelli Alinari, Costante Agostini, Francesco Bonaldi, Antonio Perini, Pietro Poppi, Arturo Pospisil, Vito Malaguti e Luigi Fiorentini.

“In questi ottanta anni la fotografia si è dimostrata uno strumento indispensabile di ricerca artistica e di documentazione storica, lasciando alla nostra contemporaneità il ruolo importante di archiviazione, gestione e studio di tutto il materiale di immagini faticosamente (e fortunatamente) depositato negli archivi pubblici e privati. Sta a noi comprendere quanto solo un’attenta analisi critica di tutto quello che è stato può garantirci la salvaguardia della nostra identità e, nella certezza del nostro migliorarci, poter garantire un sereno e proficuo destino futuro” ha commentato Giuseppe Vanzella, curatore della mostra. 

"Questa mostra è l’ideale continuazione del percorso tracciato dalle precedenti esibizioni Il Santo com’era e Vincenzo Coronelli nelle raccolte delle Pontificia Biblioteca Antoniana, entrambe organizzate dalla Veneranda Arca di S. Antonio. Dopo aver trattato e valorizzato l’antica arte della stampa e l’affascinate arte incisoria, Padova Sacra riparte laddove si era fermata la mostra Il Santo com’era, ovvero dalla metà del XIX secolo e da questa nuova arte, la fotografia appunto, che per certi aspetti integra e in parte sostituisce l’arte incisoria. Lo sguardo soggettivo dell’artista incisore lascia spazio alla visione oggettiva e documentale dello strumento fotografico e alla sensibilità del fotografo che lo trasforma in arte" ha aggiunto il coordinatore della mostra, Alessandro Borgato.

L’esposizione è curata dal collezionista e studioso di storia della fotografia, Giuseppe Vanzella, e coordinata da Alessandro Borgato, consulente della Veneranda Veneranda Arca di S. Antonio, curatore delle raccolte artistiche e consulente per la Pontificia Biblioteca Antoniana. Organizzata dalla Veneranda Arca di S. Antonio in collaborazione con la Pontificia Basilica di S. Antonio, il Museo Antoniano e con il patrocinio del Comune di Padova, è realizzata nell’ambito di Photo Open Up, Festival Internazionale di fotografia. 

Per info: www.arcadelsanto.org

Ingresso libero e gratuito

Immagine: Carlo Naya, Il Santo visto dall’Orto botanico (1865 circa)

Una mostra fotografica per indagare la Padova sacra
Una mostra fotografica per indagare la Padova sacra


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER